FANDOM


Dwd0 Disambiguazione – Se stai cercando la miracolosa sostanza che compare in questa storia, vedi Ultraghiaccio.



Topolino e l'ultraghiaccio
Topolino e l'ultraghiaccio

Prima pagina

Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 596-AP
Sceneggiatura:Romano Scarpa
Disegni:Romano Scarpa
Inchiostri:Giorgio Cavazzano
Prima uscita:30 aprile - 7 maggio 1967

Topolino 596 e 597

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:70
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Arnoldo Mondadori Editore



Topolino e l'ultraghiaccio è una storia suddivisa in due puntate, pubblicata per la prima volta il 30 aprile-7 maggio 1967 su Topolino 596-597. La storia scritta e disegnata da Romano Scarpa, è l'ultima avventura che rientra nel primo ciclo di grandi storia che l'autore veneziano scrisse nel decennio compreso tra il 1956 e il 1967. Si dovrà attendere sino al 1975 per rivedere l'artista lavorare su storie lunghe di cui curerà nuovamente testi e disegni.

TramaModifica

I episodioModifica

Topolino legge sul giornale riguardo alla straordinaria scoperta di una sostanza ignota, effettuata dal professor Neutron nell'Artide. Improvvisamente un fattorino bussa alla porta e pretende di consegnare una cassa di galline per il signor Topolino. All'interno della cassa vi è nientemeno che il professor Neutron, che spaventato dalle continue lettere minatorie che ha ricevuto ha pensato di chiedere aiuto al più intrepido cittadino di Topolinia.

Dopo aver preso ogni precauzione possibile il dottor Neutron racconta la sua straordinaria scoperta. Stava sorvolando la calotta polare artica col suo pallone aerostatico quando è precitato improvvisamente in mezzo a un crepaccio. Con sua sorpresa all'interno della gola si misurava una temperatura di 15 °C sopra lo zero e nel terreno crescevano ravanelli e peperoncini. Lo scienziato ne raccolse qualche campione e inavvertitamente ne fece cadere una piccola quantità nel serbatoio del suo pallone che subito si rimise in moto e a una velocità folle lo scaraventò a Londra.

Neutron dopo aver ottenuto l'ospitalità di Topolino inizia una serie di esperimenti, ma qualcuno li sta osservando e si presenta alla loro porta come il maggiordomo, richiesto da Topolino su consiglio di Minni. Grazie a una serie di esperimenti il professore riesce a scoprire numerose proprietà favolose della nuova sostanza, da lui battezzata ultraghiaccio, ma questo non fa che irritare Pinky Pack, il nuovo maggiordomo, che non appena Topolino esce di casa per richiedere la protezione del Commissario Basettoni, mette fuori combattimento il professore e poi con uno stratagemma cattura anche Topolino. Pinky obbliga Topolino e il Professore a seguirlo sino alla costa dell'Oceano, dove c'è ad attenderlo una mastodontica balena meccanica.

II episodioModifica

Dopo che i prigionieri sono saliti a bordo, la balena s'inabissa e Pinky Pack si presenta loro in veste ufficiale come Capitano delle guardie reali di Pingunia, stato che da più di mille anni è nascosto nelle profondità della banchisa artica e che si serve dell'ultraghiaccio come principale risorsa energetica.

Dopo essere giunti a Pingunia, il dottor Neutron si dimentica velocemente di essere prigioniero e affascinato dalla tecnologia del posto, si mette subito a studiarla assieme agli scienziati locali, dimenticando di essere prigioniero. Topolino invece non si dà per vinto e pretende il ritorno a Topolinia, ma il re gli conferma la sua triste sorte: chiunque scopra i segreti dell'ultraghiaccio, dovrà essere imprigionato a Pinguinia per sempre. Mentre è al cospetto del sovrano incontra la figlia di questi Uina Uì e il suo futuro sposo.

Il sovrano assegna a Topolino le guardie Blik e Bluk onde evitare una sua possibile fuga, ma nonostante questa protezione il piccolo topo viene lo stesso attaccato dal Pretendente Mascherato, un pericoloso criminale sospettato di numerosi attentati alla vita del sovrano. Grazie al suo intuito Topolino, riesce a scoprire che sotto le paurose vesti verdi si cela proprio il capitano Pinky Pack e riesce a dimostrare che il vero attentatore non era il suo alterego, ma l'erede al trono, che voleva raggiungere quanto prima il potere. Il sovrano è entusiasta dello sprezzo del pericolo mostrato da Topolino e gli concede la mano della figlia, ma quando si stanno celebrando le nozze, improvvisamente una catastrofica eruzione sconvolge Pingunia. La causa di ciò sono degli esperimenti azzardati che Neutron aveva condotto sull'ultraghiaccio. Tutti gli abitanti trovano rifugio sulle balene sommergibili, ma ormai il regno è devastato dalle esplosioni e l'ultraghiaccio si autodisintegra.

Non avendo più alcun segreto energetico da proteggere, il re concede la grazia a Topolino e Neutron, che potranno così tornare a casa, mentre il suo popolo fa rotta verso il Polo Sud, per fondarvi la Nuova Pinguinia.

AnalisiModifica

Così come molte altre storie scarpiane, quali ad esempio Topolino e il mistero di Tapioco Sesto o Paperino e i gamberi in salmì, anche questa storia è suddivisa in due parti ben separate tra loro. La prima parte, che coincide quasi perfettamente con la prima puntata, è una tranquilla vicenda umoristica, ricca di episodi divertenti e battute, in cui il professore scopre le straordinarie proprietà dell'ultraghiaccio. La seconda parte invece, è un susseguirsi di episodi molto più avventurosi: la cattura, il viaggio, la prigionia, il cataclisma e infine il rientro in patria. In tutto ciò Topolino non agisce in maniera determinante per la propria salvezza, subisce in maniera del tutto passiva tutte le vicende fatalistiche che gli accadono attorno. Lui prova a salvarsi e a difendersi, ma ogni suo tentativo non comporta altro che un aggravamento della sua situazione e alla fine solo il cieco destino riporterà alla tranquilla quotidianità la vita del piccolo topo.