FANDOM



Senza ritorno
Pk - Pikappa 10
Copertina
Informazioni generali storia lunga
Codice Inducks:I PK3 10-1
Sceneggiatura:Stefano Ambrosio
Disegni:Stefano Turconi
Inchiostri:Roberta Zanotta
Prima uscita:1 Maggio 2003
Casa editrice:Walt Disney Italia
Lingua:Italiano
Pagine:48
Personaggi storia lunga
Personaggi principali:
Nuovi personaggi introdotti:
Storia breve
Titolo:Ho salvato il pianeta!
Codice Inducks:I PK3 10-2
Sceneggiatura:Fausto Vitaliano
Disegni:Roberta Migheli
Protagonista:


"Spesso mi sono chiesto che cosa ho di speciale per essere stato nominato guardiano della galassia. Ora lo so: la sfortuna."
PK

Senza ritorno è un episodio della serie PK - Pikappa,scritto da Stefano Ambrosio, disegnato da Stefano  Turconi e apparso per la prima volta nel maggio 2003, sul numero 10 della rivista omonima. La storia, che vede il primo incontro di PK coi suoi colleghi Guardiani della Galassia; è in chiave prevalentemente leggera e umoristica; comprende però anche alcune sequenze spettacolari ambientate nello spazio profondo.

Senza ritorno

Proprio il giorno in cui Paperino ha un colloquio di lavoro come fattorino, Uno gli annuncia che il Consiglio dei Guardiani della Galassia lo sottoporrà ad un esame, assieme ai suoi nuovi colleghi di altri pianeti. Il nostro eroe è teletrasportato su un’astronave del consiglio, comandata dal capitano K’eerk [1] e fa conoscenza con altri guardiani, fra cui l’amichevole ma pedante, scienziato Volkin e l’arrogante guerriero Roknar.

PK e i suoi compagni sembrano però perseguitati dalla sfortuna: un buco nero apparso improvvisamente li tiene bloccati nella sua orbita; K’eerk, tentando di far ripartire l’astronave, è risucchiato oltre l’orizzonte degli eventi; un’altra astronave, bloccata sulla stessa orbita, si rivela abitata da aggressivi robot minatori. Di fronte a queste impreviste difficoltà, cresce l’antagonismo fra, da una parte, Roknar, incline alle maniere forti, e dall’altra Volkin e PK, che preferiscono usare la testa.Finalmente, grazie agli strumenti fornitigli da Uno, PK scopre che il buco nero ha un’originale artificiale, e lo disattiva.

Ricompare allora K’eerk, a spiegare che tutta l’avventura era stata in realtà (come PK aveva già sospettato fin dal principio) una simulazione per testare le loro reazioni di fronte al pericolo, e per una volta, PK riceve grandi elogi dal suo superiore per aver dato prova di intelligenza e prudenza.

Nella sottotrama umoristica, Uno si presenta al colloquio di lavoro al posto del suo allievo, nella forma di un ologramma con l’aspetto di Paperino. Il computer si destreggia abilmente, tanto da guadagnarsi un incarico dirigenziale, finché non commette un errore fatale: mostra di non gradire il pezzo di torta cucinato dalla moglie dell’esaminatore.

Storia breve – Ho salvato il pianeta

(Scritto da Renato Vitaliano, disegnato da Roberta Migheli)

Lyonard D'Aq narra al suo nipotino Billy dei supereroi che ha conosciuto e della sua battaglia con il malvagio alieno Anydridor. Il ragazzino resta così suggestionato dai racconti da scambiare per Anydridor un tranquillo addetto alle pulizie che indossa una maschera; questi, a sua volta, scambia il vero Anydridor, tornato sulla Terra, per un collega.

Note

  1. Riferimento al capitano James T. Kirk di Star Trek.



I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.