FANDOM


  • Paperino e l'insidia in... trasferta
  • Commenti



Paperino e l'insidia in... trasferta
Paperino e l'insidia in... trasferta
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 1908-A
Sceneggiatura:Giorgio Figus
Disegni:Enrico Faccini
Prima uscita:21 giugno 1992
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:31
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Paperino e l'insidia in... trasferta è una storia di Giorgio Figus ed Enrico Faccini. Uscita per la prima volta su Topolino 1908, appartiene alla serie del ciclo delle Storie della P.I.A..

Trama

Paperino e Paperoga si stanno rilassando in una radura fuori Paperopoli quando vengono convocati immediatamente da Zio Paperone nelle loro vesti di agenti P.I.A., Qu-Qu 7 e Me-Se 12, per una nuova missione. Arrivati ad una delle sedi nascoste, Paperone spiega loro che un lestofante arrichito, Erasmus, ha costruito nella sua villa un macchinario col quale può trasferire l'oro a distanza ed ha intenzione di usarlo per rubare l'oro del Deposito. Il piano è fargli credere che la macchina non funziona ed Archimede ha costruito un apparecchio che emette onde disturbatrici sottoforma di un bottone che i due agenti dovranno collocare nella macchina.

La villa è molto controllata, ma ci sono due aiuto-pasticceri a cui è permesso entrare per consegnare dei dolci al goloso Erasmus. Paperino pianifica di far venire il raffreddore ad uno dei due per prenderne poi il posto. Cerca così più volte di investirlo d'acqua finendo invece ogni volta per infastidire un palestrato con ovvie conseguenze. Il papero è così costretto ad usare i suoi soldi per far credere all'aiuto pasticcere di aver vinto una crociera. Paperino e Paperoga si presentano quindi dal pasticcere venendo assunti entrambi perchè l'altro aiutante si è preso un raffreddore.

Topolino 1908- 028

Il giorno dopo i due cominciano il giro di consegne e Paperoga porta addosso il bottone sull'informe. Arrivati alla villa di Erasmus, devono però far fronte ad un controllo di sicurezza col detector. Paperoga riesce ad evitare che il bottone venga scoperto nascondendolo in un bignè, ma il vassoio viene preso da uno degli scagnozzi di Erasmus. Paperino porta l'altro vassosio da Erasmus e, ascoltandolo parlare con alcuni amici, comprende che tra poco metterà in funzione la macchina. I due agenti rintracciano l'altro vassoio e provocano una rissa tra gli scagnozzi di Erasmus riuscendo così a riprendere il bottone. Raggiungono la sala col "raggio trasferente" e collocano il bottone (sebbene sia ancora sporco di panna) per poi fuggire dalla finestra. Poco dopo Erasmus illustra agli amici come ruberà l'oro di Paperone, ma quando mette in funzione il raggio non succede nulla. Furioso per la brutta figura, distrugge lui stesso la macchina.

Paperino e Paperoga tornano al Deposito per comunicare a Zio Paperone la riuscita della missione. Ma vedono che tutto l'oro si trova all'esterno e sospeso in aria. Ascoltando lo zio disperato lamentarsi con Archimede, Paperino capisce che la panna ha guastato l'apparecchio ed il raggio trasferente ha funzionato per pochi secondi. Per nascondersi, decidono di continuare a lavorare nella pasticceria.

Pubblicazioni italiane

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.