FANDOM


  • Zio Paperone e il vortice del tempo
  • Commenti



Zio Paperone e il vortice del tempo
Vortice
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2715-1
Sceneggiatura:Carlo Panaro
Disegni:Paolo De Lorenzi
Prima uscita:11 dicembre 2007 Topolino 2715
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:30
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Zio Paperone e il vortice del tempo è una storia uscita l'11 dicembre 2007 su Topolino 2715 in occasione dei sessant'anni del personaggio di zio Paperone. È sceneggiata da Carlo Panaro per i disegni di Paolo De Lorenzi.

La storia rievoca gli ambienti e gli scenari della Dawson di fine ottocento, con grande continuità filologica con le storie di Carl Barks, Don Rosa e della Saga di Paperon de' Paperoni.

Storia

Durante la festa di compleanno di Paperone, al Deposito, Amelia trova la formula per viaggiare nel tempo. Decide di partire subito alla volta di Dawson, all'epoca della corsa all'oro, per strappare a Paperon de' Paperoni la sua Numero Uno. La strega non potrà però usare i suoi poteri affidandosi dolo alla sua sfera magica.

Cercando Paperone, Amelia incontra Soapy Slick, appena fuori dal suo casinò galleggiante, e Doretta Doremì, impegnata a cantare alla Bolla d'Oro che le mostra delle impronte lasciate dal papero poco prima di lasciare il saloon. Dopo essersi sbarazzata degli scagnozzi di Slick che la stavano pedinando, Amelia usa la sfera sulle impronte individuando la posizione del giovane Paperone che si trova nella valle dell'Agonia Bianca, in cerca d'oro. Si spaccia per un collezionista di monete antiche, ma Paperone la scaccia via. Amelia però si intrufola in casa e, grazie a Gennarino che rompe un piatto in testa al giovane cercatore, la strega riesce ad ottenere il decino e torna sul Vesuvio nel presente.

Appena tornata, però, sente un canto proveniente da fuori: si tratta di Paperone, che è diventato un povero giramondo. Sarà un libro a spiegargli che il mutamento temporale da lei provocato ha fatto sì che Paperone non diventasse mai ricco. E quindi anche la moneta è diventata inutile dato che non appartiene al papero più ricco del mondo.

Amareggiata, Amelia ritorna indietro nel tempo e restituisce la moneta a Paperone che, però, la costringe a lavorare forzatamente nel suo terreno per ripagargli il piatto rotto. Estinto il debito, Amelia può tornare a casa, dove vede Paperone festeggiare allegro e spensierato i suoi sessant'anni con la sua famiglia ed i suoi amati dollari.

Curiosità

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.