FANDOM




Street Soccer Squad
Street soccer squad
Informazioni generali
Scopi e obiettivi:Squadra di calcio dilettantistica
Presidente/direttore:Qui, Quo, Qua
Membri:
  • Bold
  • Callie
  • Dusky
  • Franklin
Creato da:
Prima apparizione:Topolino 2951


"Infatti si chiama così perchè si gioca in strada! FUORI!"
Paperino alla squadra dei nipotini

La Street Soccer Squad è una squadra di calcio che debutta su Topolino 2951 nella omonima saga, e che vede Qui, Quo e Qua come capitani di una squadra di calcio formata da cinque componenti che gioca per strada e che si ritrova a fronteggare un re malvagio che vuole distruggere gli Europei di calcio 2012.

La saga è composta da quattro storie scritte da Alessandro Ferrari e disegnate da Fabio Pochet pubblicate in coppia su Topolino 2951 e 2952.

ComponentiModifica

La squadra conta 7 componenti:

  • Qui, Quo e Qua (Quo e Qua centro campisti e Qui attacante): I tre fratelli, pronipoti del multimigliardario Paperon de' Paperoni, diventano i capitani della squadretta, per la gioia dello zio. Agili, scattanti e forti, sono tre ottimi giocatori.
  • Dusky (attacante): Di media statura, con le piume nere, il becco a punta e un berretto rosso in testa, è temuto in tutto il quartiere, dato che è il capo di una banda di teppisti. Tuttavia dopo essere finito per caso con i tre nipotini e gli altri giocatori, deciderà di fermare il complotto del malvagio re. Con la sua potenza è l'asso della squadra.
  • Franklin (difensore): Basso e magro, con le piume arancioni e i capelli marroni è l'allenatore della squadra. La sua abilità di creare strategie e tecniche stra forti per la squadra, lo rendono terribile in teoria, ma disastroso in pratica. Nonostante ciò non esita mai a entrare in campo. Vive a Paperopoli con la zia.
  • Bold (portiere): Grosso e sovrappeso, sarebbe terribile se non avesse paura di tutto, tranne dei suoi fumetti dell'orrore. Tuttavia si rivela un buon portiere, capace di parare anche tiri di notevole velocità o intensità. Nella sua famiglia in oltre sono tutti sportivi, dai genitori ai suoi sette fratelli.
  • Callie (attacante): Alta, coi capelli rossi e il becco semi a punta, è molto irritabile e perde subito la calma. Dopo aver quasi fatto rissa con Dusky, i due si ritrovano a dover sventare un complotto e sospendono la lita per il momento. Proviene da una famiglia snob che vorrebbe fargli imparare il violino, ma la figlia, da brava, se ne frega e utilizza la custodia dello strumento come porta vivande, confort, attrezzature calcistiche ecc...

Nemici e Avversari Modifica

Prima pagina

La prima pagina della storia di debutto, "Un mistero da campioni".

I principali nemici della saga sono:

  • Re Antracite di Karbazia: Alto, magro, con grandi guancie, il becco a punta e gli occhiali, è il principale nemico della saga. Ha concepito un piano per manomettere gli europei 2012, per continuare a governare il suo regno. Inoltre è anche un po' spicotico.
  • Boris: Basso, con le bassette spelacchiate e il becco a punta lunghissimo, è l' assistente del re, che è anche il creatore dei robot calciatori.
  • La Karbazia: La squadra di Anatrice. Comparsa dal nulla e ora potenziale stella dei mondiali, in realtà i giocatori sono super robot, con un difetto di pronuncia.

Luoghi Modifica

Nella serie ci sono numerosi luoghi, ma quello più importante e il campetto misterioso, situato fra due edifici abbandonati alla periferia di Paperopoli, ha la incredibile capacità di teletrasportare chi vi ci si trova nello spazio e nel tempo. Così che i nipotini con gli amici si ritrovano a Karbazia, nel castello del re.

Curiosità Modifica

  • È stato fatto un sondaggio sul sito Topolino.it su chi fosse il personaggio preferito della serie, tra i componenti della squadra (esclusi Qui, Quo e Qua). Ne uscito vincitore Dusky, con più del 40% dei voti, seguito da Callie, con circa il 30% e con ultimi Franklin e Bold.
  • Stranamente, benchè Karbazia inizii con la K, il simbolo reale è sempre una C con sopra una corona.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.