FANDOM


  • Zio Paperone e il castello del duca pazzo
  • Commenti



Zio Paperone e il castello del duca pazzo
Uack21
Informazioni generali
Nome originale:House of Haunts
Codice Inducks:W US 63-02
Sceneggiatura:Carl Barks
Disegni:Carl Barks
Prima uscita:Maggio 1966,

Uncle Scrooge 63

Prima uscita italiana:Ottobre 1966,

Topolino 566

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:24
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Dell



Zio Paperone e il castello del duca pazzo è una storia scritta e disegnata da Carl Barks, pubblicata per la prima volta negli Stati Uniti nel maggio 1966, e in Italia su Topolino 566, nell'ottobre dello stesso anno.

TramaModifica

Paperone è in ansia per il suo denaro, sapendo che la data della scarcerazione dei Bassotti si avvicina; prima della temutissima scadenza, il ricco papero decide di nascondere in gran segreto i propri averi nel Castello del Duca Pazzo di Paperopoli. I criminali puntualmente escono di galera, e intendono mettere a frutto gli studi che hanno svolto durante la detenzione (per ironia della sorte, idealmente destinati a riabilitarli) per derubare il ricco papero. Grazie alla potenza di un raggio laser, i Bassotti riescono in effetti a perforare una parete del Deposito di Paperon de' Paperoni, ma lo trovano vuoto.

I problemi di Paperone sembrano risolti: solo lui sa dove si trova il denaro, i Bassotti non sanno dove cercarlo, e inizialmente il magnate si gode un periodo di riposo insieme ai nipoti. D'altra parte, lo Zione si rende ben presto conto che non può resistere a lungo senza il contatto col suo amato denaro, tanto da sviluppare vere e proprie crisi d'astinenza. Una notte, durante una di queste crisi, per impedire che lo zio si precipiti verso il nascondiglio segreto, fornendo così una traccia ai Bassotti, Paperino lo chiude in uno sgabuzzino di casa sua; ma i malviventi, evidentemente in attesa che Paperone stesso li conduca involontariamente dal suo denaro, lo aiutano ad evadere e lo seguono per tutta Paperopoli dopo averlo spruzzato con uno spray fosforescente per renderlo visibile al buio.

Paperone si reca quindi al castello, seguito dai Bassotti che entrano dopo di lui e, prima di cercare il denaro, lo catturano. Uno della banda, che in carcere ha studiato encefalografia, dà un colpo mirato sul cranio del ricco papero, sapendo che così non potrà più ricordare gli eventi recenti; dopodiché, i criminali lo lasciano andare in preda all'amnesia e si ripromettono di impadronirsi del bottino il giorno dopo. Quando ritornano, tuttavia, rimangono vittime di una serie di trappole e insidie predisposte forse da Paperone per salvare il suo denaro, forse addirittura dal Duca secoli prima, e finiscono per cadere in una stanza sotterranea protetta da sbarre, senza possibilità di uscire.

Lo Zione è abbandonato a sé stesso senza ricordare più nulla: vede un'immagine fosforescente di sé stesso, e crede di essere un fantasma; poi scopre che il Deposito è stato sventrato e crede di essere morto difendendo il suo denaro. Grazie poi all'intervento di Paperino e dei nipotini, Paperone torna in sé, ma senza essere in grado di ricordare dove sono finite le sue ricchezze. Dopo vari tentativi di ricerca condotti insieme ai nipoti per tutta Paperopoli, finalmente il multimiliardario percepisce l'odore del suo denaro concentrato intorno al castello del duca e deduce che dovrebbe trovarsi all'interno.

I cinque paperi entrano nel castello, scontrandosi con le stesse trappole che avevano colto di sorpresa i Bassotti, e come loro cadono nella prigione sotterranea. L'unico modo di salvarsi per tutti è far tornare la memoria a Paperone: il Bassotto che l'aveva colpito al cranio il giorno prima interviene con un altro colpo dall'effetto contrario. Immediatamente il ricco papero si sovviene del modo in cui si può aprire una delle sbarre, ed esce lui stesso insieme a uno dei nipotini, incaricato di chiamare la polizia, mentre Paperone non può resistere a fare subito un bagno nel suo denaro. I Bassotti sono tradotti davanti al Giudice Gufo, che pur senza grandi speranze li condanna a un'ulteriore detenzione con riabilitazione.

Pubblicazioni in ItaliaModifica

La storia è stata pubblicata tredici volte in Italia:

  • Topolino 566 (1966)
  • Cartonatoni Disney 3A - Io, Paperone (1972)
  • Albi della rosa / Albi di Topolino 1023 - Zio Paperone e il castello del duca pazzo (1974)
  • Complete Carl Barks 31 (1980)
  • Paperino di Barks collezione ANAF 58 (1983)
  • Zio Paperone 28 (1992)
  • I Classici di Walt Disney (seconda serie) 234 (1996)
  • Paperino Mese 265 (2002)
  • La grande dinastia dei paperi - 1966 - Zio Paperone - Tutto per la concessione (2008)
  • Uack! 21 (2015)
  • Raccolta I classici di Walt Disney (seconda serie) 27
  • Raccolta Paperino Mese / Paperino 33
  • Raccolta Zio Paperone 7
Storia precedente Zio Paperone e il castello del duca pazzo Storia successiva
Paperino estetista travolgente

Estetistatravolgente

Maggio 1966 Zio Paperone e il tesoro di Marco Polo

Tesorodimarcopolo

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.