FANDOM


  • Topolino e il ritorno alla Dolce Vita
  • Commenti



Topolino e il ritorno alla Dolce Vita
Topolino e il ritorno alla Dolce Vita
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2935-1
Sceneggiatura:
Disegni:Paolo Mottura
Prima uscita:28 febbraio 2012
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:31
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Topolino e il ritorno alla Dolce Vita è una storia di Marco Ponti e Roberto Gagnor coi disegni di Paolo Mottura. E' stata pubblicata sul numero 2935 di Topolino.

La storia è un omaggio a Federico Fellini ed uno dei suoi film più famosi, La dolce vita.

Trama

Topolino, Minni, Pippo e Pietro Gambadilegno sono in arrivo agli studi di Cinecittà a Roma. Il gruppo viene accolto dal signor Fegatelli che ha organizzato un omaggio a Federico Fellini a 50 anni dall'oscar che vinse nel 1962 il film La dolce vita. L'omaggio è un corto chiamato "La dolce vita...oggi" dove verranno ricreati i momenti salienti del film originale e che sarà proiettato vicino alla Fontana di Trevi dove è stata allestita in una tenda una piccola mostra coi cimeli del regista. A dirigere il corto sarà Orazio come regista esordiente ed i suoi amici da Topolinia interpreteranno i protagonisti (Topolino nel ruolo che fù di Marcello Mastroianni e Minni in quello di Anita Ekberg). Topolino però scopre che per la parte di Robert (il divo americano) è stato scritturato Macchia Nera nonostante il suo curriculum criminale. Fegatelli garantisce per lui dicendo che si è redento e Macchia ne approfitta per provocare Topolino.

Partono così le prime riprese all'aereoporto di Fiumicino dove si gira l'arrivo dell'attrice Sylvia Minni. Orazio però interrompe tutto quando scopre che qualcuno ha cambiato la sceneggiatura per la parte di Topolino. Continuano le riprese con Macchia che continua a vantarsi affascinando Minni e provocare Topolino il quale intravede una misteriosa figura con la sciarpa. Orazio deve fermare di nuovo tutto quandonota che qualcuno ha spostato le luci e Macchia sembra esere innocente. Per la prossima scena Topolina e Minni dovranno recitare davanti ad un proiettore che ricrea l'ambiente dei tetti di Roma. Ma anche stavolta qualcuno ha manomesso l'apparecchio. Topolino cerca di capire chi sia il responsabile vede uno storyboard tra le carte di Orazio pittosto originale. Orazio non vuole arrendersi e chiede a Pippo di improvvisarsi cantante per la scena successiva alle Terme di Caracalla mentre anche Eta Beta è stato chiamato per un ruolo minore. Purtroppo le continue provocazioni di Macchia verso Topolino costringono Orazio a fermare di nuovo le riprese.

Fontana di Trevi

Minni emula Anita Ekberg

Più tardi, Topolino e Minni commentano la situazione nei vicoli di Roma arrivando al set per la scena successiva ed alla Fontana di Trevi dove Minni ne approfitta per ricreare la scena più famosa del film. Ad un certo punto Topolino vede di nuovo la figura misteriosa con la sciarpa ed entrando nella tenda scopre che tutti i cimeli sono spariti. Il colpevole è Macchia Nera che, vestito col suo costume nero, attacca Topolino alle spalle e dice che ci sono molti collezionisti che pagheranno bene i cimeli. Macchia Nera scappa a bordo di una spider e Topolino e Minni lo inseguono dopo essersi fatti prestare uno scooter da una coppia di romani. Con lo spider a secco, Macchia è costretto a scendere e scappa attraversando una villa finchè non inciampa su una sciarpa rossa "familiare" e così viene catturato da Topolino. Si scopre che a parte il furto lui non centra coi sabotaggi. Macchia viene arrestato mentre Topolino e Minni rimettono a posto i cimeli e discutono sul comportamento che hanno tenuto entrambi. Alla fine fanno pace e Minni tira fuori una loro vecchia foto di quando sono stati sul set del film originale ddi Fellini.

Si palesa così la misteriosa figura con la sciarpa rossa che non è altri che lo spirito di Federico Fellini il quale, scherzando sulla sua "attuale" residenza, dice che quando ha saputo dell'omaggio è tornato ed ha apportato delle modifiche che non dovevano sabotare il film, bensì migliorarlo. Dopodichè li saluta perchè ha iniziato un nuovo film, "Il viaggio di M. Mousetorna" e raggiunge il cast che compare alle sue spalle (tra cui sua moglie Giuletta) sparendo poi tra le meraviglie di Roma.

Curiosità

  • Non si tratta del primo omaggio al regista. Nel 1991 era stata realizzata la storia Topolino presenta "La strada" sul numero 1866 di Topolino.
  • La storia vede un cameo di Vincenzo Paperica che viene allontanato perchè lui è un personaggio dell'Universo dei paperi. Curiosamente, il giornalista Mollica (di cui Paperica è la versione papera) fu colui che mostrò a Fellini (quando era ancora in vita) la prima copia de "La strada" disneyana.

Pubblicazioni italiane

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.