FANDOM


  • Zio Paperone e la fonte della giovinezza
  • Commenti


Zio Paperone e la fonte della giovinezza
Fontedellagiovinezza
Informazioni generali
Nome originale:That's No Fable!
Codice Inducks:W US 32-01
Sceneggiatura:Carl Barks
Disegni:Carl Barks
Prima uscita:dicembre 1960, Uncle $crooge n° 32 (Stati Uniti)
Prima uscita italiana:7 maggio 1961

Topolino 284

La storia
Personaggi principali:


Numero pagine:18
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Dell Comics



Zio Paperone e la fonte della giovinezza (in originale, That's No Fable!; altri titoli italiani, Paperino e la fonte della giovinezza, Zio Paperone e la fontana della giovinezza) è una storia scritta e disegnata da Carl Barks, pubblicata per la prima volta nel 1960 negli Stati Uniti, e l'anno successivo anche in Italia.

Trama

Trovandosi con i parenti nel Deposito di Paperon de' Paperoni, Nonna Papera accenna alla storia di un loro lontano antenato, Don Papito Espadón, che nel Cinquecento avrebbe cercato invano una leggendaria fonte della giovinezza in Florida. Paperino e Qui, Quo, Qua ribattono che la fonte esisteva veramente e che loro stessi e lo zio Paperone l'hanno vista. La Nonna crede che la vogliano prendere in giro, ma Paperone conferma le parole dei nipoti, e spiega di non aver voluto acquistare la fonte perché il prezzo era troppo alto. Alle legittime proteste dell'anziana papera, il multimiliardario inizia il suo racconto.

Paperone, intenzionato a fare un cospicuo investimento comprando un appezzamento di terra e costruendoci sopra un'intera città, si recò con Paperino e i nipotini in Florida. Per risparmiare sull'acquisto del terreno, il ricco papero cercava espressamente una zona paludosa poco o nulla frequentata, e un agente immobiliare locale gliene consigliò una virtualmente inesplorata, quasi sconosciuta dai tempi dell'esploratore Don Papito. Paperone, abbastanza convinto, lasciò un anticipo riservandosi di perfezionare l'acquisto dopo aver visto il terreno.

Una volta arrivati sul posto, i paperi scoprirono che al centro della località che interessava a Paperone si trovava un laghetto con un isolotto, notarono con sorpresa sull'isolotto due ragazzi in armatura, in una zona in cui non ci si doveva aspettare nessuna presenza umana. A bordo di un canotto, Paperone e nipoti raggiunsero l'isolotto e videro che i due ragazzi parlavano spagnolo ed erano piuttosto bellicosi, tanto da forare il canotto con un colpo di archibugio. Dopo le prime incomprensioni, i personaggi riuscirono a spiegarsi: Pablo e Pedro - questo il nome dei due ragazzi in armatura - avevano fatto parte dell'esercito di Don Papito Espadón, e durante una perlustrazione del territorio erano casualmente approdati all'isolotto. Però, attraversando il laghetto erano improvvisamente ringiovaniti, trasformandosi da quarantenni ad adolescenti.

Era chiaro che Pablo e Pedro avevano scoperto la famosa fonte della giovinezza. Non erano però in grado di tornare indietro, dato che attraversando il laghetto avevano perso più della metà dei loro anni, e facendo lo stesso percorso in senso inverso sarebbero letteralmente scomparsi. Non potendo dare nessun segnale di sé ai loro commilitoni, i due non furono più trovati ed evidentemente dati per dispersi: per più di quattro secoli erano stati capaci di sopravvivere bevendo l'acqua della fonte della giovinezza, che garantiva loro nutrimento, giovinezza e salute a tempo indeterminato. E i paperi erano i primi esseri intelligenti con cui fossero venuti a contatto da allora.

