FANDOM


  • Topolino e la rapina del millennio
  • Commenti



Topolino e la rapina del millennio
Topolino e la rapina del millennio
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2762-1P
Sceneggiatura:Silvia Ziche
Disegni:Silvia Ziche
Prima uscita:4 novembre 2008 - 6 gennaio 2009

Topolino 2762-2771

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:140
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Company Italia



Topolino e la rapina del millennio è una storia in 10 puntate scritta e disegnata da Silvia Ziche pubblicata sui numeri di Topolino dal 2762 al 2771.


TramaModifica

Episodio IModifica

Al museo criminologo di Topolinia Gambadilegno, intento in una rapina informatica, prende in ostaggio una scolaresca in gita. Una bambina di nome Daphne però lo aiuta coi computer di cui Gamba sembra capire molto poco. Topolino e la polizia però riescono a entrare nel museo e dopo un lungo inseguimento arrestano Gambadilegno e liberano gli ostaggi, dopo tutto questo il furto viene denominato dalla polizia come la rapina del millennio. Tuttavia Gambadilegno confessa di non essere stato lui, incolpando Macchia Nera del crimine. Nel frattempo Trudy rapisce Topolino, che vista da Pippo da l'allarme ma non subito.

Episodio IIModifica

Clarabella sembra piuttosto preoccupata del rapimento di Topolino mentre Minni è abbastanza sicura che Topolino ha tutto sotto controllo. Nel covo segreto di Trudy anche Topolino non sembra preoccuparsi convinto che la polizia è in grado di trovarlo. Trudy sostenendo anche lei che il suo Pietro è innocente e incolpando del crimine Macchia Nera svela che quella sera Macchia Nera ha chiamato Pietro chiedendogli di raggiungerlo al Museo di criminologia per un aiuto su un furto.

Facendo sentire Topolino colpevole per aver incastrato con cosi troppe prove evidenti e ferendolo nel suo orgoglio invocando la possibilità che sia stato manipolato da Macchia Nera, Trudy lo convince ad ascoltarla; lei è convinta che uno dei bambini che erano stati presi in ostaggio possa scagionare il povero Pietro. Intanto Macchia Nera e Plottigat si accorgono con stupore che Gambadilegno ha cambiato la password...

Episodio IIIModifica

Topolino e Trudy iniziano a intrufolarsi nelle varie case dei bambini che erano stati presi in ostaggio da Gambadilegno per cercare aiuto con scarsi risultati. Minni, Basettoni e gli abitanti di Topolinia alla notizia che le identità dei due criminali che si intrufolano nelle case corrisponda a Trudy e Topolino iniziano a stupirsi e preoccuparsi.

La notte successiva, a casa di Daphne, Topolino e Trudy scoprono grazie alla bambina che ha aiutato lei Gambadilegno a difendersi dai nemici e che le ha chiesto di cambiare la password. Topolino si inizia quindi a sentire in colpa ma arrivata la polizia a casa della bambina sono costretti a fuggire di corsa.

Episodio IVModifica

Topolino ammette che Trudy aveva ragione e che Pietro è stato incastrato. Il giorno successivo si reca quindi alla polizia e cerca di convincere senza risultati il Commissario Basettoni che crede che Topolino sia sotto shock e tenta di farlo internare, ma Trudy corre in suo aiuto mentre le telecamere continuano a riprendere i fatti. Minni si convince che Topolino sia affetto dalla sinodrome di stoccolma e si sia innamorato della sua rapitrice. Tornati al covo di Trudy, Topolino (arrabiato per il comportamento del commissario) è sempre più convinto a scagionare Pietro e arrestare Macchia Nera.

Episodio VModifica

Macchia Nera e Plottigat discutono del piano in cui era previsto l'eliminazione di Pietro poiché voleva il 70% del bottino solo per aver avuto l'idea della calamita informatica mentre loro gli avevano proposto un 15%. Gamba non accettò e voleva pure estrometterli dal piano e quindi Macchia Nera e Plottigat ribaltano il piano a loro favore incastrandolo con un sacco di prove false e inviando un email alla polizia che sembrava spedita per errore non credendo che riuscisse a cambiare la password per il furto. Intanto la polizia manda un mandato di cattura internazionale per Topolino e Trudy.

Episodio VIModifica

Topolino e Trudy si infiltrano nel carcere di massima sicurezza dove e tenuto prigioniero Gambadilegno camuffandosi da Insegnanti di Briscola riuscendo a entrare. Avvisato Gambadilegno che sanno che lui è innocente lo mettono in guardia che Macchia Nera potrebbe cercare di estorcergli la password in ogni modo e che lui per nessun motivo deve rivelargliela neanche se gli offrissero un evasione.

Macchia Nera e Plottigat giungono subito dopo nello stesso carcere e, come previsto da Trudy, offrono a Gamba un evasione dal carcere in cambio della password che prontamente rifiuta. Gambadileno avvisa Macchia Nera e Plottigat che se non vanno via lui è pronto a sbattere la testa al muro fino a scordarsi la password. Tornati al covo Macchia Nera e Plottigat intuiscono che l'unica maniera per avere la password e trovare uno dei bimbi che erano stati presi in ostaggio al museo e farlo parlare.

