FANDOM




Universi Pa(pe)ralleli
Universipaperalleli
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2717-2P
Sceneggiatura:Fausto Vitaliano
Disegni:Silvio Camboni
Prima uscita:25 dicembre 2007
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:42
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Panini Comics


"Questo è l'universo che conoscete, o, almeno, un pezzo di esso... Perché nessuno sa quanto sia vasto! Nessuno può dire se abbia veramente confini! Ma non è tutto... Nessuno può nemmeno affermare che ne esista solo uno!"
Introduzione della storia
"La scelta nasce per due ragioni: la mia personale passione per quella che potrei definire "geometria eccentrica". Che cos'è la G.E.? Presto detto: è la materia che studia poligoni e solidi bizzarri [...] La seconda ragione - da cui, poi, è nata la raffigurazione data da Silvio Camboni - è la visione di un film del 2002 intitolato "Il cubo 2 - Hypercube"."
Intervista a Fausto Vitaliano

Universi Pa(pe)ralleli è una storia scritta da Fausto Vitaliano e disegnata da Silvio Camboni.

È stata pubblicata dal 25 dicembre 2007 in quattro puntate sui numeri di Topolino dal 2717 al 2720.

Si tratta di una storia visionaria che catapulta quattro protagonisti dell'universo dei paperi in una serie di realtà alternative.

Trama

Una giornata come le altre a Paperopoli: Paperon de' Paperoni deposita soldi in una sua banca; Paperino è invischiato in lacci e lacciuoli burocratici di un ufficio; Paperina si dedica allo shopping selvaggio; Paperoga si candida senza curriculum a dirigere una grande società.

Ma quando per capriccio di sorte i quattro premono nello stesso momento il tasto "Terra" dell'ascensore del posto in cui si trovano, avviene l'irreparabile: vengono paracadutati in uno strano ambiente, che una voce fuori campo definisce "Ipercubo".

Si tratta di una "zona di passaggio tra universi paralleli". I quattro provano a evadere, ma senza costrutto, così come si rivela inutile tornare a chiamare gli ascensori che li hanno condotti lì.

La situazione si complica quando dagli stessi ingressi entra una serie di cloni dei quattro paperi provenienti da altre realtà. Gli originali riescono a distinguersi dalle "copie" solo grazie alle peculiarità dei loro caratteri, stravolte nei cloni.

Senza volerlo, Paperoga attiva la "procedura di ingresso multiverso": il cubo si restringe e diventa un ascensore che li porta in una serie di universi pa(pe)ralleli appunto, in cui Paperino fa il poliziotto e Zio Paperone il benzinaio, oppure dove il loro aspetto è stravolto o ancora tutto in bianco e nero.

Alla fine, Paperino ha l'idea risolutiva: tornare ognuno dov'era quando tutto è cominciato e schiacciare di nuovo il tasto dell'ascensore in contemporanea. Il piano funziona e il gruppetto torna a casa, tranne Paperoga che sbaglia tasto e approda... nella redazione di Topolino.

Pubblicazioni

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.