FANDOM



Q'winkennon
Q win
Informazioni generali
Albo di debutto:PKNA #27 I mastini dell'universo

(marzo 1999)

Localizzazione:L'astronava Dama Elementhari
Aspetto fisico
Aspetto :Droide
Corporatura:Alta e robusta
Timbro vocale:Incomprensibile
Attività cerebrali
Facoltà intellettive:Elevata
Carattere:Droide dotato di parola e in grado di prendere decisioni autonome
Attività lavorative
Attività:Aiutare il comandante Neopard nella sua attività da mercenario


Il sergente Q’winkennon, detto Q’wyn, è un personaggio minore della saga di PK, che appare negli episodi I mastini dell’universo e Capitano di ventura; è un robot da combattimento al servizio del colonnello Neopard.

Storia Modifica

In I mastini dell’universo, Q’winkennon combatte contro i Grilkiani, al fianco di Neopard e PK. In quell’occasione, è salvato da PK e, sebbene danneggiato ad un braccio, ricambia il favore, prima convincendo Neopard a non abbandonare l’eroe, e poi consentendo a Uno di distruggere la base grilkiana.

In Capitano di ventura, mentre Neopard è impegnato a combattere su Grullop, Q’winkennon porta la Dama Elenthari sulla Terra, per recare a PK la richiesta di aiuto del colonnello, e accompagna poi l’eroe, prima sul pianeta Armadha e poi su Grullop.

Carattere e aspetto esterno Modifica

Di modello Mark 8, Q'winkennon è più obsoleto e meno potente in battaglia dei suoi compagni (modelli Mark 9 e Mark 12), ma a differenza di loro è dotato di parola e della capacità di prendere decisioni autonome. Si esprime in un linguaggio astruso, che solo Neopard è in grado di comprendere.[1] Visceralmente fedele a Neopard è però meno cinico del suo padrone e mostra a volte segni di disagio nei confronti dei suoi metodi.

Q’winkennon è alto e robusto anche se, rispetto ai Mark 9 e ai Mark 12, ha un design decisamente più sgraziato. Ha l’aspetto di un insieme di parti meccaniche, di colore viola o arancione scuro, riunite a formare un corpo rozzamente antropomorfico; la sua testa, di forma oblunga, ricorda un pallone da rugby.

Note Modifica

  1. Si tratta in realtà del dialetto parlato a Broni, la cittadina in provincia di Pavia da cui proviene lo sceneggiatore Alessandro Sisti, ma con una grafia anglosassone. In Soldato di ventura, per comunicare con PK, il robot si installa una scheda di traduzione simultanea.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.