FANDOM


  • Topolino e la Bella Addormentata nel cosmo
  • Commenti



Topolino e la bella addormentata nel cosmo
La bella addormentata del cosmo
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 1936-AP
Sceneggiatura:
Disegni:Massimo De Vita
Prima uscita:3 gennaio 1993

Topolino 1936 e 1937

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:66
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Topolino e la Bella Addormentata nel cosmo è il quarto episodio della Saga della Spada di Ghiaccio il capolavoro dell'autore Massimo De Vita. È stata pubblicata a distanza di dieci anni dal primo episodio il 3 gennaio 1993 sui numeri 1936-37 di Topolino. È l'unica storia della saga di cui De Vita non ha curato la sceneggiatura affidandone il compito a Fabio Michelini.

Trama

Come in tutte le altre storie della saga è la vigilia di Natale e la scritta Yor vi chiama appare nel cielo di Topolinia. Pippo e Topolino però non saprebbero come tornare nelle Terre dell'Argaar perché hanno dimenticato il vettore dimensionale a Ululand, ma ecco che improvvisamente compare il loro amico Boz e grazie a loro incomincia l'avventura.

L'Argaar è tutto in rovina e Yor racconta che dopo la sconfitta del Principe delle Nebbie tutti i popoli dell'Argaar vissero un periodo di pace e prosperità, ma un giorno una rara malattia cominciò a imperversare. Gli abitanti cadevano rapidamente vittime di un sonno senza risveglio e presto scoppiò una pandemia che contagiò la quasi totalità delle persone. La causa di tutto era ancora una volta la maschera del Principe che dal crepaccio di Niflheim, dove era stata gettata, rilasciava potenti radiazioni soporifere. I popoli chiesero aiuto alla Maga Selenka che grazie ai suoi poteri fece cadere una cometa sulla terra e nel punto dell'impatto venne trovata una Principessa la sola che avrebbe potuto sconfiggere il male. Ella però, proprio come nella favola della Bella addormentata nel bosco non avrebbe dovuto pungersi con nulla di metallico altrimenti sarebbe sprofondata in un sonno eterno. Questo è avvenuto proprio quando la principessa compì sedici anni e adesso ella riposa in una teca siderale tra lo spazio infinito, dove i popoli dell'Argaar hanno deciso d'inviarla per proteggerla dalle grinfie del Principe. Pippo in qualità di cugino di Alf, ha il compito di darle e il bacio che la risveglierà.

Così la solita compagnia composta da Boz, Gunni Helm, Pippo e Topolino parte per raggiungere la Torre di Helmod ai confine dell'Argaar dove vi è il cosmodromo. Gli eroi affrontano un lungo e pericoloso viaggio sotterraneo per non essere colpiti dalle radiazioni soporifere che ormai avevano addormentato tutto l'Argaar e superate mille difficoltà (grazie anche all'aiuto del Drago Zibibbo che aveva già aiutato Pippo durante il torneo dell'Argaar) raggiungono la torre.<br/ Arrivati in cima trovano il tassista spaziale Fulco Zob che conduce i quattro dalla principessa che Pippo risveglia con un bacio. La principessa allora discende nel burrone e ingaggia una lotta mortale con la maschera riuscendo infine a vincerla. L'Argaar sembra essere salvo per sempre e Topolino e Pippo possono ritornare a Topolinia, giusto in tempo per il cenone della vigilia a casa di Minni.

Curiosità

  • Inizialmente questo quarto episodio doveva essere sceneggiato da Antonio Serra e disegnato dall'allora esordiente Pasquale Frisenda, e addirittura includere Paperino e Zio Paperone.

Pubblicazioni italiane

  • Topolino 1936-1937 (1993)
  • Topolino Adventure 20 (1998)
  • Più Disney 27 - Le storie del Paperevo (2003)
  • I Classici del fumetto di Repubblica Serie Oro 10 - Topolino - La saga della Spada di Ghiaccio (2004)
  • Gli Astromondi di Topolino 9 - Disney Fantasy 3 - La saga della spada di ghiaccio (2011)
  • Disney Golden Edition 3 - La Saga della Spada di Ghiaccio (2014)
  • Le più belle storie Disney special 1 - La saga della Spada di Ghiaccio (2016)


Storia precedente Topolino e la Bella Addormentata nel cosmo Storia successiva
Topolino e il ritorno del Principe delle Nebbie

Il ritorno del principe delle nebbie

3 gennaio 1993 -
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.