Episodio VIIModifica

Macchia Nera è pronto ad attuare il rapimento del bambino che conosce la password ma viene fermato giustamente da Plottigat che gli spiega che non e il caso poiché rischiano di attirare l'attenzione della polizia mandando in frantumi tutto quello fatto fino a ora. Pietro viene scortato fino al tribunale dove sta per avere inizio il processo dove continua a sostenere la sua innocenza, Trudy e Topolino vengono identificati come suoi complici quindi Manetta e Rock Sassi vengono incaricati di arrestare i due e decidono di iniziare a cercarli proprio da casa di Topolino.

Topolino propone di chiamare Macchia Nera per uno scambio, la password in cambio di una grossa parte degli utili della rapina, in un luogo pubblico dove ci sia molta polizia tipo casa sua. Minni, Clarabella e Pippo preoccupati provano a escogitare un piano strampalato usando come metodo lo Shock visivo in modo da farlo tornare all'ultimo momento di lucidità e propone il sudoku pensando che è ciò che ha visto per ultimo visto che il buon Pippo l'aveva sotto braccio passando vicino casa di Topolino. Il piano di Topolino e Trudy fallisce e la polizia si lascia sfuggire nuovamente Macchia Nera mentre il piano di Pippo secondo Minni sembra funzionare dopo che Topolino la vede seduta alla panchina

Episodio VIIIModifica

Topolino (non essendo al corrente del piano strampalato di Pippo) è preoccupato poiché Minni non si interessa a suo avviso della sua assenza avendola vista seduta a fare il soduko e la polizia si è lasciata sfuggire Macchia Nera non essendo convinta che fosse lui. Intanto Macchia Nera mette un inserzione sul giornale promettendo una ricompensa a chi recupera la password coinvolgendo numerosi criminali che si fanno arrestare di proposito per estorcere la password da Gambadilegno. Minni è sempre più predisposta ad andare a salvare Topolino da sola, il tempo stringe i processi per giudicare tutti i criminali saranno accelerati per riprendere il più velocemente il processo a Pietro.

Episodio IXModifica

A corto di tempo Macchia Nera e Plottigat alla fine procedono col rapimento di Daphne, la bambina che ha aiutato Pietro a cambiare la password, ma stavolta la polizia li riconosce e capiscono che anche lui è coinvolto nella web rapina. La bambina sostiene che ha aiutato Pietro ma la password non l'ha messa lei cosi Macchia Nera manda una lettera di minaccia a Trudy e Topolino in cui se non gli danno la password entro 24 ore faranno del male alla bambina appena rapita e si recano quindi a salvarla.

Episodio XModifica

Topolino e Trudy tornano al carcere e spiegando la situazione a Pietro ottengono la password, ma all'uscita il poliziotto li riconosce e da subito l'allarme. Inseguiti da numerosi poliziotti incontrano Minni che tenta di fermarli invano sperando di far rinsavire Topolino. Arrivati sul luogo dello scambio e circondati involontariamente dalla polizia Topolino e Trudy iniziano l'arrampicata sul ponte in cui Macchia Nera, situato in cima, minaccia di buttare giù la bimba se non gli danno la password. Trudy, che sta scivolando, lascia andare il biglietto con la password e nel modo di afferrarlo Macchia Nera si butta lasciando cadere la bimba che viene prontamente recuperata da Trudy. Plottigat con un veicolo a elica salva Macchia Nera ma trancia con quest'ultima il biglietto con la password faticosamente recuperata e vengono pure acciuffati da un elicottero della polizia.

Arrabbiatissimo Macchia Nera confessa il crimine mentre Topolino e Daphne spiegano i fatti. Al commissariato Basettoni si scusa con tutti e Daphne li invita tutti a un party a casa sua ma Gamba scocciato non accetta poichè ha altri piani in mente. Tornato a casa prova a concludere da solo la rapina del millennio ma la password non va, si reca quindi a casa di Daphne credendo che lei sa quella corretta ma la bimba gli dice che l'ha digitata lui l'ultima volta. La polizia e Topolino lo sorprendono con in mano la povera bimba e stanco confessa che anche lui faceva parte del crimine e che la password digitata non era quella e che credeva che la bambina avesse fatto qualcosa di cui non si era accorto visto che non era bravo coi computer e viene arrestato.

La polizia e Topolino provano la password accorgendosi anche loro che non va ma la bambina si ricorda che oltre ad aiutarlo perché non sapeva nulla dei computer l'aveva aiutato per via delle sue grosse mani che pigiavano avvolte due tasti per volta e svelando una volta e per tutte la password corretta cancellano il crimine informatico per sempre. Topolino con l'aiuto di Minni riesce a uscire in maniera pulita alle domande scomode dei giornalisti ed essere l'eroe di sempre mentre Trudy un po amareggiata rivela la vera password a Pietro e dell'errore fatto con le sue grosse mani a Macchia Nera viene voglia di piangere e gli altri criminali se la ridono di gusto.

RistampeModifica

La storia è stata ristampata per intero sul Disney D'autore dedicato a Silvia Ziche uscito nell'ottobre 2011. All'estero, al momento, la storia è stata pubblicata solo in Grecia.

CuriositàModifica

  • L'uscita di questa storia è stata accompagnata da un gadget allegato a Topolino. Il gadget in questione trattasi de l'elicottero della Polizia.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.