FANDOM


  • Topolino in: Gastronomia e pallottole
  • Commenti



Topolino in: Gastronomia e pallottole
Topolino in Gastronomia e pallottole
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2693-1
Sceneggiatura:Giorgio Salati
Disegni:Lorenzo Pastrovicchio
Prima uscita:10 luglio 2007
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:25
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Topolino in: Gastronomia e pallottole è una storia di Giorgio Salati e Lorenzo Pastrovicchio, pubblicata per la prima volta sul numero 2693 di Topolino.

Trama

Basettoni ringrazia Topolino per averlo aiutato a catturare Gambadilegno che ha tentato una rapina ad un orefice. Topolino però ne è uscito piuttosto malconcio e si scopre che è stato effettivamente trafugato un sacco di polvere d'oro che però il ladro non aveva con sè. A casa, Topolino viene medicato da Minni raccontando come era capitato per caso e non ha potuto non intervenire e la fidanzata scherza sulla sua abitudine di mettersi nei guai.

Topo 2693-016

Topolino e Minni ricevono una chiamata da un loro amico, Bill, direttore di un periodo gastronomico che chiede di venire nella redazione. I redattori dell'inserto "Topolinia a tavola" sono k.o. per un epidemia di mal di stomaco e chiede ai due di sostituirli avendo già collaborato in passato. Topolino e Minni accettano in modo che il primo potrà evitare guai e Bill mostra loro come funziona il lavoro di giornalista magnificandone gli aspetti. Topolino rimane molto colpito e Bill gli fornisce una macchina fotografica professionale ed un micro-registratore per Minni.

Mentre Minni va ad intervistare un nuovo fornaio che ha aperto la settimana prima, Topolino va in cerca di scoop gastronomici. Inziialmente non trova nulla finchè non assiste ad una rapina di Martin Gordo, il ladro golosone, ad un locale. Topolino ha problemi a fare la foto e decide invece di fermare il ladro. Riceve i ringraziamenti del proprietario, ma quando arriva Manetta ad arrestare il ladro lo avverte che le informazioni devono rimanere riservate finchè non è chiaro cos'è avvenuto. Topolino continua la ricerca ed arriva così al ristorante del cuoco Ed Crook, "Il cavolo a merenda", e scopre che l'ingrediente segreto del suo passato di verdura sono verze ammuffite ed è stata questa la causa dell'epidemia di mal di stomaco. Topolino lo fotografa di nascosto meentre compra la merce scadente a basso prezzo, ma non può stare a guardare mentre gli altri clienti mangiano il piatto e corre ad avvertirli. Il cuoco si dà alla fuga e Topolino deve sacrificare la sua macchina per fermarlo. I clienti lo ringraziano, ma Topolino si deprime per la fine della sua carriera da giornalista.

Topo 2693-028

Va quindi all'appuntamento da Minni e passa davanti al fornaio che lei doveva intervistare scoprendo che ci lavora Trudy. Topolino non è convinto delle spiegazioni di Trudy e, quando vede il registratore di Minni abbandonato per terra, teme che la fidanzata sia nei guai. Entra così nel retrobottega dove vede Sgrinfia armeggiare con della polvere d'oro e Trudy lo colpisce. Più tardi, Topolino si riveglia soccorso da Minni e dalla polizia che ha arrestato is due. Minni spiega di aver avuto dei sospetti ed aveva lasciato cadere volutamente il registratore per poi avvisare Basettoni. Gambadilegno, prima di essere arrestato, aveva passato il sacco d'oro a Trudy e Sgrinfia che lo hanno poi impastato con la farina per farne dei panini così da passare inosservati. Lo notizia finisce su "Topolinia a tavola" e Topolino si dispiace per la mancanza di foto causa distruzione della macchina. Ma giungono i clienti del ristorante di Crook (insieme alle altre persone che ha aiutato) che ne hanno comprato una nuova per ringraziarlo. Bill premia Topolino e Minni con una crociera. I due topi possono finalmente rilassarsi, ignari che Gambadilegno, Trudy e Sgrinfia sono evasi dal carcere vicino e stanno per nascondersi sulla loro nave.

Pubblicazioni italiane

  • Topolino 2693 (2007)
  • Più Disney 65 - I like Topolino (2016)
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.