FANDOM


  • Zio Paperone e il tiranno dei mari
  • Commenti



Zio Paperone e il tiranno dei mari
Zio Paperone e il tiranno dei mari
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 3000-8
Sceneggiatura:Francesco Artibani
Disegni:Corrado Mastantuono
Prima uscita:28 maggio 2013
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:30
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Zio Paperone e il tiranno dei mari è una storia di Francesco Artibani e Corrado Mastantuono, pubblicata su Topolino 3000.

Trama

Paperone e Paperino, a bordo della 313, arrivano a tutta velocità all'università di Paperopoli. Il rettore O'Brain, con aria preoccupata, li porta subito nello studio di Pico de Paperis che è in condizioni non proprio ottimali. Il papero pluri-laureato è in stato confusionale (facendo battute senza senso) ed i professori spiegano che gli è successo qualcosa durante la ricerca "3000 leghe" che è finanziata da Paperone. Il colpevole ha lasciato un biglietto con un polpo disegnato e sul retro un messaggio firmato "Il Tiranno dei Mari" dove intima a Paperone di stare lontano dall'oceano e che quel che è del mare appartiene al mare. Uno stralunato Pico dice di ricordare solo che un tizio con una strana pistola l'ha investito di un lampo azzurro "facendo zap".

I professori consigliano ai paperi di abbandonare la ricerca che consiste nel ritrovare il sottomarino Nautilus, inventato dall'ingegnere americano Robert Fulton e destinato alla flotta di Napoleone. Il progetto venne archiviato dopo la sconfitta di Napoleone a Trafalgar, ma l'ingegnere non si arrese e creò comunque il Nautilus. Paperone lesse nel diario di Fulton, che si era aggiudicato ad un'asta, che il Nautilus era mosso da un motore elettrico alimentato da una speciale batteria al sodio-mercurio, creata sviluppando gli studi dell'italiano Alessandro Volta, l'inventore della pila, grazie alla quale il sottomarino era riuscito a viaggiare 3000 leghe sotto il mare. Il Nautilus affondò infine durante una tempesta nell'Atlantico.

Paperone e Paperino, portandosi dietro anche Pico, si avventurano così nell'Atlantico alla ricerca della preziosa batteria che Paperone intende usare per crare degli speciali mezzi sottomarini alimentati da questa pila e da lì partire a realizzare delle strutture che permettano alle persone di vivere sott'acqua costruendo una sorte di metropoli sotomarina. Pico, nel suo stato attuale sembra fare di tutto per ostacolare il viaggio. Dopo varie difficoltà tra cui una tempesta nell'oceano, l'attacco di un polpo gigante e l'arrivo del Tiranno dei Mari, si scoprirà però che Pico aveva solo finto. Era tutta una farsa organizzata da Pico edi suoi colleghi per fermare Paperone. Il motivo riguarda il fatto che il progetto della metropoli sottomarina avrebbe recato seri danni alla fauna e la flora marina.

Paperone però non vuole sentire ragione e, anche dopo l'abbandono dell'aiuto di Paperino e Pico, tenta di ripescare la batteria del Nautilus da solo. Tuttavia il polpo gigante, che li aveva attaccati in precedenza, danneggia il suo sottomarino e per il ricco papero sembra la fine. Pico e gli altri studiosi costruiscono con alcuni pezzi della nave un sommergibile di fortuna e aiutano Paperone ad uscire indenne ripescando anche la batteria di Fulton. Nonostante abbia finalmente quello che volevava, Paperone non sembra sodisfatto perché non vuole essere ricordato come "il flagello degli oceani". Quindi abbandona il progetto per poi idearne un altro ovvero sostituire la benzina, che è inquinante, con acqua del mare.

Pubblicazioni italiane

  • Topolino 3000 (2013)
  • Super Disney 55 - Lo scrigno dei Mille (2013)
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.