• Topolino, Pippo e l'ultimo giocante
  • Commenti



Topolino, Pippo e l'ultimo giocante
Topolino, Pippo e l'ultimo giocante.jpg
Informazioni generali
Codice Inducks: I TL 2920-5
Sceneggiatura: Gabriele Panini
Disegni: Graziano Barbaro
Prima uscita: 15 novembre 2011
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine: 32
Lingua originale: italiano
Casa editrice: Walt Disney Italia



Topolino, Pippo e l'ultimo giocante è una storia di Gabriele Panini e Graziano Barbaro, pubblicata per la prima volta sul numero 2920 di Topolino.

Trama

Tip e Tap amano giocare usando la loro immaginazione. Ma dopo qualche tempo Topolino nota che ai nipoti sembra passata la voglia di giocare e sono piuttosto depressi. Chiama allora Pippo che cerca di coinvolgerli in una fantasiosa avventura di pirati, ma senza successo. Passando per il parco, Topolino e Pippo notano che sta succedendo lo stesso ad altri bambini evengono avvicinati da un uomo che si presenta col nome di Trollo e dice di venire dal mondo della fantasia. Questi spiega che ha un malvagio ha lanciato un incantesimo sulla città che impedisci di divertirsi e solo Pippo sembra esserne immune perciò ha bisogno del suo aiuto.

Topolino, scettico, non si fida e crede vogli approffitarsi dell buona fede di Pippo. Ma l'amico gli dimostra che Trollo dice il vero quando con l'immaginazione trasforma una bracca nell'entrata secondaria nel mondo della fantasia in cui entrano. Trollo (che qui è un vero troll, ma buono) gli mostra come il suo mondo è avvolto da una nebbia, creata dal malvagio Lord Raison, che impedisce di vederlo con la fantasia. Topolino comincia infatti a sentirsi debole poichè la nebbia consuma la sua fantasia e presto lo farà tornare nel suo mondo. Mentre si cambiano con vestiti adatti, i tre vengono visti da un mostricciatolo al servizio di Lord Raison che avverte il suo padrone della presenza di due giocanti. Il malvagio sguinzaglia allora il suo esercito di mostri-soldato chiamati chimerici che si comportano come dei preopotenti con gli immaginari, gli abitanti buoni del luogo, che non possono difendersi dato che il loro ruolo è supportare i giocanti.

I tre vengono scoperti da Lord Raison ed i chimerici. Trollo attira l'attenzione per permettere a Topolino e Pippo di scappare. I due si difendono dai chimerici quando Pippo, vedendo lo stato di Topolino sempre più debole, decide di farsi catturare. Pippo viene portato al meniero dove sarà esposto totalmente alla nebbia soppressante. Topolino invece sta per essere ributtato nel mondo reale quando intervengono gli immaginari del posto poichè si tratta di aiutare un giocante. Trollo racconta a Topolino del pericolo che corre il suo amico e questo dà a Topolino la forza di riprendersi e guidare l'esercito degli immaginari. Sconfiti i chimerici, Topolino affronta Lord Raison, ma la nebbia vicino a lui è 10 volte più forte ed il malvagio è sicuro che stavolta vinceranno i cattivi. Ma Pippo ha solo finto di farsi catturare per coinvolgere Topolino nel gioco e riesce a liberarsi. Topolino si riprende e, armato di una spada magica immaginata da lui, affronta di nuovo Lord Raison e distrugge la macchina fabbrica-nebbia.

Così la nebbia si dissolve, Raison è messo in castigo per molto tempo ed i giocanti possono tornare. Trollo ringrazia Topolino e Pippo che tornano nel loro mondo (smettendo di giocare) e, tornati a casa di Topolino, vedono che Tip e Tap hanno ripreso la voglia di giocare con l'immaginazione.

Pubblicazioni italiane

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.