FANDOM




Paperleone
Paperleone

Paperleone in sella a Rappezzato.

Informazioni generali
Nome originale:Paperleone
Data di nascita:sconosciuta (Medioevo)
Specie:papero antropomorfo
Genere:maschio
Residenza:Paperetola
Creato da:


Fumetti
Debutto in:Paperleon dai Scorcia (14-21-28 febbraio 1995)


"Paperleon... dai, scorcia!"
Tutti a Paperleone quando comincia a parlare a ruota libera

Paperleone è un personaggio creato da Nino Russo e Andrea Freccero per la parodia Disney in costume Paperleon dai Scorcia (1995), e poi ripreso dagli stessi autori per Paperleone in Oriente (1997).

StoriaModifica

Nel Medioevo, Paperleone viveva nel borgo di Paperetola, quindi verosimilmente in Italia[1]. Era al servizio dello zio Don Paperon ed era perdutamente innamorato di Paperosa, nipote dello stesso Don Paperon. Lo zio, desideroso di far parte della nobiltà locale, mandò il nipote in viaggio per l'Europa alla ricerca di titoli nobiliari per suo conto, promettendogli in cambio la mano di Paperosa.

Il papero partì in sella a un cavallo dall'eloquente nome di Rappezzato e con un improvvisato seguito, composto da tre nipotini e dal bislacco scienziato Archimedio; dopo una lunghissima serie di disavventure in Svizzera, in Francia e in Inghilterra Paperleone tornò al paese convinto di non aver ottenuto nulla, mentre in tutti i paesi in cui era stato gli erano stati conferiti dei titoli a sua insaputa.

Pensando di aver fallito nella sua impresa, Paperleone accettò di firmare un contratto che lo vincolava a lavorare a tempo indeterminato per Don Paperon; una volta chiarito che aveva conquistato i titoli nobiliari desiderati, il cavaliere ottenne se non altro il consenso al matrimonio con Paperosa (con il risultato di essere perennemente destinato al servizio della moglie oltre che dello zio).

In seguito il papero sarà inviato in missione in Oriente, in una parodia che arieggia il secondo film della saga di Brancaleone, Brancaleone alle Crociate.

ParenteleModifica

Non è chiaro se Paperleone sia un antenato dei paperi moderni; le storie in cui compare sono del genere "storie in costume", quindi si svolgono dall'inizio alla fine in un tempo e in un luogo distinti da quelli consueti dell'Universo dei paperi, senza relazioni dirette col "presente". Sulla falsariga dei rapporti di parentela del Paperino moderno, peraltro, ha uno zio simile a Paperon de' Paperoni, tre nipotini ispirati a Qui, Quo, Qua e una fidanzata (poi moglie) sosia di Paperina, che è anche sua cugina. Da Paperleone in Oriente si apprende inoltre che ha un fortunatissimo cugino di nome Gastonio, con ovvio riferimento al Gastone moderno.

Caratteristiche del personaggioModifica

Paperleone, protagonista di una parodia Disney, è sosia di Paperino, ma anche dichiaratamente ispirato a un noto personaggio del cinema italiano (sulla grottesca figura di Brancaleone da Norcia, interpretato da Vittorio Gassman, si reggono i due film di Mario Monicelli L'armata Brancaleone e Brancaleone alle crociate).

Tuttavia, il personaggio cinematografico e il papero Disney non hanno moltissimo in comune, a parte la qualifica di cavaliere errante; presumibilmente dal nome dell'antieroe cinematografico discende - grazie a un gioco di parole a dire il vero un po' forzato fra "da Norcia" e "dai... scorcia" - una caratteristica di Paperleone, la logorrea inarrestabile, per cui il sosia di Paperino non è originario della cittadina umbra di Norcia, bensì viene continuamente interrotto mentre parla con l'invito "Paperleon... dai, scorcia!"

Caratterialmente, Paperleone non ha la comica spacconaggine, qua e là nobilitata da qualche atto di coraggio, che si riscontra in Brancaleone da Norcia; piuttosto è, come Paperino e molti suoi sosia, pigro, imbelle, fondamentalmente sfortunato e vittima delle circostanze[2].

NoteModifica

  1. Paperleone e i suoi compagni simuovono da Paperetola dirigendosi sempre verso Nord e giungono in Svizzera, il che fa pensare che Paperetola sia in Italia, unico paese a sud della Svizzera.
  2. Curiosamente, più simile a Brancaleone risulta l'altro papero cavaliere noto come Paperino il Paladino, benché quest'ultimo sia stato creato da Carlo Chendi e Luciano Bottaro nel 1960, quindi alcuni anni prima della realizzazione della saga cinematografica su Brancaleone.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.