FANDOM


  • Paperino e l’inversione di marcia
  • Commenti



Paperino e l’inversione di marcia
Paperino e l’inversione di marcia
Informazioni generali
Nome originale:A Backward Move
Codice Inducks:D 2009-115
Sceneggiatura:Paul Halas
Disegni:Massimo Fecchi
Prima uscita:23 settembre 2013
Prima uscita italiana:9 giugno 2015
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:30
Lingua originale:danese
Casa editrice:Egmont



Paperino e l’inversione di marcia (A Backward Move) è una storia danese scritta da Paul Halas e coi disegni di Massimo Fecchi. È stata pubblicata per la prima volta nel 2013 in Danimarca mentre in Italia è stata pubblicata nel 2015 sul numero 3106 di Topolino .

Trama

Paperino sta lavorando in una ditta edile, ma fa crollare tutto dopo aver azionato la marcia sbagliata sul bulldozer e scappa via dalla furia del capomastro.

Tempo dopo, Paperino porta Qui, Quo e Qua in vacanza nella città messicana di Sol Sombrero. La citadina sembra piuttosto povera tranne per un lussuoso edificio che è la magione di Don Pomposo, il mecenate che governa la città. Uno dei cittadini racconta loro che Sol Sombrero è perseguitata da El Gato, il capo del gruppo di banditi chiamato La Banda della Sierra. Qui, Quo e Qua notano anche che il fiume vicino è in secca e viene spiegato loro che si è ridotto a causa della diga che Don Pomposo sta costruendo e che dovrebbe portare benefici alla città. Assetati, i paperi entrano in un locale, ma finiscono per sedersi al tavolo di Don Pomposo che Paperino scambia per una cameriere facendolo infuriare. I paperi provano a scappare, ma vengono catturati dagli uomini di Don Pomposo che li fanno salire in macchina. Lungo il tragitto però i paperi vengono salvati da alcuni uomini della Banda della Sierra che pensavano ci fosse El Gato in macchina. In realtà El gato si è già liberato e lo ritrovano in salute al loro covo. Spiegano quindi che è Don Pomposo il vero criminale che sta derubando la città e fa cadere la colpa su di loro. Anche la diga serve solo a soddisfare i capricci della moglie di Pomposo che vuole più elettricità. Purtroppo vengono scoperti dagli uomini di Pomposo e Paperino mette accidentalmente fuori gioco l'autista della loro macchina per la fuga. Paperino si offre di mettersi alla guida, ma sbaglia marcia facendo schianatre la macchina in retromarcia e facendo così catturare tutti.

Vengono così portati alla diga e costretti a lavorare come operai. Paperino viene messo a mescolare il cemento pensando che non potrà fare danni rispetto a fargli guidare un bulldozer. Qui, Quo e Qua naturalmente si aspettano tutt'altro risultato. Infatti poco dopo Paperino fa scaricare del materiale per Don Pomposo e lo fa versare nella betoneria. Poco dopo il riccone, passato a controllare, lo avverte che arriverà dellea terra per il suo giardino e Paperino non capisce, tra le risate dei nipotini che non intervengono, che è proprio quella che ha usato scambiandola per cemento. Tempo dopo la diga è finita e si tiene la cerimonia d'inaugurazione con Don pomposo e sua moglie Querida. Ma quando la bottiglia colpisce la diga si apre subito una crepa e la diga crolla. Il fiume torna nel suo letto senza danneggiare le case tranne la magione di Don Pomposo e tra i resti viene rinvenuto l'oro ed i gioielli rubati che fanno infuriare i cittadini. Anche gli uomini di Pomposo si rivoltano contro di lui accusandolo di sottopagarli e così deve darsi alla fuga con la consorte.

Sol Sombrero è libera ed El Gato ringrazia Paperino pensando abbia intenzionalmente sabotato la diga. Svolte le prime elezioni, El Gato viene nominato sindaco e nomina Paperino cittadino onorario regalandogli anche dei soldi per pagare i danni fatti a Paperopoli ed un auto nuova. Che però ha un vecchio cambio manuale e Paperino finisce di nuovo per sbagliare marcia facendo un incidente e rompendo il palco.

Pubblicazioni italiane

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.