FANDOM


  • Topolino e la caverna di Alì Babà
  • Commenti



Topolino e la caverna di Ali Babà
Topolino e la caverna di Alì Babà
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2329-1
Sceneggiatura:Giorgio Pezzin
Disegni:Massimo de Vita
Prima uscita:Topolino 2329, 18 luglio 2000
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:36
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Il deserto è mutevole come il mare. Quello che vedi oggi, domani non c'è più.
Pippollah

Topolino e la caverna di Ali Babà è il sesto episodio della serie Tops Stories, scritto da Giorgio Pezzin, disegnato da Massimo de Vita e apparso per la prima volta su Topolino 2329 il 18 luglio 2000.

Trama Modifica

Top de Tops è in viaggio a Damasco, assieme al suo maggiordomo Thomas, talmente fedele al suo ruolo da voler indossare, nonostante il clima caldo, gli stessi abiti che porta in Inghilterra.

Al mercato, Thomas è derubato della valigia del suo padrone; credendo di riconoscere il ladro, se la fa restituire, ma poi scopre che si trattava di un bagaglio completamente diverso.  Le complicazioni non finiscono qui: dentro la valigia, c’è un mattone di pietra, con sopra incise strane scanalature; di lì a poco, Thomas è rapito e il misterioso oggetto scompare con lui. L’unico testimone è il vasaio Pippollah (con le fattezze di Pippo) che riconosce il camion usato per il sequestro, appartenente a un certo Yusuf.

La sera, Top e Pippollah si recano alla casa di Yusuf, dove Thomas è tenuto prigioniero e interrogato da un malvagio archeologo-avventuriero, Jean Mustache, alla ricerca della cosiddetta “chiave di Ali Babà”. Top e il suo nuovo amico arabo liberano il maggiordomo, senza però aver chiarito cosa effettivamente stia cercando Mustache.

Intrigato dal mistero, Top decide di chiedere informazioni al suo amico Jollo Olaffson, che conduce ricerche archeologiche ad Al Mareth, in Mesopotamia e raggiunge il sua campo di scavi con un avventuroso viaggio in biplano, assieme a Thomas e Pippollah. Olaffson gli racconta la vera storia di Ali Babà. Il legnaiolo della fiaba era, in realtà, l’astuto brigante Hali Balbath che, per tenere al sicuro il suo bottino, lo aveva nascosto in una grotta murata; la formula magica era la chiave dell’ingegnoso meccanismo che apriva la grotta, di cui solo Hali Balbath era in possesso ma che Mustache è riuscito a riprodurre, grazie al calco sul mattone.

Il giorno dopo, Top, Pippollah e Thomas partono con l’aereo verso l’altopiano di El Halaram, sulle tracce di Mustache. Riescono a rintracciare la sua carovana ma, scesi a terra, sono catturati.  Seguendo la traccia di pietre fosforescenti che, secondo la fiaba, indicava la strada per la grotta del tesoro, Mustache, con la sua carovana e i tre prigionieri al seguito, raggiunge la meta tanto ambita. Proprio nel momento in cui sta infilando la chiave nella serratura, però, si scatena una tempesta di sabbia che dura una notte e un giorno. Grazie all’esperienza dei beduini di Mustache, sia loro sia Topolino e i suoi due amici ne escono incolumi, ma, nel paesaggio completamente cambiato, non c’è più traccia né della grotta del tesoro né di Mustache.

Si saprà più tardi che il malvagio archeologo, sommerso dalla sabbia, è miracolosamente sopravvissuto, ma perdendo la chiave di Ali Babà e con essa ogni speranza di recuperare il tesoro cui era giunto così vicino.

Pubblicazioni italianeModifica

  • Topolino 2329 (2000)
  • Più Disney 33 - Tops Stories 2 - Gli enigmi di Topolino (2004)
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.