FANDOM


  • Pippo, Gambadilegno e... il colpo da 3000
  • Commenti



Pippo e Gambadilegno e... il colpo da 3000
Pippo3000
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 3000-1
Sceneggiatura:Tito Faraci
Disegni:Giorgio Cavazzano
Prima uscita:22 maggio 2013,

Topolino 3000

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:16
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia


"Con il passare degli anni, mi è capitato di sentirmi troppo grande per leggerlo... e a volte me ne sono vergognato! Che sciocco"
Gambadilegno

Pippo, Gambadilegno e... il colpo da 3000 è una storia scritta da Tito Faraci e Giorgio Cavazzano pubblicata su Topolino 3000 il 22 maggio 2013.

Trama

Sistemando la soffitta di Pippo, lui e Topolino trovano il primo, rarissimo, numero del fumetto "Mickey Man" (versione letteraria della prima edizione di Mickey Mouse). Gambadilegno, che gironzola presso l'abitazione del canide, ne viene a conoscenza, così quella sera, assieme al suo complice Sgrinfia, progetta di rubarlo.
Dopo essersi intrufolati nell'abitazione, i due ladri vengono però sorpresi da Pippo che, come sempre, si dimostra gentile e bendisposto con tutti. Dopo aver appreso il motivo della "visita" da parte di Pietro decide di regalargli proprio il mitico numero uno.

Dopo alcuni giorni Gambadilegno e Sgrinfia sono davanti a una fumetteria decisi a vendere l'albo che è quotato 3000 dollari, ma alla fine Pietro, ricordando tutti i momenti felici che a trascorso immerso nella lettura di quelle pagine, rinuncia ai soldi per tenersi il fumetto. Si scopre che comunque non avrebbe guadagnato molti soldi perché il prezzo dell'albo era crollato in quei giorni poiché Pippo, avendo un'intera scatola di numeri uno e vedendo com'era stato felice Pietro, aveva deciso di regalarli alla cittadinanza.

Analisi

La storia ha una notevole qualità grafica grazie ai disegni di Cavazzano, che per la prima volta sono stampati a matita, privi del consueto ripasso a china che Sandro Zemolin compie per tutte le storie del Maestro. Le tavole sono inoltre abbellite dalla magistrale colorazione di Mirka Andolfo che riesce a rievocare l'effetto sfumato e un po' sbiadito del pastello colorato.
Faraci d'altro canto riesce con grande maestria a dosare i tempi comici, rendendo la storia molto esilarante. Egli inoltre tratteggia Pietro Gambadilegno quasi buono, impacciato e goffo, molto distante dall'acerrimo cattivo che in questi ultimi anni Casty sta cercando di riportare sulle pagine di Topolino. Faraci piuttosto che accentuare la crudeltà del personaggio, preferisce rimarcare il legame di amicizia che lo unisce a Topolino e Pippo. In questa storia per esempio Pietro si reca da Pippo per ricordargli della partitella di calcetto che avranno in programma quella sera.
La storia, senza essere una celebrazione fine a se stessa, riesce comunque a rendere omaggio alla testata di Topolino, che è un simbolo per i lettori, ma anche per gli autori stessi.

Curiosità

  • Una trama simile compare nella storia Topolino e il vendicatore mascherato (pubblicata su Topolino n.2625 del 21 marzo 2006) dove anche qui Gambadilegno tenta di rubare il numero uno di un vecchio fumetto, appunto il Vendicatore Mascherato, perché da piccolo adorava leggerlo.

Pubblicazioni italiane

  • Topolino 3000 (2013)
  • Super Disney 55 - Lo scrigno dei Mille (2013)
  • Tesori Made in Italy 6 - 50 capolavori di Giorgio Cavazzano 6 di 6 (2018)
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.