FANDOM




Topolino e i pirati
Pirati
Informazioni generali
Nome originale:Mickey Mouse Sails for Treasure Island
Codice Inducks:YM 014
Sceneggiatura:Floyd Gottfredson
Disegni:Floyd Gottfredson
Inchiostri:Al Taliaferro
Prima uscita:16 maggio - 11 novembre 1932
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:155
Lingua originale:inglese
Casa editrice:Walt Disney Company



Topolino e i pirati (in originale Mickey Mouse Sails for Treasure Island) è una storia Disney a strisce di Floyd Gottfredson, edita per la prima volta nel 1932, ispirata in parte al romanzo di Stevenson L'isola del tesoro. Essa narra di una lunga caccia al tesoro a bordo del veliero Chiaro di Luna e introduce i personaggi di Radimare e Spettro.

TramaModifica

La Signora Radimare, moglie di un capitano di marina disperso, anni prima, in un viaggio alla ricerca di un tesoro di pirati e considerato morto, chiede a Topolino di organizzare una spedizione alla ricerca del marito. Per questo, gli mette a disposizione il vascello dello scomparso, il Chiaro di Luna, e le mappe del tesoro dei pirati che lo scomparso era andato a cercare nel suo ultimo viaggio. Topolino accetta, sia per spirito d’avventura che perché impietosito dalla donna.

Poiché non trova marinai disposti a salire sul Chiaro di Luna, considerato una nave stregata, Topolino commette l’ingenuità di affidarsi a due presunti lupi di mare, che arruolano con la forza un equipaggio. I due furfanti sono in realtà Lupo e Gambadilegno, evasi dal carcere dove scontavano la pena per il furto all'orfanatrofio (vedi Topolino e i due ladri).

Il Chiaro di Luna salpa, con Topolino come comandante, Lupo come secondo e Gambadilegno come nostromo; a bordo c’è anche Minni, salita di nascosto per accompagnare il fidanzato. Presto si scopre un altro clandestino, un gorilla mansueto ma temibile se provocato, e scambiato in un primo tempo per un fantasma; per questo, Topolino ribattezza l’animale Spettro. Dopo una navigazione apparentemente tranquilla, la ciurma, sobillata da Lupo, si ammutina, mentre Topolino e Minni sono in comunicazione radio con Orazio. I rivoltosi riescono a sopraffare sia i due topi, nonostante la loro strenua resistenza, sia il gorilla, liberatosi nel parapiglia.

Lupo e Gambadilegno, rivelata la loro vera identità, assumono il comando della nave e proseguono la ricerca del tesoro per proprio conto. Topolino e Spettro sono abbandonati su una scialuppa. Minni, rimasta sul Chiaro di Luna, è costretta a fare da serva e a subire le attenzioni sia di Lupo sia di Gambadilegno.

Scoppia un violentissimo uragano. Il Chiaro di Luna è gravemente danneggiato, ma approda comunque all’isola del tesoro. Anche Topolino e Spettro scampano miracolosamente alla tempesta e sbarcano sulla stessa isola. Lì, Spettro si dà alla macchia e Topolino è catturato da una tribù di cannibali. Il nostro eroe, già messo in una pentola, per fare da pranzo al re, è salvato dall’intervento di uno strano individuo, chiamato “il dio bianco”. L’uomo, un folle che si crede il fantasma di Shakespeare, sfrutta il suo ascendente sui cannibali per mandarli al soccorso di Minni.

Il piccolo esercito arriva appena in tempo per impedire il “matrimonio”, celebrato dallo stesso Lupo in qualità di capitano, fra Minni e Gambadilegno, che l’ha vinta ai dadi al suo compare . Ne segue una furiosa battaglia, con fasi alterne: dapprima i cannibali sono messi in fuga e Topolino e il folle sono catturati e destinati a morire; la riapparizione di Spettro, alla testa delle scimmie dell’isola, salva i due e capovolge la situazione.

Il pazzo, colpito alla testa e apparentemente morto, è fortunatamente solo svenuto ed anzi il trauma gli fa riacquistare memoria e ragione. Lui è il disperso capitano Radimare e Spettro, che in realtà si chiama Bombo, era la sua fedele mascotte. Il capitano e Topolino recuperano il tesoro e poi, riparata la nave con l’aiuto dei cannibali, iniziano il viaggio di ritorno. I marinai ribelli sono perdonati mentre sull’isola rimangono Lupo e Gambadilegno, che Topolino non ha avuto il coraggio di riportare per consegnarli al boia come ammutinati.

I due, con mostruosa ingratitudine, si preparano a colpire Topolino alle spalle ma sono catturati dai cannibali e salvano la vita solo perché il re li considera troppo malvagi per essere un buon pasto e preferisce bandirli nella foresta.

Topolino e Radimare, durante il viaggio di ritorno, apprendono dalla radio di Orazio che la moglie del capitano è gravemente malata. La donna, assistita da Clarabella, ritrova la voglia di vivere e di guarire solo quando vede davanti a sé il marito redivivo e il tesoro recuperato. Di fronte alla scena, nemmeno Topolino riesce a nascondere la sua commozione.

AnalisiModifica

A due anni dal suo esordio in chiave puramente comica, il Topolino di Gottfredson è ormai un personaggio completo, capace di affrontare non solo il registro avventuroso ma anche quello drammatico e perfino strappalacrime. È però piuttosto fastidiosa, per il lettore moderno, la rappresentazione razzista e paternalistica degli indigeni dell’isola, visti come feroci cannibali e insieme come esseri bambineschi e facilmente manipolabili.

Edizioni italianeModifica

  • Albi d'oro (anteguerra) 37003 - Topolino e i pirati (1937)
  • Topolino (libretto) 60 (1953)
  • I Classici di Walt Disney (prima serie) 5 - I Gialli di Topolino (1960)
  • Almanacco Comics 1 - Almanacco Comics 1968 </span>
  • Topolino d'oro 6 (1970) Topolino e i pirati
  • Grandi Avventure 1 - Michey Mouse (1971)
  • Oscar Mondadori (Oscar Fumetto) 1339 - Topolinissimo 1932 (1974)
  • I Classici di Walt Disney (seconda serie) 7 - I gialli di Topolino (1977
  • Topolino collezione ANAF 12 - Topolino e i pirati (1984)
  • Le grandi storie di Walt Disney edizione limitata 27 - Topolino e i pirati (1989)
  • Il Messaggero 44 (1989)
  • Gertie Daily 205 - Mickey Mouse Daily 1932 - 1 (1992)
  • Collana Special Mongo 108 - Topolino e i pirati pt.1 (1996)
  • Topolino (ristampa Nerbini) 2 60 (1998)

Topolino d'oro (ristampa Disney) 6 (2003)

Storia precedente Topolino e i pirati Storia successiva
Topolino e i due ladri

Due ladri

16 maggio - 11 novembre 1932 Topolino e Orazio nel castello incantato

Castello incantato

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.