FANDOM


  • Zio Paperone e un fiume di soldi
  • Commenti



Zio Paperone e un fiume di soldi
Chas
Informazioni generali
Codice Inducks:AR 106
Prima uscita:12/1987
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:26
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Gladstone



Zio Paperone e un fiume di soldi (Cash Flow) è una storia di Don Rosa del dicembre 1987.

Trama

Un pomeriggio come un altro al Deposito: mentre Paperino spala il denaro, Zio Paperone racconta con degli accenni ai nipotini le principali tappe della sua grande avventura affaristica.

La quiete è rotta da un allarme: i Bassotti in forze stanno per attaccare. Vengono prima ostacolati dal filo spinato e dai cannoni; poi, quando riescono ad avvicinarsi alla parete esterna, il buco che scavano nel muro viene ostruito dalle banconote che non fanno fuoriuscire il denaro.

Devono così entrare nell'edificio e de' Paperoni addirittura disattiva alcuni allarmi per farli avvicinare, cannoneggiandoli con la "Berta" quando sono a un passo dalla cassaforte con 7 serrature realizzata in metallo speciale Impervium.

Respinti, l’unico guadagno è un dollaro del 1899 (valore 50 dollari). Con questa moneta riescono a comprare tutti i cavoli che servono a un certo professore che stava studiando un modo per inventare i cavoli inodori.

Lo scienziato senza nome era già stato incrociato nell'avventura Zio Paperone e l'isola del cavolo di Carl Barks. Stavolta ha inventato due pistole a raggi: uno elimina i coefficienti di frizione superficiale, ovvero rende qualsiasi cosa colpisca superscivolosa, l'altro elimina l'inerzia, rendendo per esempio inoffensivi i proiettili.

Grazie a questi due strumenti, impiegati a loro vantaggio, i Bassotti hanno gioco facile nell'assalire di nuovo il Deposito, vanificando ogni antifurto e sopraffacendo i paperi.

Per fermarli, Paperone irradia il suo stesso denaro con il raggio scivolante, trasformandolo in un'enorme massa liquida. E all'ennesimo assalto dei bassotti con dei bulldozer, il Deposito collassa, spargendo un vero e proprio fiume di soldi per tutta Paperopoli.

Riversatasi dalle condutture nel Tulebug, la marea di denaro alla fine viene intercettata dai paperi poco prima che si perda nell'oceano grazie a delle capienti chiatte e riportata alla base. I Bassotti, invece, ancora grazie al raggio scivolante finiscono dritti in prigione.

Paperino, che voleva una ricompensa, non riesce ad afferrarla sempre per effetto del raggio e rimane beffato dallo Zione.

Pubblicazioni

Storia precedente Zio Paperone e un fiume di soldi Storia successiva
Paperino e l'auto a pezzi

Recalled

Settembre 1987 Paperino e i pasticci... di zucca

Fit

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.