FANDOM


  • Topolino e la banda della morte
  • Commenti


Topolino e la banda della morte
Topolino e la banda della morte
Informazioni generali
Nome originale:The Syndicate of Crime
Codice Inducks:YM 120
Sceneggiatura:Bill Walsh
Disegni:Floyd Gottfredson
Prima uscita:24 ottobre 1949 - 28 gennaio 1950
Prima uscita italiana:Agosto - settembre - ottobre 1950,

Topolino 18-19-20

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:84 strisce
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Walt Disney Company



Topolino e la banda della morte (in versione originale The Syndicate of Crime), è una storia scritta da Bill Walsh e disegnata da Floyd Gottfredson, pubblicata per la prima volta in 84 strisce sui quotidiani statunitensi, tra il 24 ottobre 1949 e il 28 gennaio 1950. La storia è l'undicesima in cui Gottfredson utilizza il suo personaggio di Eta Beta a fianco di Topolino.

TramaModifica

Di ritorno da un'avventura nel Texas, Topolino ed Eta Beta notano uno strano comportamento da parte di Flip: il gangarone si interessa ai delitti e sembra avere la capacità di scoprire quando viene commesso un crimine. La polizia non dà nessun peso alla cosa, quindi Topolino ed Eta Beta decidono di aprire un'agenzia investigativa per loro conto e con l'aiuto di Flip.

Dopo un paio di casi molto semplici, i due investigatori vengono contattati da un uomo tatuato che chiede loro di indagare su un presunto tatuaggio scomparso, e anticipa il suo compenso con un orologio da taschino. Fortunatamente Flip scopre che l'orologio è in realtà un ordigno esplosivo; da quel momento, i nostri amici subiscono una lunga serie di attentati, finché Flip non rimane vittima di un incidente stradale e si teme per la sua vita.

Una volta rimessosi, il gangarone sembra aver capito chi è il responsabile degli attentati e guida i suoi amici fuori città, verso la lussuosa residenza del miliardario filantropo Lucio Agnello. Apparentemente si tratta di una persona insospettabile, nota in tutta Topolinia per le sue opere di beneficenza: inoltre invita Topolino ed Eta Beta per il tè e offre loro una quantità di regali.

Credendo che Flip abbia preso un abbaglio, i nostri amici si allontanano, ma proprio in quel momento vedono Agnello a colloquio con l'uomo tatuato esecutore materiale del primo attentato. I due investigatori provano a indagare nella villa, finché non vengono scoperti e finalmente Agnello si rivela per quello che è: il capo di un'organizzazione criminale potentissima che opera in tutto il mondo, benché destini parte dei proventi dei suoi crimini a grandiose opere di beneficenza per rendersi insospettabile. Era stato proprio lui a organizzare gli attentati contro Topolino, Eta Beta e Flip, per paura che il gangarone, con i suoi particolari poteri, riuscisse a scoprire la sua vera indole.

Il miliardario offre a Topolino ed Eta Beta di avere salva la vita se sono disposti a collaborare con la sua organizzazione, e, dopo aver ricevuto uno sdegnoso rifiuto, li imprigiona in vista di eliminarli.

Eta Beta sfrutta dei congegni che porta con sé nel suo prodigioso gonnellino per liberarsi: anziché scappare, esortati da Flip, i due decidono di combattere il malvivente e riescono temporaneamente a rovesciare la situazione, legando e imbavagliando Agnello mentre Topolino si traveste in modo da somigliargli relativamente (e malgrado la notevole differenza di corporatura, nessuno degli scagnozzi del criminale sembra accorgersi di nulla).

Una volta nello studio privato di Agnello, Topolino ed Eta Beta scoprono un libro con tutti i dati utili per ricostruire alcuni dei più famosi crimini insoluti degli ultimi tempi; e tramite un treno che corre nei sotterranei della villa, scoprono il luogo in cui Agnello custodisce il denaro rubato. Nel frattempo il criminale è riuscito a liberarsi e, insieme ai suoi complici, scopre Topolino ed Eta Beta e tenta di eliminarli ancora una volta, ma finisce in un pozzo di monete rischiando letteralmente di annegare.

L'intervento di Basettoni, chiamato provvidenzialmente da Flip, libera Topolino ed Eta Beta, e salva Agnello dalla morte, ma non dalla giusta punizione.

Pubblicazioni in ItaliaModifica

Topolino e la banda della morte è stata edita tredici volte in Italia:

  • Topolino 18-19-20 (1950)
  • Oscar Mondadori (Oscar Fumetto) 990 - L'imprevedibile Eta Beta - volume primo (1979)
  • Topolino collezione ANAF 50 (1982)
  • Revival Comics (Mondadori/Traverso) 1949 (1985)
  • Il Messaggero 70 - Topolino e la banda della morte (1990)
  • Topolino (ristampa Nerbini) 2 18-19-20 (1990)
  • Cartonatoni Disney 21 - Io Eta Beta (1991)
  • Topomistery 40 (1995)
  • New Comics Now 388 - Topolino daily strips 1949-1950 (1998)
  • Topolino (ristampa Disney) 18-19-20 (2002)
  • I Grandi Classici Disney 239 (2006)
  • Gli anni d'oro di Topolino 11 - Sul Pianeta Minorenne (2010)
  • Topolino (ristampa Corriere della Sera) 18-19-20 (2010)
Storia precedente Topolino e la banda della morte Storia successiva
Topolino ed Eta Beta nel Texas

Topolinoedetabetaneltexas

24 ottobre 1949 - 28 gennaio 1950 Eta Beta e il tesoro di MookEta Beta e il tesoro di Mook
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.