FANDOM


  • Zio Paperone e la palude del non ritorno
  • Commenti


Zio Paperone e la palude del non ritorno
Le marais sans retour 4
Informazioni generali
Nome originale:The Swamp of No Return
Codice Inducks:W US 57-02
Sceneggiatura:Carl Barks
Disegni:Carl Barks
Prima uscita:ottobre 1964 (strisce quotidiane); Uncle Scrooge 57, maggio 1965
Prima uscita italiana:Topolino 524, 12 dicembre 1965
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:24
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Dell



"AIUTO! AIUTO! Non c'è nessuno che mi dica chi sono e perché sono qui?"
Zio Paperone perso nella Palude Tetra

Zio Paperone e la palude del non ritorno (in originale, The Swamp of No Return; altro titolo italiano, Zio Paperone e la palude senza ritorno) è una storia scritta e disegnata da Carl Barks, pubblicata su strisce quotidiane nel 1964 e poi su Uncle Scrooge n. 55 del maggio 1965. La storia è attualmente (settembre 2015) alla settantesima posizione delle 100 migliori storie Disney di sempre secondo il sito INDUCKS[1].

TramaModifica

Un pacifico scienziato paperopolese mette a punto una straordinaria invenzione, simile a una macchina fotografica, in grado, se caricata con apposite cartucce, di sviluppare istantaneamente conoscenze di ogni tipo in persone e animali, benché con l'effetto indesiderato di renderli momentaneamente privi della memoria di sé. L'inventore decide di sottoporre il suo ritrovato a Paperon de' Paperoni, chiedendogli un finanziamento per perfezionare la macchina e prospettandogli enormi guadagni.

Paperone accetta e si rende conto personalmente della genialità dell'invenzione: purtroppo il console di Brutopia ha intercettato la telefonata fra l'inventore e il multimiliardario e intende appropriarsi illegalmente della macchina, che potrebbe essere utilissima al suo paese per ottenere il dominio sul mondo intero. Quindi lo straniero si introduce nella casa dello scienziato, lo aggredisce facendogli perdere i sensi, e punta la macchina - momentaneamente programmata per spingere le persone colpite ad andare nella terribile Palude Tetra - su di lui. Subito dopo telefona a Paperone, e fa agire l'invenzione su di lui attraverso la linea telefonica: così le uniche due persone a conoscenza della rivoluzionaria macchina, a parte il console di Brutopia stesso, perdono la memoria e contemporaneamente sono irresistibilmente attratte a recarsi in quel luogo sperduto e pericoloso, e il politico straniero può avere campo libero, anzi si offre con uno stratagemma di accompagnare lui stesso l'inventore e Paperone nella Palude Tetra, per sbarazzarsene il prima possibile.

Tuttavia Paperino incontra casualmente lo zio accompagnato dal console e, notata la sua stranezza, ne parla con Qui, Quo, Qua. Poco dopo il giovane papero si rende conto di aver riconosciuto un politico brutopiano da una foto sul giornale, e telefona al consolato per avere spiegazioni: ma il console ancora una volta punta la macchina su di lui, col risultato che anche Paperino vuole assolutamente recarsi nella Palude Tetra.

I nipotini, non volendo abbandonare lo zio, decidono di accompagnarlo nella palude con l'elicottero delle Giovani Marmotte; una volta sul posto, incontrano Paperone e l'inventore del marchingegno, che sono perfettamente tornati in sé (infatti l'effetto dell'invenzione è solo temporaneo) e non sanno come raggiungere nuovamente Paperopoli. Dato che l'elicottero delle Giovani Marmotte affonda nelle sabbie mobili, nessuno sa come organizzare il ritorno: se non che in breve la palude si affolla di alti dell'esercito, inviati dal console di Brutopia per facilitare la conquista del mondo da parte del suo paese.

Con uno degli elicotteri che sono serviti a trasportare i nuovi arrivati i paperi riescono a tornare a Paperopoli, e trovano buona parte degli abitanti soggiogati dalla nuova invenzione, ormai rivelatasi definitivamente troppo pericolosa per l'umanità. L'unica via di scampo è cercare di distruggere il macchinario, ancora saldamente nelle mani del console brutopiano. Paperone cerca di sparare alla macchina ma sbaglia mira, e lo straniero cerca di neutralizzarlo puntando su di lui l'invenzione, caricata con una cartuccia a caso: fortunatamente, la cartuccia trasforma chi viene colpito in un infallibile pistolero, e grazie a ciò Paperone riesce facilmente a colpire la macchina.

AnalisiModifica

Una trovata eccentrica e assai poco credibile (l'invenzione di una macchina in grado di conferire straordinarie abilità, ma anche di obbligare chiunque a fare pressoché qualunque cosa) è alla base di questa interessante storia barksiana di media lunghezza, che alterna motivi comici - soprattutto le reazioni degli individui colpiti dalla macchina, che a seconda dei casi si trasformano temporaneamente in scienziati, artisti o altro - a elementi più inquietanti, sia pure trattati in maniera non troppo drammatica: la crisi d'identità di chi perde la memoria, e soprattutto la rappresentazione di due temi ricorrenti nella parte centrale del Novecento (la paura di conflitti internazionali orchestrati da minacciose potenze straniere, e lo sgomento di fronte ai crescenti progressi tecnologici, in grado, se manipolati da menti criminali, di portare alla rovina dell'umanità).

Barks ripropone per l'occasione come antagonista un personaggio della temibile Brutopia, simbolo stesso della potenza straniera totalitaria e minacciosa, che ricorda fin troppo chiaramente l'Unione Sovietica (o piuttosto l'immagine che se ne aveva all'epoca negli Stati Uniti); invece il personaggio dell'inventore della macchina, benché molto simile per caratterizzazione ad Archimede Pitagorico, è una creazione originale e non più riproposta in altre storie.

CuriositàModifica

  • Il pappagallo su cui l'inventore collauda la sua macchina, trasformandolo in un provetto cantante, intona la celeberrima canzone napoletana 'O sole mio, sia nell'originale che nella maggior parte delle traduzioni: è un caso assolutamente eccezionale di uso di un dialetto italiano da parte di autori statunitensi.

Pubblicazioni in ItaliaModifica

La storia è stata pubblicata undici volte in Italia:

  • Topolino 524 (1965)
  • Albi della rosa / Albi di Topolino 962 - Zio Paperone e la palude senza ritorno (1973)
  • Cartonatoni Disney 7 - Noi, Qui Quo Qua (1978)
  • Complete Carl Barks 30 (1980)
  • Paperino di Barks collezione ANAF 57-B (1984)
  • Zio Paperone 23 (1991)
  • I Grandi Classici Disney 176 (2001)
  • Zio Paperone (ristampa) 23 (2002)
  • Topolino Story (Corriere della Sera) 17 - Topolino Story 1965 (2005)
  • La grande dinastia dei paperi 30 - 1965 - Zio Paperone e i misteri della cattedrale (2008)
  • Uack! 19 (2015)

NoteModifica

  1. [1] Top 100 Inducks
Storia precedente Zio Paperone e la palude del non ritorno Storia successiva
Zio Paperone e la tazza di tè

Tazzaditè

Maggio 1965 Zio Paperone e la distrazione che costa

Distrazionechecosta

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.