FANDOM


  • Paperino e la statua acquatica
  • Commenti


Paperino e la statua acquatica
Statuaacquatica
Informazioni generali
Nome originale:Statues of Limitations
Codice Inducks:W WDC 196-02
Sceneggiatura:Carl Barks
Disegni:Carl Barks
Prima uscita:gennaio 1957, Walt Disney's Comics and Stories n° 196
Prima uscita italiana:10 giugno 1957, Topolino n° 164
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:10
Lingua originale:inglese



Paperino e la statua acquatica (in originale, Statues of Limitations) è una storia Disney scritta e disegnata da Carl Barks, pubblicata per la prima volta nel gennaio 1957.

TramaModifica

A Paperopoli è stata indetto un concorso per la migliore statua di neve, con 50 dollari in palio. Qui, Quo, Qua, in giro per i quartieri poveri, notano una bella statua raffigurante una principessa, realizzata dai due bambini della vedova Stringa: benché l'opera sia fatta con neve sporca - cosa inevitabile perché l'aria in quella zona è satura di smog - i paperini la trovano meritevole di premio, tanto più che quella famiglia avrebbe molto bisogno di denaro.

Qui, Quo e Qua decidono allora di partecipare al concorso, con l'idea di vincerlo per poi regalare i soldi del premio ai bambini Stringa. Quindi progettano nel loro giardino una statua raffigurante Cornelius Coot, sapendo che il sindaco, incaricato di assegnare il premio, è appassionato di storia paperopolese e apprezzerà il soggetto. Tuttavia, Paperino ha a sua volta girato per Paperopoli ammirando le statue, ed è ugualmente convinto che i figli della vedova meritino il premio: quindi boicotta il lavoro dei nipotini, facendo sciogliere la loro statua con una candela accesa.

Con lo stesso intento di poter vincere per regalare i soldi ai bambini della vedova, Paperino vorrebbe a sua volta partecipare, ma nel suo giardino non c'è più neve fresca. Il papero utilizza delle spugne di scarto per modellare un'altra effigie di Coot, e ricopre il tutto di neve artificiale in modo che si abbia l'apparenza di una statua di neve.

Quando finalmente passa il sindaco per giudicare le opere dei paperopolesi, sembra gradire quella di Paperino, ma i nipotini non vogliono che lo zio vinca e a questo scopo riempiono la statua d'acqua con un tubo: l'oggetto, composto da spugne, si gonfia a dismisura fino a esplodere schizzando acqua gelata tutt'intorno. Il sindaco si allontana, indignato dal trucco delle spugne, e dopo aver passato in rassegna tutte le opere in concorso finisce per premiare la principessa scolpita dai bambini Stringa, benché composta da neve annerita. Paperino vorrebbe punire i nipotini sculacciandoli per aver rovinato la sua impresa, ma poi tutti si confessano di aver avuto fini altruistici e di aver voluto vincere per i bambini poveri: dato che questi effettivamente hanno conseguito il premio, zio e nipoti fanno la pace.

AnalisiModifica

Un tema fondamentalmente giocoso, quello delle statue di neve, e il consueto motivo della rivalità fra Paperino e i nipotini nel conseguire un risultato, viene intrecciato da Barks con una garbata polemica sociale, facendo risaltare il contrasto fra le classi alte paperopolesi - che assoldano scultori di grido per poi ottenere opere di dubbio gusto - e i gusti e le esigenze più semplici, ma più spontanei, dei poveri. I bambini bisognosi, a dire il vero trattati dai personaggi e dalla stessa sceneggiatura con una condiscendenza quasi umiliante, ricordano molto quelli della ben più nota storia Paperino e il ventino fatale.

CuriositàModifica

  • Come avveniva di solito negli anni '50-'60, la storia fu edita in Italia circa sei mesi dopo la prima pubblicazione statunitense; ne conseguì la sfasatura per cui una vicenda indiscutibilmente invernale vide la luce nel nostro paese in giugno!
  • Il titolo italiano usa in maniera abbastanza impropria l'aggettivo acquatico (che in sé significa "riferito all'acqua e soprattutto a distese naturali d'acqua", ma risulta meno convincente nel senso di "composto d'acqua" o "intriso d'acqua").

Pubblicazioni in ItaliaModifica

Paperino e la statua acquatica è fra le storie di Barks meno pubblicate in Italia, contando sole cinque edizioni:

Storia precedente Paperino e la statua acquatica Storia successiva
Zio Paperone e il thermos sotto il cilindro

Thermossottoilcilindro

Gennaio 1957 Paperino e gli astuti contrabbandieri

Astuticontrabbandieri

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.