FANDOM



Richard Quackett (Duca Pazzo)
Richard Quackett 1
Informazioni generali
Residenza:Castello del Duca Pazzo di Paperopoli
Data di nascita:15??
Data di morte:15??
Specie:Papero antropomorfo
Creato da:Carl Barks
Famiglia
Parenti:


Clan:

Famiglia Quackett


Richard Quackett[1]. meglio noto con l'appellativo Duca Pazzo di Paperopoli è un personaggio dell'universo dei paperi ideato da Carl Barks nel 1966 per la storia Zio Paperone e il castello del duca pazzo.

Recentemente questo personaggio è stato ripreso dall'autore Marco Gervasio che ne ha approfondito il passato, facendone il capostipite della famiglia Quackett[1], tra i cui membri si conta John Quackett alias Fantomius.

StoriaModifica

Duca pazzo

Ritratto di Richard Quackett disegnato da Carl Barks.

Richard Quackett fu un nobile decaduto di origine inglese vissuto nel XVI secolo, che si unì alla ciurma del corsaro Francis Drake, che esplorò per primo la costa orientale del continente nord americano. Nel 1579 la spedizione approdò nell'area dove oggi sorge la moderna Paperopoli e fondò l'insediamento Nuova Albion.

La nave di Sir Drake depredò numerose imbarcazioni spagnole, catturando una considerevole quantità di oro da consegnare alla regina Elisabetta I. Quackett si impossessò di una parte del tributo e disertò, rimanendo nel Nuovo Mondo. Laggiù si fece benvolere dai primi coloni condividendo parte dell'oro con loro e diventando il primo ladro gentiluomo della storia[2].

Grazie alla sua nuova ricchezza prese possesso di una grande area di territorio, dove realizzò la sua dimora. Dal gusto eclettico e ricercato, il Duca fece costruire un castello medioevale, che poi tramandò ai suoi eredi[1]. Molto probabilmente sul finire del secolo, Richard Quackett edificò altre due residenze private dal gusto sempre cavalleresco: il Maniero di Valle Tetra[3] e il Castello delle Tre Torri[2]

NoteModifica

  1. 1,0 1,1 1,2 [1] Definitive Collection #1 pag 9
  2. 2,0 2,1 Vedi Il tesoro di Francis Drake, 2016
  3. [2] Maniero di Valle Tetra - Salimbeti.com


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.