FANDOM



Russia
Russia
Informazioni generali
Stato:Russia (Unione Sovietica dal 1917 al 1991)
AbitantiRussi
Governato da:Nicola II di Russia (nel 1910)
Nome originale:Rossja
Fumetti
Creato da:


Prima comparsa:Eta Beta e il tesoro di Mook (1950)
Lingua:

Russo


La Russia è un paese esteso fra l’Europa orientale e l'Asia settentrionale, presente in alcune storie dell'universo dei paperi e di quello dei topi.

GeografiaModifica

La Russia è il paese più vasto del mondo: occupa una sterminata estensione compresa fra l'Europa orientale e l'Asia settentrionale. Benché la parte asiatica sia più estesa, le città più importanti (Mosca e San Pietroburgo) sono in Europa.

StoriaModifica

Fin da epoche molto remote il popolo russo riuscì a occupare un vastissimo territorio, poco popolato ma ricchissimo di materie prime. Dal Medioevo ai primi del Novecento la Russia fu un impero retto assolutisticamente da uno zar; nel 1917, in seguito a una terribile rivoluzione, diventò una repubblica socialista a capo di una federazione di altre repubbliche, con il nome di Unione Sovietica; nel 1991 il regime sovietico lasciò il posto a uno stato democratico.

Apparizioni e riferimenti nel mondo DisneyModifica

L'Unione Sovietica di Walsh e GottfredsonModifica

La prima apparizione della Russia nei fumetti Disney risale al 1950, anno di pubblicazione di Eta Beta e il tesoro di Mook di Bill Walsh e Floyd Gottfredson: in questa storia Topolino ed Eta Beta, durante un lungo giro per il mondo alla ricerca di uno strano tesoro, si vengono a trovare nella Russia sovietica[1], scoprendo che a capo dei servizi segreti del paese c'è nientemeno che Gambadilegno. La storia risente fortemente del clima della guerra fredda, particolarmente teso nel 1950, nonché della forte impostazione nazionalistica tipica di molte storie sceneggiate da Walsh: l'autore si serve di qualsiasi mezzo per ridicolizzare il sistema comunista allora in vigore, descrivendo un paese totalmente sottomesso al feroce arbitrio dei funzionari governativi (ma in cui la popolazione è costretta a fingere di sorridere con uno speciale strumento da applicare sulla bocca), e in cui aerei, armi e macchinari sono talmente difettosi che vanno in mille pezzi al minimo urto.

La Russia è brevemente raffigurata, benché ancora una volta non nominata, in Topolino e il deserto del nulla (1952-53) sempre di Walsh e Gottfredson: stavolta Topolino e Pippo, di ritorno da un'avventura nello spazio, riguadagnano la Terra avvicinandosi alla Piazza Rossa di Mosca, e vengono bombardati senza pietà dall'Armata Rossa, cosa che desta lo sdegno dei due protagonisti[2].

Nelle Parodie DisneyModifica

Completamente diverso è lo spirito di due Parodie Disney di ambientazione russa prodotte in Italia, Topolino corriere dello Zar (1966) e Guerra e pace (1986): in entrambi i casi (nella prima storia, peraltro, si tratta solo di un sogno di Topolino) la Russia zarista è riprodotta con scrupolo filologico e attenzione alle opere di riferimento - rispettivamente Michele Strogoff di Jules Verne e Guerra e pace di Lev Tolstoi - negli accurati disegni di Giovan Battista Carpi[3].

Altre apparizioniModifica

Dell'ultimo periodo della Russia zarista ha avuto una breve esperienza anche il giovane Paperon de' Paperoni, che nel 1910 si presentò personalmente all'ultimo zar Nicola II per acquistare i preziosi gioielli noti come uova di Fabergé: nell'occasione il papero acquistò a San Pietroburgo il cappello a cilindro che poi ha sempre continuato a portare[4].

Infine, la Russia contemporanea ha visto una missione all'estero di DoubleDuck[5].

Altri riferimentiModifica

La Russia sovietica, per buona parte del Novecento temuta e invisa per il suo ruolo di grande potenza nemica del mondo occidentale, rappresentò per l'immaginario collettivo di molti paesi l'idea stessa dello stato totalitario, sottoposto a una dittatura feroce e spietata, ostile a qualsiasi forma di libertà individuale: non stupisce quindi che abbiano non poche somiglianze con la Russia la Brutopia, il paese nemico di Paperopoli più volte rappresentato da Carl Barks, ma anche, in epoche più recenti, la minacciosa Gelonia descritta da Casty in Topolino e l'impero sottozero.

NoteModifica

  1. In realtà nella storia la Russia non è mai espressamente nominata, ma chiaramente riconoscibile da dettagli (presenza della stella sovietica, uso dell'appellativo compagno, isolate scritte in russo ecc.). In Italia, paese in cui nel 1950 l'orientamento politico era molto diverso da quello statunitense e un partito comunista di ispirazione filosovietica riscuoteva i consensi di un'ampia parte dell'elettorato, si evitò, almeno nelle prime traduzioni, anche l'uso della parola compagno.
  2. A dire il vero, l'accoglienza è del tutto analoga anche quando l'astronave arriva in prossimità di Washington, ma in questo caso il Topolino di Walsh è prontissimo a scusare i suoi connazionali affermando "non sanno chi siamo".
  3. Non è invece ambientata in Russia Topolino in: Relitto e castigo, parodia di un capolavoro della letteratura del paese quale Delitto e castigo.
  4. Cfr. Il cuore dell'impero, capitolo della Saga di Paperon de' Paperoni di Don Rosa.
  5. Cfr. DoubleDuck - Elemento 109.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.