FANDOM


  • Topolino e l'operazione scambio
  • Commenti



Topolino e l'operazione scambio
Topolinoscambio
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 832-A
Sceneggiatura:Andrea Fanton
Disegni:Sergio Asteriti
Prima uscita:7 novembre 1971
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:34
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Arnoldo Mondadori Editore


"Inflazione e disastro! Le nostre riserve auree, custodite a Fort Grana, sono cadute nelle mani della gang di Al Testone!"
Strillone legge il titolo dei giornali

Topolino e l'operazione scambio è una storia scritta da Andrea Fanton e disegnata da Sergio Asteriti, pubblicata per la prima volta su Topolino 832 del 7 novembre 1971.

È la prima delle 33 storie sceneggiate da Fanton per le pubblicazioni Disney e assieme ad alcune componenti nonsense tipiche di questo autore presenta comunque una trama piana e funzionale.

Trama Modifica

La gang del criminale Al Testone assalta e conquista Fort-Grana, mettendo le mani sulle riserve auree del Calisota. Basettoni, ritenuto responsabile, è destinato a essere destituito nel giro di due giorni. Topolino, notando su una mappa uno scambio della vecchia linea ferroviaria sospetto, decide di andare nei pressi del forte.

Assieme a Pippo si reca sul posto in elicottero dove incontra anche il sostituto in pectore del commissario, Smith. I criminali sono ben protetti nel forte ed Al Testone, avvisato dell'arrivo di Topolino, fa anche una uscita in aereo per spaventarlo. Topolino, Pippo e Smith congegnano un piano e si mettono in contatto radio con il generale Ilia dell'esercito col compito di azionare il vecchio scambio ferroviario. Ma l'operazione notturna dei marines va storta e i soldati vengono catturati.

Mentre i malviventi progettano di andarsene da Fort Grana in treno fino al porto tramite la vecchia linea ferroviaria, minando i vagoni così da non poter essere assaliti, con un aereo Al Testone sorvola la zona dove sono accampati Topolino e gli altri e li irrora con "fosforo luminescente", che li rende visibili di notte e, quindi, impossibilitati a tentare qualche azione a sorpresa.

Nonostante questo Topolino viene a sapere dal generale Ilia (che è in contatto con Smith tramite una potente radiolina) delle intenzioni di Al Testone e grazie a un cannoncino antiquato ricevuto via cavo (e che non era stato irrorato dal fosforo) riesce a sparare una palla che attraverso una traiettoria ben calcolata dopo una serie di rimbalzi aziona uno scambio ferroviario che manda il treno di Al Testone a inabissarsi nel lago.

Il denaro è salvo anche se in fondo allo specchio d'acqua, e i criminali vengono catturati incluso Al Testone il cui aereo viene abbattuto da Pippo. L'impresa viene trasmessa dai cittadini che possono così festeggiare la scampata crisi. Basettoni resta al suo posto mentre i salvatori ricevono una medaglia. Ma una sorpresa attende Topolino: Testone è a piede libero, rilasciato per "meriti speciali" e inserito nei ranghi del controspionaggio. Notizia che fa svenire il topo.

Curiosità Modifica

  • La storia comincia in medias res, ad avvenimenti già in corso, un tratto distintivo in molte storie fantoniane.
  • Mentre Topolino e Smith cercano di escogitare un piano, Pippo stringe "amicizia" con delle margherite presenti sul colle dove si sono accampati; si inferocisce quando il volo dell'aereo di Testone le piega e le rialza una a una con tanto di sostegni. Un tocco riempitivo ma poco comprensibile caratteristico delle storie di Fanton.
  • Altra scena nonsense tipica della narrativa fantoniana: calata la notte, senza alcun motivo il fosforescente Pippo comincia a cantare "Tu mi fai girar, tu mi fai girar, come fossi un bambolo...", parodia della canzone La Bambola di Patty Pravo, senza molto successo dal momento che Smith esclama: "Accidenti che stecche!".

Pubblicazioni italianeModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.