FANDOM



Skylar Vega
Skylar
Informazioni generali
Specie:Cane antropomorfo
Genere:Femmina
Residenza:Robopolis
Creato da:
Fumetti
Debutto in:Darkenblot 3 - Nemesis (2017)


"Io sono Skylar! E ho il potere dell'aria!"
Skylar Vega

Skylar Vega è un membro della squadra One Team, squadra inviata a Miraitoshi per rappresentare la tecnologia di Robopolis all'expo della città, che collaborerà con Topolino per fermare i folli piani di conquista di Macchia Nera e i suoi alleati. Compare per la prima volta nella storia Darkenblot 3 - Nemesis appartenente al ciclo della saga di Darkenblot.

Aspetto e CarattereModifica

Skylar Vega e una ragazza di media statura (circa quanto Topolino) dai folti capelli neri scombinati e tendenti all'indietro.

È una ragazza molto coraggiosa e determinata, ma anche impulsiva, che non riesce mai a dire di no alle idee di Din. Indossa un'armatura robotica blu, denominata Coraut, che le permette di scagliare potenti folate di vento contro i nemici.

StoriaModifica

Skylar e i suoi amici vengono inviati per rappresentare la città di Robopolis all'expo che si tiene presso la città orientale nota come Miraitoshi. Qui la squadra, ancora in cerca di un nome, fa conoscenza con Topolino. La fiera viene poi interrotta dall'attacco di Macchia Nera dotato di un nuovissimo Darkenblot. Macchia affronta il team di Robopolis ma per ragioni sconosciute lascia poi la fiera facendosi battere anche troppo facilmente dal team. Dopo aver salvato un simpatico robottino, Zippo, Topolino scopre che dalla fiera è sparita una misteriosa cassa appartenente al professor Nobuo. Determinato a scoprire cosa possa contenere la cassa Topolino decide di recarsi alla villa del Professore accompagnato da Nice e da Orion mentre Din Dynamo e Skylar Vega decidono di staccarsi dal gruppo per pattugliare la città.

Alla villa Topolino, Orion e Nice fanno un'importante scoperta attraverso una telepenna giroscopica (ovvero un sofisticato aggeggio mediante il quale se uno scrive qualcosa con tale aggeggio dall'altra parte del mondo colui che possiede una penna uguale vede la propria penna ricevere e trascrivere ciò che uno scrive e viceversa) entrando in contatto con un misterioso individuo. Subito dopo la scoperta i tre sono costretti a una rapida fuga poiché vengono attaccati da Makandra dotata anche lei di un'armatura robotica. Raggiunti anche da Din e Skylar, che iniziano uno scontro con Makandra, la One Team e Topolino finiscono per essere arrestati dall'ammiraglio Kriegstreiber, dopo la fuga di Makandra, con l'accusa di aver provocato numerosi danni in città per poi essere liberati dallo strambo Capitan Bricco.

Dopo essere tornati a comunicare con lo strano amico di penna vengono finalmente a scoprire che questi è tenuto prigioniero nella scomparsa città di Robotorama e che anche Macchia Nera si nasconde li. A Robotorama, Topolino e i suoi nuovi amici vengono attaccati e sconfitti da Macchia Nera che alleato con Nobuo si sta preparando a lanciare l'arma finale definitiva: l'Umibozu. Mentre Macchia Nera fa rotta su Miratoishi, inseguito da Topolino e Zippo, pronto a devastarla, Skylar e gli altri tre ragazzi salvano l'interlocutore con cui conversavano tramite telepenna scoprendo che si tratta del vero Nobuo. A Miraitoshi la battaglia finale ha inizio e il Team One giunge appena in tempo per scoprire che Topolino, sepolto da numerose macerie, si è salvato grazie all'aiuto di Zippo. Una volta libero, Nobuo e il Team spiegano a Topolino l'intera faccenda.

Il vero nemico viene rivelato: Nemisis, il neurobot creato da Nobuo a cui il professore stava insegnando i valori buoni della vita prima che Nobuo dovette abbandonare il progetto a causa della distruzione di Robotorama e che in seguito, trovato da Capitan Bricco, apprese tutti le cose negative che lo strambo pirata faceva. Topolino e Nobuo decidono di fermare Nemesis mentre a Skylar e la sua squadra spetta il compito di sconfiggere Macchia Nera, ottenendo cosi (come successe a Topolino) tutti gli onori del caso per aver salvato la città.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.