FANDOM



W i giochi coreani
Giochi coreani
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 1705-AP
Sceneggiatura:Romano Scarpa
Disegni:Romano Scarpa
Prima uscita:Topolino, 1712, 18 settembre 1988
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:24
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia


"Concludendo questa lunga e avvincente storia, tutto è bene quel che arriva a un lieto... fine!"
Didascalia finale
W i giochi coreani! è una storia scritta e disegnata da Romano Scarpa e apparsa per la prima volta su Topolino 1712 del 18 settembre 1988. È l’ottavo e ultimo  episodio della serie Paperolimpiadi, pubblicata in occasione delle Olimpiadi di Seul.

Trama Modifica

Sventata la minaccia di Ducklien, i paperi e Kim Don-Ling tornano a Seul. Sul furgone di Paperone, Kim scopre il pallone con la firma di Chen Dai-Lem. L’atleta è profondamente turbato dal ricordo della sua amata, senza immaginare quanto in realtà le sia vicino. La ragazza, infatti, per le sue doti sportive, ha avuto il permesso di varcare il confine per assistere alle Olimpiadi, sotto la sorveglianza della sua allenatrice, la signorina Kuvan.

Intanto, Paperone si prepara a sfruttare commercialmente il premonitor. Incaricato di fare alcune riprese di prova, Paperino inquadra l’hotel Airone ed è testimone di un incidente che avverrà nel futuro. In seguito, Paperone, inquadrando la tv coreana, riprende in anticipo l’arrivo del tedoforo a Seul e vende immediatamente le immagini alle televisioni di tutto il mondo. La prospettiva del più grande affare nella sua vita rende il vecchio papero euforico, e solo Paperino si rende conto che la videocamera ha cominciato a fumare.

Proprio mentre la popolazione di Seul è radunata in uno stadio, per assistere a una dimostrazione dei poteri del premonitor, lo strumento si autodistrugge (a causa del sabotaggio della vecchia Mae Wing) e anziché le previste immagini delle gare sullo schermo appare il volto mostruosamente deformato di Paperone. Questi perde in un sol colpo l’affare e la reputazione.

Seul

Paperino mostra allora allo zio le riprese fatte all’albergo e la scena che dovrà avvenire nel futuro. Nel filmato, si vede un pallone pubblicitario che fluttua sopra l’hotel essere sgonfiato da un airone di passaggio ed abbattersi su una ragazza che nuota in piscina. Kim riconosce al polso della sfortunata nuotatrice il braccialetto che anni prima regalò a Chen Dai-Lem. Da un orologio al muro dell’albergo, si deduce che la tragedia avverrà alle ore 16 e 35, fra un quarto d’ora.

I paperi subito si attivano per salvare la ragazza. Paperone avverte i pompieri, mentre Paperino guida il furgone in direzione dell’albergo. La scena ripresa dalla videocamera si verifica puntualmente, ma Kim riesce a portare in salvo Chen prima che venga schiacciata dal pallone. I due innamorati ora sono finalmente riuniti e anche l’arcigna signorina Kuvan concede alla sua pupilla di restare al Sud per sposarsi.

Zio Paperone ha dimostrato che il premonitor funzionava davvero, ma né la riconquistata reputazione né il miliardo di dollari di assicurazione sulla videocamera bastano a consolarlo dell’affare sfumato; il vecchio miliardario torna a Paperopoli con i nipoti, senza mostrare più interesse per le gare. L’ultima vignetta mostra, in composizione, Zio paperone furente, Paperino e Qui, Quo e Qua tutto sommato soddisfatti di come sono andate le cose e Kim e Chen felici.

Finale
Storia precedente W i giochi coreani! Storia successiva
La minaccia dei Paperoidi

Minaccia paperoidi

18 settembre 1988
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.