FANDOM


  • Topolino e i furti improvvisati
  • Commenti



Topolino e i furti improvvisati
Topolino e i furti improvvisati
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2772-1
Sceneggiatura:Corrado Mastantuono
Disegni:Corrado Mastantuono
Prima uscita:13 gennaio 2009
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:32
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Topolino e i furti improvvisati è una storia scritta e disegnata da Corrado Mastantuono, pubblicata per la prima volta sul numero 2772 di Topolino.

Trama

Topolino esce da casa di Minni che si ricorda di una bolletta non pagata ed il fidanzato si offre di andare all'ufficio postale. Lungo il tragitto viene avvicinato da una signora all'apparenza normale che all'improvviso lo deruba e scappa via con pochi soldi lasciandolo in stato di shock e col cellulare rotto.

Topolino si reca al Commissariato di Polizia e racconta a Basettoni del furto e come quella donna non sembrasse affatto una delinquente. I due continuano la conversazione mentre vanno con Manetta ad una banca che ha appena subito una rapina. Anche questa però è una rapina anomala dato che il ladro ha agito disarmato ed a volto scoperto, ma la cosa scioccante è che si tratta di un industriale in vista. I tre vanno quindi a casa dell'uomo che nega tutto, infuriato per una simile accusa, finchè Topolino non trova le banconote rubate con ancora la fascetta della banca. L'uomo rimane confuso ed anche Topolino commenta che sembrava sincero nel professare la sua innocenza. Topolino va quindi all'ufficio postale come da programma quando anche lì si verifica una rapina ed il ladro in fuga è l'uomo della vigilanza. Topolino comincia ad inseguirlo raggiungendolo fino a casa dove questi gli apre comportandosi come niente fosse e non capendo di che parli.

Nei giorni successivi si susseguono i furti commessi da persone normali che poi non ricordano nulla. Osservando con Pippo (che si sta allenando con un manubrio che porta sempre con lui) un servizio televisivo sull'ennesima rapina, questi fa notare la presenza di un furgone. Topolino scopre che compare in altre rapine e sembra pubblicizzi una certa "crema Achian". A bordo di un taxi, i due girano per la città finchè non trovano il furgone e lo inseguono fino ad un edficio nella zona industriale. Dopo aver dato indicazioni all'autista di avvertire Basettoni, Topolino e Pippo entrano nell'edificio trovandosi faccia a faccia col signor Achian che è in realtà Macchia Nera ("crema achian" è il suo anagramma). Il criminale intrappola Topolino e Pippo in un cilindro di cristallo e mostra la sua ultima invenzione, un persuasore ipnotico con il quale può ipnotizzare e dare ordini a chiunque utilizzando la rete di telefonia mobile. Per dare una dimostrazione, telefona al tassista con cui sono venuti dandogli l'ordine di dimenticarsi delle istruzioni e tornare a casa. Con la sua invenzione Macchia Nera può far commettere furti ai suoi burattini e poi prendersi la refuriva dal furgone. Topolino era rimasto fuori dalla sua portata grazie al fatto di avere il cellulare rotto. Il prossimo colpo di Macchia Nera sarà qualcosa di grosso ovvero rubare tutto l'oro dalla banca centrale di Topolinia e, prima di andarsene, comincia a far riempire d'acqua il clindro.

Topolino cerca di usare il manubrio che Pippo porta sempre con sè per rompere il cristallo che però sembra reggere ai colpi. Nel frattempo, Macchia Nera ha ipnotizzato i vigilanti della banca facendo caricare tutti i lingotti sul suo furgone. Arriva però un altro vigilante che dice che c'è ancora una cassa che è rimasta dentro il caveau e serve la combinazione vocale registrata sul suo telefono e Macchia Nera lo prende per usarlo. Dopo aver caricato il furgone, Macchia Nera parte e va al commissariato dove si costituisce tra lo stupore di tutti. Più tardi si scopre che Topolino e Pippo alla fine sono riusciti a liberarsi dal cristallo (colpendolo nel punto più debole) e Topolino ha usato il persuasore ipnotico dando istruzioni al vigilante e facendo in modo che Macchia Nera prendesse in mano il telefono così da ipnotizzarlo e obbligarlo a costituirsi.

Tutto è risolto e Pippo ha deciso di prendersi un cellulare anche lui quando all'improvviso spaventa Topolino ripetendo quello che gli disse la donna rapinatrice (in realtà stava solo leggendo il titolo di un opera teatrale).

Pubblicazioni italiane

  • Topolino 2772 (2009)
  • Disney d'autore 3 - Corrado Mastantuono (2013)
  • Tutto Disney 78 - Topolino contro Macchia Nera (2017)
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.