FANDOM


  • Topolino e il mistero di Macchia Nera
  • Commenti



Topolino e il mistero di Macchia Nera
Hr

Strisce

Informazioni generali
Nome originale:Mickey Mouse Outwits the Phantom Blot
Codice Inducks:YM 039
Sceneggiatura:
Disegni:Floyd Gottfredson
Inchiostri:
Prima uscita:20 maggio - 9 settembre 1939
Prima uscita italiana:28 settembre 1939,

Topolino (giornale) 353

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:97
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Walt Disney Company



Topolino e il mistero di Macchia Nera (Mickey Mouse Outwits the Phantom Blot, in originale) è una storia a strisce Disney scritta e disegnata da Floyd Gottfredson, sceneggiata da Merrill de Maris e inchiostrata da Bill Wright e Ted Thwaites. È stata pubblicata sulle strisce quotidiane americane dal 20 maggio al 9 settembre 1939.

In Italia è stata pubblicata per la prima volta completa dal numero 353 al numero 372 di Topolino formato giornale tra il 1939 e il 1940.
In questa storia fa il suo debutto il personaggi di Macchia Nera, che riscuoterà notevole successo in Italia, dove verrà importato nel 1955 con la storia Topolino e il doppio segreto di Macchia Nera di Guido Martina e Romano Scarpa, che rappresenta il seguito di quest'avventura.

Trama Modifica

In questa storia esordisce per la prima volta, oltre a Macchia Nera, commissario Adamo Basettoni. Entrambi i personaggi, come anche altri, furono abbandonati dagli autori Disney statunitensi per essere poi ripresi da quelli italiani negli anni cinquanta.
Nella storia, Topolino indaga su delle macchine fotografiche rubate e, ad ogni furto, il misterioso ladro intimidisce la polizia firmandosi con il nome di Macchia Nera. Decide quindi di travestirsi da Piccola Macchia (uno dei suoi primi alter-ego) per indagare senza problemi e, nelle sue indagini, verrà catturato, ma riuscirà a salvarsi poiché i marchingegni del ladro, già dalla prima apparizione, non funzioneranno correttamente. Risale a questa storia la famosissima (e censurata) trappola della pistola puntata su Topolino e legata dal grilletto ad un pesce, posto vicino ad un gatto addormentato. Macchia Nera tenterà complessivamente di ucciderlo per tre volte di seguito ma alla fine verrà arrestato e confesserà i suoi furti. Il suo obiettivo era una formula, che sperava di convertire in una pericolosa arma segreta.

Riconoscimenti Modifica

  • Nell'aprile 2014 la storia è stata al 12° posto fra le migliori mai scritte secondo la classifica INDUCKS.[1] Nella stessa graduatoria, risulta con una certa regolarità la storia più apprezzata fra quelle ambientate nell'Universo dei topi. La storia è ritornata in top 20, raggiungendo l'11° posto e risultando la più apprezzata del mondo dei topi in data 21/10/15, inoltre, con una valutazione di 8,08/10 è l'unica storia (in data 14-11-15) non Barksiana a raggiungere una valutazione superiore (o uguale) a 8/10.

NoteModifica

  1. [1] Top 100
Storia precedente Topolino e il mistero di Macchia Nera Storia successiva
Topolino al campeggio

Unhappy campers

20 maggio - 9 settembre 1939 Topolino e la lampada di Aladino

Lampada di aladino

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.