FANDOM


  • Topolino e la febbre dell'oro
  • Commenti



Topolino e la febbre dell'oro
La febbre dell oro
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2177-1
Sceneggiatura:Giorgio Pezzin
Disegni:Massimo De Vita
Prima uscita:19 Agosto 1997

Topolino 2177

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:34
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Topolino e la febbre dell'oro è il nono capitolo della serie C'era una volta... in America scritto da Giorgio Pezzin e disegnato da Massimo De Vita. La storia è stata pubblicata per la prima volta il 19 agosto 1997 su Topolino 2177.

Trama

Il lungo viaggio di Topolino, che serve anche per provare a dimenticare la dolce e bella Clementina, si protrae fino alla gelida e innevata Sierra Nevada, al confine tra Oregon e California. Ed è qui che Topolino fa la conoscenza di Pippeyo, un indiano pacifista, dopo averlo salvato dai Sakewa, una tribù indiana rivale. Grato dell'aiuto Pippeyo porta il nuovo amico dalla sua tribù e dalla sua fidanzata Patatontas. Pippeyo confessa, inoltre, al nuovo amico che non appena possederà cinque cavalli da poter donare al padre della ragazza, nonché capo tribù, la chiederà in sposa. Visto il bel clima Topolino decide cosi di fermarsi presso la tribù per qualche giorno sperando che questo possa fargli smettere di pensare a Clementina.

Poco più lontano, scesi giù al fiume (ma ben nascosti), Topolino e Pippeyo scoprono alcuni loschi uomini bianchi accampati presso il fiume, contravvenendo ai trattati di pace stipulati, alla ricerca d'oro di cui il fiume sembra essere ricco. Qualche giorno dopo Pippeyo torna dal fiume con i cavalli mancanti necessari per sposare Patatontas rivelando che gli sono stati regalati proprio da quegli uomini bianchi. Topolino non del tutto convinto di questo atto di generosità decide di indagare giù al fiume sulla faccenda. I suoi sospetti vengono confermati quando il capo della banda, assieme a un suo uomo, decide di inseguirlo a cavallo. Nella fuga Topolino precipita da un burrone finendo all'interno di una grotta molta buia dalla quale riesce a uscire molte ore dopo. E' giorno quando Topolino riesce a tornare al campo base dove scopre che Pippeyo è stato fatto prigioniero da alcuni soldati accusato di aver rubato alcuni cavalli. Il capo Tribù è inoltre sul piede di guerra visto l'affronto osato dai soldati ma Topolino riesce a calmarlo promettendogli di risolvere lui stesso la situazione in poco tempo.

Molte miglia dopo Topolino giunge alla città più vicina dove si sta tenendo il processo a Pippeyo. Qui riconosce che il malvivente del fiume non è altri che Gambwood, colui che aveva assaltato la carovana del Colonnello Pippson e ricercato in Oregon. Topolino spiega tutto l'accaduto al giudice sia riguardo alle malefatte di Gambwood che degli indiani pronti a indire una guerra riuscendo cosi a salvare Pippeyo dalla condanna. Gambawood se la cava però con una semplice multa poiché non arrestabile per crimini comessi altrove. Persa la fiducia nella gente la tribù di Pippeyo decide di spostarsi verso nuove terre lasciando il fiume d'oro, e la sua proprietà a Topolino. Topolino a sua volta decide di tenersi solo una pepita d'oro per comprarsri nuovi abiti regalando tutto a Gambwood che adirato e orgoglioso della sua fama di ladro e furfante abbandona il giacimento senza prendere nulla.

Ristampe

Storia precedente La febbre dell'oro Storia successiva
La via dell'Oregon

La via dell oregon

19 Agosto 1997 Il cavallo di ferro

Il cavallo di ferro

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.