FANDOM


  • Paperino e il terrore di Golasecca
  • Commenti


Paperino e il terrore di Golasecca
Golasecca
Informazioni generali
Nome originale:The Terror of the River!!
Codice Inducks:W OS 108-01
Sceneggiatura:Carl Barks
Disegni:Carl Barks
Prima uscita:1946 (Stati Uniti)
Prima uscita italiana:23 agosto - 8 novembre 1947, Topolino (giornale) 653-664
La storia
Personaggi principali:


Numero pagine:28
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Dell Comics



Paperino e il terrore di Golasecca (The Terror of the River!!; altro titolo italiano, Paperino e il terrore del fiume) è una storia scritta e disegnata da Carl Barks, pubblicata per la prima volta nel 1946 negli Stati Uniti, e l'anno successivo anche in Italia.

TramaModifica

In una giornata fredda Paperino entra in una casa d'aste per scaldarsi, e assiste alla trattativa per la vendita di una casa galleggiante. Purtroppo i suoi continui starnuti sono scambiati per offerte, e il papero si ritrova a dover pagare trenta dollari per una proprietà che non gli interessava minimamente.

Inizialmente Paperino e Qui, Quo, Qua pensano di rivendere subito l'ingombrante nuovo acquisto, ma a poco a poco si appassionano all'idea di poter navigare liberamente sul fiume e decidono di prendere possesso del natante, che si trova nella città di Golasecca, Ohio[1], un luogo sperduto e soggetto a continue inondazioni.

I paperi, dopo aver faticosamente rimesso a nuovo la casa galleggiante, decidono di salpare per un lungo viaggio, con destinazione New Orleans (Venezia nelle prime traduzioni italiane). All'inizio i quattro sono del tutto ignari di come si governa un'imbarcazione del genere e subiscono ogni sorta di incidenti, ma un po' per volta imparano il da farsi e si preparano a navigare tranquillamente.

Tutto sembra ora procedere per il meglio, finché una notte uno dei nipotini guarda fuori dall'oblò e crede di vedere un serpente di mare. La mattina dopo, il paperino è convinto di aver sognato, ma il ponte della barca è effettivamente pieno delle tracce di fango lasciate dalla presunta apparizione. Poco dopo, il serpente riappare a tutti e quattro i naviganti e li attacca cercando di far colare a picco l'imbarcazione: Paperino e nipoti se la cavano lanciando una fiocina al mostro che, colpito sulla gola, si ritira. Tuttavia, il presunto serpente non ha perso sangue dopo essere stato colpito; e recuperando la fiocina, un nipotino nota che alla lama è rimasto attaccato un brandello di gomma, come se il misterioso animale fosse in effetti un fantoccio.

I paperi provano invano a convincere lo sceriffo locale del pericolo, e poi si decidono a investigare loro stessi, col risultato però che Paperino, in esplorazione su una piccola lancia, viene inghiottito dal mostro. Si tratta effettivamente di un fantoccio di gomma, pilotato da un contrabbandiere a bordo di un sottomarino, che intende seminare il panico fra i naviganti per puro divertimento: dato che Paperino ha scoperto il suo segreto, il folle decide di abbandonarlo insieme a tutto il sottomarino sotto un fondale fangoso, in modo che si perda ogni traccia di lui e che la storia del serpente rimanga un mistero insoluto.

Il presunto mostro, nel frattempo, inizia a terrorizzare tutti i natanti presenti sul fiume, tanto che finalmente la polizia decide di intervenire: ma Qui, Quo e Qua cercano in tutti i modi di rendere inoffensivo il mostro per primi, per evitare che la polizia lo bombardi uccidendo anche Paperino. A tale scopo, i nipotini noleggiano una nave come esca per il malvivente; questi in effetti fa riemergere il fantoccio a forma di serpente per affondare la nave, e i paperini riescono a prenderlo al lazo e cercano di riportare il sottomarino in superficie.

Dopo un lungo tira e molla fra l'imbarcazione pilotata da Qui, Quo, Qua e il sottomarino, che rischia di affondare a causa di una falla, il "terrore del fiume" è costretto ad arrendersi, e viene consegnato alle autorità locali, mentre Paperino ritrova la libertà. A nessuno interessa più il pupazzo di gomma a forma di serpente di mare, e quindi i paperi decidono di usarlo per decorare in modo originale la loro casa galleggiante.

Pubblicazioni in ItaliaModifica

La storia è stata pubblicata quattordici volte in Italia:

  • Topolino (giornale) 653-664 (1947)
  • Albi d'oro 24 (1954)
  • Topolino (libretto) 409 (1963)
  • Omaggio Abbonati 1974 - Le grandi storie di Qui Quo Qua (1974)
  • Cartonatoni Disney 7 - Noi, Qui Quo Qua (1978)
  • Complete Carl Barks 3 (1980)
  • I Classici di Walt Disney (seconda serie) 93 - Buon compleanno Paperino (1984)
  • Paperino di Barks collezione ANAF 4-A (1985) idem
  • Zio Paperone speciale Paperino 2 - Speciale Paperino n. 2 (1988)
  • Zio Paperone 73 (1995)
  • Carl Barks Comic Art 4 (1996) Donald Duck in "the Terror of the River"
  • La Grande dinastia dei Paperi 36 - 1944-45 - Paperino e il terrore di Golasecca (2008)
  • Raccolta Zio Paperone 1
  • Topolino (giornale) (ristampa Camillo Conti) 653-664

NoteModifica

  1. Nelle prime traduzioni italiane, il luogo coincide invece con la Golasecca in provincia di Varese del mondo reale: https://it.wikipedia.org/wiki/Golasecca
Storia precedente Paperino e il terrore di Golasecca Storia successiva
Paperino e la fiaba natalizia

Fiabanatalizia

Gennaio 1946 Paperino e l'incendiario

Incendiario

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.