FANDOM


  • Paperino cacciatore di coccodrilli
  • Commenti



Paperino cacciatore di coccodrilli
Crocodile

Prima pagina

Informazioni generali
Nome originale:The Crocodile Collector
Codice Inducks:AR 125
Sceneggiatura:Don Rosa
Disegni:Don Rosa
Prima uscita:26 luglio 1988,

Donald Duck Adventures 8

Prima uscita italiana:Novembre 1998,

Zio Paperone 110

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:18
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Gladstone



Paperino cacciatore di coccodrilli (The Crocodile Collector) è una storia di Don Rosa del 1988.

La storia venne commissionata all'autore a partire da una copertina che Carl Barks aveva disegnato anni prima per Four Colour Comics n° 348, senza riferirla a una storia.

Il simbolo sacro motore della vicenda nella cover originale non era presente, ma fu inserito in una nuova colorazione, senza toccare il disegno di Barks, consentendo, così, all'autore di procedere.

Sinossi

Paperino va alla ricerca di un coccodrillo sacro non allo scopo di ucciderlo, ma per esporlo nello zoo di Zio Paperone. Lo zoo di Paperone e l'unicorno apparvero già in una storia di Carl Barks, "Paperino e il Sentiero dell'Unicorno. Don Rosa lo riutilizzerà ancora in Zio Paperone – Fuga dalla valle proibita.

Trama

Zio Paperone incontra i nipoti nel suo zoo personale e nota una borsetta appena comprata da Paperina e realizzata in pelle di alligatore che mostra un simbolo sacro, non dipinto ma impresso dalla nascita sulla pelle degli esemplari di quella specie, estinti dall'epoca degli antichi romani. Una rarità degna dello zoo, ed ecco la promessa a Paperino: 10 mila dollari in cambio di un nuovo esemplare.

Partendo con i nipotini, Paperino arriva al Cairo, e riseguendo la filiera della pelle con cui è stata realizzata la borsetta approda a El Faiyum, poi a Khartoum attraverso il Nilo, quindi a Katera, in Uganda, sulle sponde del Lago Vittoria e in ultimo risalendo il fiume Kagera.

Alla fine del lungo viaggio trovano un nido con due uova, una di queste si rompe e ne esce un piccolo proprio con il simbolo sacro sul dorso. Per inseguirlo, i quattro notano una galleria sotterranea che li porta a scoprire una grande grotta che cela al mondo il tempio segreto di Sebekhetep.

Per loro sfortuna, quello che a prima vista sembra un pavimento si rivela essere un numeroso gruppo di coccodrilli famelici, tutti della specie sacra, e Paperino e Qui, Quo e Qua riescono a sfuggire per un soffio al loro assalto.

A Paperopoli riportano, così, l'uovo rimasto dal quale esce un altro cucciolo che subito si affeziona a Paperone. Non essendo, tuttavia, un adulto, i 10 mila dollari diventano solo 10, ma i ricercatori di coccodrilli possono consolarsi con un mucchio di preziosi trovati nella loro avventura.

Pubblicazioni

La storia è stata pubblicata per la prima volta il 26 luglio 1988 su Donald Duck Adventures n° 8 della casa editrice statunitense Gladstone. In Italia è stata stampata solo in due occasioni, a vent'anni di distanza l'una dall'altra:

Storia precedente Paperino cacciatore di coccodrilli Storia successiva
Paperino e la punizione con stile

Metaphoric

Luglio 1988 Zio Paperone in fortuna sulle rocce

Rocks

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.