FANDOM




Sior Papero Brontolon
Spb
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 1910-E
Sceneggiatura:Sandra Verda
Disegni:Sandro Del Conte
Prima uscita:5 luglio 1992

Topolino 1910

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:33
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Arnoldo Mondadori Editore



Sior Papero Brontolon è una storia del 1992, parodia della commedia di Carlo Goldoni Sior Todero Brontolon o il vecchio fastidioso. La storia è stata scritta da Sandra Verda e disegnata da Sandro Del Conte.

TramaModifica

Qui, Quo, Qua tornano a casa dal teatro, dove hanno assistito alla rappresentazione della commedia goldoniana Sior Todero Brontolon e commentano l'opera insieme a Paperino, il quale fa notare i punti in comune fra il protagonista del lavoro di Goldoni e suo zio Paperone.

Nel frattempo arriva proprio Paperone, che manifesta la sua diffidenza nei confronti del teatro (che sarebbe disposto a seguire solo se i biglietti fossero gratuiti) e afferma, in ogni caso, di essere a conoscenza della storia realmente accaduta a cui Goldoni si era ispirato, in quanto coinvolgeva un suo antenato, Papero Brontolon.

Il ricco, avaro e burbero Sior Papero viveva a Venezia a metà Settecento. In casa con lui abitavano Paperina (Paperina) e Papernicola (Paperino), suoi nipoti cugini fra loro, e il maggiordomo Gregoroga (Paperoga). L'andamento della casa era severamente controllato da Sior Papero personalmente, che si preoccupava in maniera maniacale di evitare ogni sorta di spreco, e teneva Papernicola come segretario e aiutante tuttofare, in cambio di un salario da fame.

Il ricco papero notò che Paperina, ormai grande, avrebbe potuto trovare marito e soprattutto che la presenza della nipote in casa era per lui una fonte di spesa eccessiva. La giovane era da tempo innamorata di Papernicola, ma lo zio avrebbe preferito darle un marito con "i suoi stessi valori", cioè ossessivamente dedito al lavoro e al risparmio. Sior Papero si rivolse alla Siora Brigida (Brigitta), una signora nubile che si occupava di far conoscere giovani a scopo matrimoniale.

Costei era segretamente innamorata dell'anziano papero e per accontentarlo presentò alla famiglia Brontolon tale Menegasto Fortunin (Gastone), abbastanza ricco per accontentare il bisbetico zio. Paperina, però, rifiutò di andare sposa a uno sconosciuto e dichiarò il suo amore per Papernicola. Da abile e astuto mercante, Papero mise letteralmente la nipote all'asta fra i due pretendenti, incoraggiando così entrambi a rinunciare alle pretese sulla dote e a fare loro stessi delle offerte.

L'"asta" fu vinta da Papernicola, che in cambio della mano di Paperina aveva finito per accettare una condizione durissima (lavorare a vita per Sior Papero senza percepire alcun salario). Apparentemente, quindi, l'amore trionfò: ma dopo il matrimonio il malcapitato Papernicola dovette rassegnarsi non solo a prestare i suoi servizi gratis a vita, ma anche a sopportare Paperina stessa, che era diventata ancora più scorbutica e brontolona dello zio.

Menegasto, resosi conto che il mancato matrimonio con la giovane papera era stato, malgrado le apparenze, la sua fortuna, incontrò Carlo Goldoni in persona e gli diede l'idea per una sua commedia incentrata su un vecchio avaro e brontolone.

CommentoModifica

La commedia di Goldoni si prestava ottimamente a una parodia Disney in quanto il vecchio, avaro e brontolone Todero aveva di per sé moltissimi punti in comune con Paperon de' Paperoni. Nella storia disneyana le somiglianze con la commedia sono evidenti, soprattutto, appunto, per quanto riguarda il carattere e le manie del protagonista.

La trama però è semplificata, e come in genere nell'universo Disney, si evita di rappresentare legami di parentela troppo stretti e si preferisce il rapporto zio-nipote. Infatti, Papero Brontolon è scapolo (mentre Todero è vedovo), non ha figli (nella parodia non si hanno quindi corrispettivi del figlio e della nuora di Todero), ma è zio di due nipoti cugini fra loro (invece Todero è il nonno della ragazza che intende maritare secondo la propria volontà, Zanetta). Un personaggio ispirato a Brigitta svolge un ruolo simile a quello della goldoniana Siora Fortunata, mentre Paperoga "interpreta" il servitore Gregorio; altri personaggi - il segretario Desiderio e la cameriera Cecilia - sono soppressi.

Una curiosità è che il personaggio di cui è innamorata la protagonista femminile si chiama Papernicola, e il suo rivale Menegasto: i nomi sono quindi invertiti rispetto al testo goldoniano (che vede Zanetta innamorata di Meneghetto, mentre suo nonno vorrebbe farle sposare Nicoletto).

Pubblicazioni in ItaliaModifica

  • Topolino 1910 (1992)
  • Le grandi parodie (Disney) 50 - Zio Paperone e la locandiera (1996)
  • Paperino Mese 298 (2005)
  • I Classici della Letteratura 28 - Zio Paperone e la locandiera (2006)
  • I Classici della Letteratura (2a edizione) 26 - Zio Paperone e la locandiera (2013)
  • Raccolta Topolino (libretto) 107