FANDOM


  • Topolino e la Regina d'Africa
  • Commenti



Topolino e la Regina d'Africa
Reginadafrica
Informazioni generali
Codice Inducks:I TP 6-1
Sceneggiatura:Romano Scarpa
Disegni:Romano Scarpa
Prima uscita:1 settembre 1983

Topolino Più 6

La storia
Personaggi principali:


Numero pagine:32
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Arnoldo Mondadori Editore



Topolino e la Regina d'Africa è una storia scritta e disegnata da Romano Scarpa per la collana di albi speciali Topolino Più, pubblicata per la prima volta l'1 settembre 1983.

L'avventura segna l'esordio di un nuovo personaggio all'interno dell'Universo dei topi: la regina Zenobia.

TramaModifica

Topolino, accompagnato da Pippo e da Bruto, si reca a Hollywood per indagare sul caso di tre truccatori cinematografici, che erano stati chiamati a collaborare con una casa di produzione africana e una volta nel Continente Nero erano scomparsi nel nulla. Topolino e i suoi amici decidono di svolgere delle indagini sul posto: malgrado la delusione di Pippo, che si aspettava l'Africa selvaggia e incontaminata dello stereotipo cinematografico, tutto sembra in ordine e la scomparsa dei truccatori appare insolubile. Un certo Smut, sedicente capo della casa di produzione africana si offre di accompagnare i tre ospiti sul luogo dove i truccatori sono scomparsi, allettati da un'offerta in diamanti.

In realtà Smut è un emissario di un piccolo regno sconosciuto e nascosto in un crepaccio fra montagne inaccessibili, e ha l'incarico di portare sul posto Topolino, Pippo e Bruto perché non compiano indagini supplementari. Il popolo discende da un antichissimo ceppo persiano che millenni prima si era spostato in Africa, e riconosce come sua regina l'ambiziosa Zenobia II, che, con l'aiuto del subdolo ministro Akar, intende replicare l'impresa del suo antenato Nabuccanipal, il quale a suo tempo conquistò l'intero continente. Era stata la stessa Zenobia a far rapire i truccatori, perché sapessero valorizzare la sua bellezza in attesa di un incontro con il suo predestinato sposo, che secondo antichi presagi doveva essere imminente.

Zenobia sembrerebbe intenzionata a sbarazzarsi senza complimenti degli estranei, ma rimane colpita da Pippo, che identifica immediatamente con il promesso sposo che attendeva da tempo: in effetti, l'amico di Topolino è quasi il sosia del re Pipponosor, un altro illustre antenato di Zenobia, nonché marito della prima regina con questo nome. Pippo, a sua volta, non è insensibile al fascino di Zenobia, e accetta di buon grado di essere nominato principe: grazie a questa circostanza, anche Topolino riesce ad avere salva la vita.

Zenobia, ritenendo di potersi fidare degli estranei, spiega loro il suo progetto: nel suo piccolo regno si ottiene uno speciale sciroppo estratto dalle orchidee, in grado di rendere mite e inoffensivo chi lo beve. I suoi emissari, sparsi nei vari paesi africani e rimasti in contatto con la regina tramite un sistema radiotelevisivo, aspettano un suo cenno per propinare la bevanda ai rispettivi capi di governo, in modo che accettino di buon grado di consegnare i loro stati a Zenobia.

Topolino e Pippo, rinchiusi in una prigione per la notte, non sanno come opporsi al folle proposito della regina: Bruto, fin allora rimasto seminascosto, prende l'iniziativa di far bere lo sciroppo di orchidea a Zenobia e ad Akar. Il suo compito è facilitato dato che il ministro stesso, adirato perché da tempo avrebbe voluto sposare lui la regina per condividerne i poteri, induce Zenobia a bere la mistura. Bruto riesce comunque a far ingoiare lo sciroppo anche ad Akar, e Topolino, liberato dai due potenti ormai inoffensivi, convince la sovrana a far sì che i suoi emissari nel resto dell'Africa bevano a loro volta l'essenza di orchidea, in modo che gli stati del continente non possano più venire minacciati.

Zenobia, persa ogni velleità di conquista, decide non solo di ridare la libertà agli stranieri, ma anche di lasciare lei stessa il suo popolo per trasferirsi in America: anche Akar è rabbonito e, rimasto a capo del piccolo regno, governerà saggiamente.

PubblicazioniModifica

Topolino e la Regina d'Africa, come altre storie previste per gli albi della serie Topolino Più, non ha goduto di molte ristampe (all'estero è comunque stata diffusa in Finlandia, Francia, Germania e Portogallo). Seguono le edizioni italiane, una delle quali tradotta in lingua latina:

  • Topolino Più 6 - Topolino e la Regina d'Africa (1983)
  • Disney lingua latina 6 - Míchaël Músculus et regína Áfricae (1986)
  • I Maestri Disney 19 - Romano Scarpa (2000)
  • Disney Anni D'Oro 30 (2014)
  • Le grandi storie Disney - L'opera omnia di Romano Scarpa 38 (2014)
  • Speciale Disney 78 - Topolino Classic Edition (2017)
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.