FANDOM


  • Paperino eroe del controspionaggio
  • Commenti



Paperino eroe del controspionaggio
Eroedelcontrospionaggio
Informazioni generali
Nome originale:Missile Fizzle
Codice Inducks:W WDC 244-01
Sceneggiatura:Carl Barks
Disegni:Carl Barks
Prima uscita:gennaio 1961, Walt Disney's Comics and Stories n° 244
Prima uscita italiana:18 giugno 1961, Topolino n° 290
La storia
Personaggi principali:


Numero pagine:10
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Dell



Paperino eroe del controspionaggio (titolo originale, Missile Fizzle) è una storia sceneggiata e disegnata da Carl Barks, pubblicata per la prima volta nel gennaio 1961.

Trama

Qui, Quo, Qua vanno a trovare Paperino sul suo nuovo posto di lavoro: è spazzino nella base missilistica di Paperopoli. La situazione sul posto non è semplice: benché i militari e gli scienziati paperopolesi siano molto fiduciosi nella loro missione di esplorazione dello spazio, i missili progettati esplodono uno dopo l'altro. Paperino confida ai nipotini che sospetta un'azione di boicottaggio da parte di spie al soldo di una potenza straniera, ma è talmente confuso che non sa neppure di chi fidarsi.

Qui, Quo e Qua provano a dare un'occhiata in giro, e i loro sospetti si appuntano sullo scienziato Sornionis, incaricato di spedire degli animali nelle missioni spaziali per testare la loro capacità di sopravvivenza. Infatti, i paperini vedono Sornionis inserire nel mezzo un contenitore con due curiosi scarafaggi (uno rosso e uno verde), e poco dopo il razzo esplode sulla rampa di lancio.

Fortunatamente per loro, il tecnico ha lasciato aperta la porta del laboratorio: Qui, Quo e Qua entrano, e vedono fra il "cibo per insetti" delle strane sostanze appunto rosse e verdi. Parlano dei loro sospetti a Paperino, che però non dà loro retta, e si precipitano quindi da Archimede il quale riconosce dei componenti della nitroglicerina: in pratica, appena la sostanza rossa e la verde entrano in contatto, si sviluppa un'esplosione.

Nel frattempo Sornionis ha scoperto che qualcuno è penetrato nel laboratorio, e, vedendo Paperino con le mani sporche delle pericolose sostanze, lo cattura e lo trascina con sé. Dopo avergli spiegato che i presunti scarafaggi sono in realtà dosi di esplosivo, destinate a far saltare in aria ogni razzo in cui vengono inserite, afferma di voler spedire Paperino stesso a bordo del successivo prototipo, come se si trattasse di una scimmia da esperimento. L'esplosivo introdotto stavolta sarà di dose minore, così il missile non salterà in aria alla partenza col malcapitato papero, ma diventerà pur sempre impossibile da manovrare e si disperderà nello spazio con Paperino a bordo. Nulla possono neppure Qui, Quo, Qua, a loro volta catturati e presi prigionieri da Sornionis.

Dopo il decollo, stavolta riuscito, si nota però che non si verifica alcuna esplosione, e il missile sembra procedere secondo i piani stabiliti. Paperino dopo un po' chiama via radio la base e afferma di aver messo fuori uso l'esplosivo, spiegando pubblicamente chi è il vero colpevole. In breve, il papero torna sulla terra a bordo dell'ogiva del missile. Rimane un mistero come sia riuscito a liberarsi per disinnescare l'ordigno e usare la radio: tuttavia, come racconta ai nipotini, spazzando la base missilistica è diventato abbastanza forte di braccia da poter spezzare i legami che lo tenevano prigioniero.

Pubblicazioni in Italia

La storia è stata pubblicata nove volte in Italia:

  • Topolino 290 (1961)
  • Albi della rosa / Albi di Topolino 608 - Paperino eroe del controspionaggio (1966)
  • Complete Carl Barks 24 (1980)
  • Paperino di Barks collezione ANAF 42 (1987)
  • Zio Paperone 59 (1994)
  • Risatissima 96 (1996)
  • Paperinik e altri supereroi 97 (2001)
  • La grande dinastia dei paperi 22 - 1960-61 - Zio Paperone e la fonte della giovinezza (2008)
  • Raccolta Paperinik e altri supereroi 13
Storia precedente Paperino eroe del controspionaggio Storia successiva
Paperino e la caccia al tacchino

Cacciaaltacchino

Gennaio 1961 Nonna Papera e l'elefante lavoratore

Elefantelavoratore

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.