Il problema però si poneva anche per Paperone e nipoti: il canotto, distrutto, non poteva più trasportarli, e Paperino, per non dire di Qui, Quo e Qua, era troppo giovane per tentare una traversata a nuoto. Paperone, seppure molto più anziano, non si sentiva di rischiare perché nuotava molto lentamente. In ogni caso, passando i giorni i diritti di Paperone sull'acquisto del terreno sarebbero venuti meno; e i soli quaranta dollari che avrebbe dovuto pagare, se paragonati con il rischio di perdere la vita, sarebbero stati un prezzo troppo alto, come aveva anticipato a Nonna Papera.

Il gruppo rimase in una situazione di stallo finché lo stesso agente immobiliare con cui Paperone era venuto a contatto si addentrò nelle paludi, intenzionato, una volta scaduti i termini dell'accordo con il magnate, a costruire lui stesso una città in quel luogo. L'intervento del nuovo proprietario permise ai paperi e ai soldati spagnoli di salvarsi, ma le ruspe prosciugarono definitivamente la fonte con i suoi straordinari poteri.

La vicenda si concluse senza nessun profitto per Paperone, che ebbe per di più lo smacco che l'agente immobiliare diede alla nuova città lo stesso nome che il multimiliardario aveva scelto: Espadonia, in onore di Don Papito Espadón.

Analisi

Una delle tante storie di Barks che trae spunto da leggende di varie tradizioni tratta della favolosa fonte della giovinezza, la cui esistenza nel primo Cinquecento era data per certa e che fu effettivamente cercata in Florida poco dopo la scoperta del Nuovo Mondo (Don Juan Ponce de León, il generale spagnolo che si dedicò a queste esplorazioni, è introdotto nell'universo dei paperi come Don Papito Espadón).

La storia è basata su un lungo flashback (con la presenza di Nonna Papera, personaggio poco utilizzato dal Barks più maturo, come interlocutore non onnisciente) che a sua volta contiene un ulteriore flashback dato dal racconto di Pablo e Pedro, e dal punto di vista narrativo deve molto alla spiazzante affermazione iniziale dello Zione alla Nonna, per cui quaranta dollari sarebbero stati un prezzo troppo alto per la inestimabile fonte.

Il fascino della vicenda è dato anche dalla raffigurazione di luoghi ancora selvaggi e dalla ricostruzione storica di vicende di secoli prima, oltre che dalle possibili riflessioni sulla brevità della vita umana, nonché sul paradossale tragico destino di chi, esponendosi troppo all'acqua miracolosa, finirebbe per non essere mai nato e scomparirebbe in maniera non dissimile da chi morisse di vecchiaia.

Pubblicazioni in Italia

In Italia la storia è stata edita undici volte:

  • Topolino 284 (1961)
  • Albi della rosa / Albi di Topolino 617 - Paperino e la fonte della giovinezza (1966) idem [24 pagine]
  • Cartonatoni Disney 7 - Noi, Qui Quo Qua (1978) *Complete Carl Barks 24 (1980)
  • I Classici Disney (seconda serie) 120 - Arcidisney (1986)
  • Paperino di Barks collezione ANAF 42 (1987) Zio Paperone e la fontana della giovinezza
  • Zio Paperone 12 (1988) Zio Paperone - La fontana della giovinezza
  • Paperinik e altri supereroi 39 (1996)
  • Zio Paperone 95 (1997)
  • Zio Paperone (ristampa) 12 (2001)
  • Paperino Mese 264 (2002)
  • Topolino Story (Corriere della Sera) 13 - Topolino Story 1961 (2005)
  • La grande dinastia dei paperi 22 - 1960-61 - Zio Paperone e la fonte della giovinezza (2008)
  • Uack! 12 (2015)
  • Raccolta Paperinik e altri supereroi 7
  • Raccolta Zio Paperone 3
Storia precedente Zio Paperone e la fonte della giovinezza Storia successiva
Un gentiluomo ingegnoso

Gentiluomoingegnoso

Dicembre 1960 Archimede Pitagorico - Credete agli stregoni!

Credeteaglistregoni

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.