FANDOM


  • Topolino e il misterioso corvo
  • Commenti



Topolino e il misterioso corvo
Corvo misterioso
Informazioni generali
Nome originale:The Black Crow Mystery
Codice Inducks:YM 050
Sceneggiatura:Floyd Gottfredson (soggetto)

Merrill De Maris (sceneggiatura)

Disegni:Floyd Gottfredson
Inchiostri:Bill Wright
Prima uscita:17 agosto - 21 novembre 1942
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:84
Lingua originale:inglese
Casa editrice:Walt Disney Company



"Coraggio, Pippo! Ogni volta che ari un solco aiuti a scavare la tomba di Hitler!"
Topolino a Pippo


Topolino e il misterioso corvo (in originale The Black Crow Mystery) è una storia di Floyd Gottfredson e Merrill De Maris, quest'ultimo alla sua ultima prova sulle strisce.

Trama

La Seconda Guerra Mondiale è in corso, e Minni dà il suo contributo facendosi assoldare come ausiliaria dell'esercito, con funzioni di infermiera e vivandiera. Topolino e Pippo vorrebbero arruolarsi entrambi nelle forze armate, ma il primo è regolarmente scartato in quanto "troppo piccolo" e "troppo giovane", mentre per il secondo i test d'intelligenza costituiscono un ostacolo insormontabile.

Dopo vari tentativi, i due amici vengono convocati per lavorare in un'azienda agricola. Inizialmente trovano quest'attività poco decorosa, ma poi Minni stessa li convince che in un paese in guerra le risorse alimentari sono importantissime e anche la coltivazione dei campi riveste un ruolo di grande valore.

Dopo un lungo viaggio, Topolino e Pippo si ritrovano quindi in un'azienda agricola dell'Ohio, di proprietà della famiglia Panzarasa. Insieme ad altri volontari, devono espletare i molti lavori estivi dei campi; inizialmente Topolino, per la sua bassa statura, non viene preso molto sul serio da Panzarasa e incaricato delle operazioni più semplici, ma in seguito il proprietario della tenuta si ricrede e affida al topo incarichi di sempre maggior responsabilità.

Una notte, il granaio della famiglia vicina Rapanellis viene misteriosamente incendiato e, con la mobilitazione di tutti i volontari, si riesce a stento a salvare il grano. Panzarasa spiega a Topolino che da tempo si susseguono atti vandalici di questo tipo, apparentemente inspiegabili. Topolino, che ha anche fatto amicizia con Kitty, la graziosa figlia dei Rapanellis, si ripromette di indagare nel tempo libero dal lavoro: in un'occasione scorge un'enorme impronta d'uccello; in seguito vede un vero e proprio corvo, di dimensioni paragonabili a quelle di un essere umano, che si aggira su un campo in cui è stato scongiurato un altro incendio.

A furia di indagare, Topolino si imbatte di nuovo nel corvo, che lo cattura e lo imprigiona nel suo covo. Si tratta, evidentemente, di un vero e proprio criminale travestito da uccello. Il malvivente spiega a Topolino il suo piano: intende immettere nel fiume un tronco cavo contenente una bomba a orologeria, in modo che esploda sulla diga, causando un'inondazione a valle che distruggerebbe il raccolto. Poco dopo il corvo si avvia a mettere in atto il suo piano, ma Topolino, riuscito nel frattempo a slegarsi, ritrova il tronco sul fiume e blocca il suo avversario all'interno, dove si era nascosto per dare la direzione giusta all'ordigno.

Il tronco continua a galleggiare sul fiume, e per non esplodere con esso, il corvo è costretto a disinnescare la bomba. I campi sono salvi, e Topolino può consegnare il criminale alla polizia locale: si tratta di uno squilibrato che intendeva danneggiare i contadini solo per vendetta, in quanto i loro prodotti agricoli erano migliori dei suoi e vincevano tutti i concorsi.

La stagione dei lavori agricoli termina con il raccolto, ricco e abbondante, e Topolino e Pippo possono tornare a casa soddisfatti. Il topo riceve anche un bacio d'addio da Kitty, e insiste con Pippo per considerarlo una prova di semplice amicizia.

Analisi

Come molte altre storie lunghe pubblicate originariamente a strisce, Topolino e il misterioso corvo sembra svilupparsi per giustapposizione di temi diversi. Il motivo dominante dell'inizio, quello dell'impegno patriottico in tempo di guerra, viene sostituito da una descrizione quasi bozzettistica della vita di campagna; subentra poi l'elemento drammatico dell'indagine e del confronto di Topolino con un pericoloso criminale, fino all'inevitabile chiarimento finale con trionfo della giustizia (e messa in luce di un movente particolarmente futile, forse uno degli aspetti meno riusciti della storia). Resta un documento importante della produzione Disney, in quanto è la prima storia a riflettere direttamente gli avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale, con un accenno a Adolf Hitler fin troppo esplicito.

Pubblicazioni in Italia

La storia è stata pubblicata dodici volte in Italia:

  • Albi d'oro 62 - Topolino e il misterioso corvo (1947)
  • Albi d'oro prima ristampa 62 - Topolino e il misterioso corvo (1953)
  • Albi d'oro seconda ristampa 62 - Topolino e il misterioso corvo (1953)
  • Topolino d'oro 31 (1973)
  • Cartonatoni Disney 9 - Io Pippo (1980)
  • Topolino collezione ANAF 46-A - Topolino e il Misterioso Corvo (1984)
  • Il Messaggero 53 - Topolino e il misterioso Corvo (1990)
  • Disney Video Parade 9 - Topolino e il corvo misterioso e altre storie (1993)
  • Albi d'oro (ristampa Camillo Conti) 62 - Topolino e il misterioso corvo (1995)
  • Il meglio di... 4 - Il meglio di Topolino (1999)
  • Albi d'oro (ristampa IF) 47062 - Topolino e il misterioso corvo (2004)
  • Gli anni d'oro di Topolino 6 - Il misterioso corvo (2010)

Da notare che in vari casi le edizioni italiane hanno comportato tagli e riduzioni; inoltre in diverse vecchie traduzioni (come in quella del cartonatone Io Pippo) si eliminano tutti i riferimenti alla guerra, evidentemente considerati troppo scomodi o troppo connotati in senso nazionalistico, e Topolino, Pippo e Minni si dichiarano solo in cerca di nuovi lavori.

Storia precedente Topolino e il misterioso corvo Storia successiva
Topolino e Lea leonessa buffa 17 agosto - 21 novembre 1942 Topolino e l'auto di Pippo
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.