FANDOM


  • Topolino e l'isola di Quandomai
  • Commenti



Topolino e l'isola di Quandomai
Casty isola quando mai

Copertina della ristampa deluxe edition di Panini Comics

Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2832-1P
Sceneggiatura:Casty
Disegni:Casty
Inchiostri:Michele Mazzon
Prima uscita:9-16 marzo 2010, Topolino n.2832-33
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:70
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Disney Italia


Topolino e l'isola di Quandomai è una storia scritta e disegnata da Casty, pubblicata per la prima volta su Topolino n.2832 e 2833 del 9 e 16 marzo 2010. La storia è alla novantaquattresima posizione delle 100 migliori storie Disney della classifica INDUCKS.[1]

Sinossi Modifica

Topolino, Minni, Pippo e Pluto sono in vacanza in crociera sull'Oceano Pacifico. Sul ponte della nave Minni fa conoscenza del Duca, un ricco uomo d'affari dai modi alquanto disonesti. Il viaggio procede tranquillo fino a quando la nave si imbatte in una potente tempesta tropicale e i passeggeri sono costretti ad abbandonarla su scialuppe di salvataggio. Nella confusione Topolino viene travolto da un'onda che lo scaraventa in mare, mentre Minni viene fatta salire su una scialuppa dal Duca.

Tutti i personaggi si ritrovano salvi su un'isola misteriosa dove sono naufragati anche Gambadilegno e Trudy (anch'essi sulla crociera) e approfittano di una vecchia stazione scientifica per trovare riparo. Lì trovano un passaggio che dà su una valle interna che, a loro sorpresa, è l'habitat di diverse specie di dinosauri.

Trama Modifica

Quandomai

Prima pagina della storia

Primo episodio Modifica

Abbozzo Questo articolo è un abbozzo!
Aiutalo scrivendo qualche informazione in più!

Dopo il naufragio e la scoperta della valle popolata dai dinosauri compare un individuo, il Professor Barraquater che si rivela essere uno dei scopritori dell'Isola di Quandomai.

AnalisiModifica

L'avventura è una delle più apprezzate dell'autore, grazie al sapiente uso di azione, mistero e profondità dei temi trattati. Non era la prima volta che Casty parlasse di ecologia, tuttavia in questa occasione si spinge oltre e offre una visione molto cinica del futuro: in un lontano avvenire gli uomini sono stati costretti ad abbandonare la Terra dopo averla sfruttata per secoli e resa una landa desolata. Inoltre, si noti che la conclusione non è del tutto positiva: infatti, sebbene i protagonisti si salvino dalla minaccia che incombe su di loro e sconfiggano i nemici, essi non riescono a fare nulla per modificare gli eventi per far sì che il mondo prenda una strada diversa da quella mostrata nel 200.000, rimasta immutata.

PubblicazioniModifica

La storia è stata inoltre pubblicata in Brasile, Francia, Grecia, Portogallo e Stati Uniti.

NoteModifica

  1. [1] Top 100 INDUCKS

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.