• Zio Paperone e la Regina del Cotone
  • Commenti



Zio Paperone e la Regina del Cotone
Regina del cotone.jpg
Informazioni generali
Nome originale: The Great Steamboat Race
Codice Inducks: W US 11-01
Sceneggiatura: Carl Barks
Disegni: Carl Barks
Prima uscita: settembre 1955 (Stati Uniti)
Prima uscita italiana: Albi d'oro n.2, gennaio 1956
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine: 16
Lingua originale: Inglese



"Sarebbe bello essere un gentiluomo del sud!... Mi vedo già a Villa Granoturco, seduto in veranda, a sorseggiare una bibita, mentre i contadini suonano il banjo!"
Paperone

Zio Paperone e la Regina del Cotone (in originale The Great Steamboat Race; altro titolo italiano, Zio Paperone in La grande corsa dei battelli a vapore) è una storia scritta e disegnata da Carl Barks e pubblicata per la prima volta nel settembre 1955.

Trama

Gentiluomo del sud

Paperone viene sfidato da Chiodo Suinello a completare la gara sui battelli a vapore, che i loro avi avevano iniziato ottantacinque anni prima e mai concluso, poiché entrambi i battelli affondarono per lo scoppio delle caldaie e si trovano ancora sul fondo del Mississippi; sono la Regina del Cotone di Mani Buche de’ Paperoni e la Bella del Fiume di Porcello Suinello. Tale gara serviva per decidere una volta per tutte a chi spettasse la proprietà di Villa Granoturco, situata anch'essa vicino al punto dove i due battelli affondarono. Paperone non ha nessuna voglia di accettare la sfida, ma si lascia convincere da Paperino e Qui, Quo, Qua che gli suggeriscono come in quella proprietà potrebbe vivere come un “autentico gentiluomo del Sud” e la prospettiva alletta lo zione.

Chiodo Suinello

Cosi, dopo aver accettato la sfida, Paperone e nipoti si ritrovano assieme al rivale e al suo equipaggio sulle rive del Mississippi dove entrambi proveranno a recuperare i relitti dei battelli a vapore. Mentre Suinello impiega innumerevoli risorse e molto denaro per estrarre e riparare il suo battello, Paperone, grazie a un'idea di Qui, Quo, Qua, riesce a far riemergere l’imbarcazione con camere d’aria gonfiate ed assicurate alla nave da fil di ferro; spende il meno possibile e può partire senza altre riparazioni.


L'emersione

Poiché si trova a corto di carburante, Paperone decide di utilizzare alcuni barili di pece trovati a bordo e acquisisce così un leggero vantaggio sul suo avversario. Il vantaggio tuttavia non dura molto, perché, pur vicini al traguardo, i paperi devono recuperare la mappa di navigazione, persa a causa di un fortissimo starnuto di Paperone allergico alla muffa, e poi ancora sbagliano strada perché la mappa è vecchia e non riporta i cambiamenti del corso del fiume: si trovano bloccati da un ammasso di fango e devono tornare indietro.
Altri imprevisti si presentano ancora a Paperone: la pece è finita, il timone si stacca ad un altro starnuto dello zione e la Bella del fiume li ha raggiunti. Ma il battagliero Paperone utilizza tutto il legno recuperabile per carburante, guida l’imbarcazione puntando l’asta della bandiera contro l’argine e procede in un sofferto testa a testa col rivale finché il battello di Suinello non cede, spezzandosi in due poiché il nuovo motore montato è troppo potente per quel vecchio battello. Anche il legno sta per finire ma, grazie a un nuovo potente starnuto di Paperone che funge da insolito propellente, la nave arriva al traguardo.

Il rudere

Paperone e i nipoti ottengono la villa, che, disabitata da novant’anni e ormai e molto malandata, finisce per crollare al solito starnuto. Paperone scatena la sua ira verso il nipotame che l'ha convinto a intraprendere questa sfida che non gli ha portato nulla.

Analisi

La storia di Barks è capostipite di varie altre ambientate sul pittoresco Mississippi, anche dell’italiana Zio Paperone e i cannoni del Mississippi di Guido Martina e Romano Scarpa. Del resto, lo stesso Topolino esordi in Steamboat Willie, seppure in periodi e con modalità diverse e su un generico corso d’acqua.
Il Mississippi, più d’ogni altro fiume nordamericano, ha sempre esercitato grande fascino nell’immaginario collettivo ed è evocatore appunto di musica, vedute selvagge e viaggi su battelli a vapore dalla foggia caratteristica. Barks ci propone quindi alcune delle sue splendide immagini, come il recupero della Regina del cotone e la gara de battelli; ma alla storia è sotteso anche il confronto nord-sud degli States, confronto conflittuale il più delle volte, in questa storia invece trattato con leggerezza nell’immagine di un Paperone-gentiluomo del sud, che riposa nella sua veranda per una volta in tranquillo ozio.

Riferimenti

l'albero genealogico

  • Don Rosa riprese questa storia in Il signore del Mississippi del 1992, raccontando di una seconda gara tra i due primi contendenti e dando a questi una fisionomia, che manca invece nella storia di Barks: quello di Don Rosa è un episodio della sua Saga di Paperon de' Paperoni e dà corpo al personaggio di Angus Mani Buche, fratello del padre di Paperone, Fergus.
  • Chiodo Suinello (Horseshoe Hogg) è il primo Pig Villain della serie barksiana e neppure il più cattivo; mantiene infatti una sua signorilità, pur nella sfida accesa.

Pubblicazioni in Italia

La storia è stata pubblicata dodici volte in Italia:

  • Albi d'oro 2 - Zio Paperone e la Regina del Cotone (1956)
  • Albi della rosa / Albi di Topolino 298 - Zio Paperone e la "Regina del Cotone" (1960) Zio Paperone e la "Regina del Cotone" [21 pagine]
  • Super Almanacco Paperino 3 (1977)
  • Complete Carl Barks 15 (1980)
  • Cartonatoni Disney 14 - Paperino il Grande (1984)
  • Paperino di Barks collezione ANAF 22 (1986)
  • Zio Paperone 4 (1988)
  • Zio Paperone 71 (1995)
  • Zio Paperone (ristampa) 4 (2001)
  • La Grande dinastia dei Paperi 10 - 1955 - Zio Paperone e la pietra filosofale (2008)
  • Uack! 4 (2014)
  • Raccolta Zio Paperone 2
Storia precedente Zio Paperone e la Regina del Cotone Storia successiva
Paperino e la gara in canoa

Garaincanoa.png

Settembre 1955 Zio Paperone e il denaro a palate

Denaroapalate.jpg

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.