FANDOM


Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi omonimi, vedi Paperino (disambigua).



Paperino
Nipote di Arpagone
Informazioni generali
Residenza:Francia
Data di nascita:Imprecisata (secolo XVII)
Prima apparizione:Zio Paperone e "L'avaro" di Molière (1 ottobre 1985)
Creato da:


Famiglia
Parenti:





Paperino è un personaggio della banda Disney creato da Alessandro Bencivenni e Sandro Del Conte, comparso in un'unica storia, la parodia Disney Zio Paperone e "L'avaro" di Molière. È fra gli antenati dei paperi moderni, benché non figuri in nessuno degli alberi genealogici.

Storia Modifica

Le notizie su questo Paperino, la cui storia è strettamente collegata a quella del suo ricco e avaro zio Arpagone Paperone, sono contenute in un antico manoscritto tuttora conservato nella biblioteca del discendente Paperon de' Paperoni.

Paperino era nipote di Arpagone, avarissimo mercante francese del Seicento. Lo zio si dedicava a ogni genere di affari, in particolare al commercio delle patate, all'epoca importate da poco in Europa, e con lui vivevano tre nipoti cugini fra loro, il nostro Paperino e i sosia di Paperina e di Gastone.

Paperino era "papero di fatica" e addetto alle mansioni più umili in casa dello zio, in particolare al trasporto delle patate - i tuberi erano giunti da poco in Europa e il ricco Arpagone sfruttava i proventi di questo commercio - e alla sbucciatura delle patate stesse, su cui si basava l'alimentazione di tutta la famiglia. Ingenuamente il papero permise a dei criminali simili ai Bassotti di entrare in casa, e questi derubarono il ricco mercante di una cassapanca contenente diecimila scudi d'oro, trattenendo anche Paperina come ostaggio.

Una subdola insinuazione di Gastone - nemico e rivale di Paperino nel corteggiamento della bella cugina - spinse Arpagone a pensare che Paperino fosse complice del delitto, e il giovane papero finì così in prigione. In seguito, grazie soprattutto all'astuzia di tre nipotini (sosia di Qui, Quo, Qua), i veri colpevoli furono scoperti, l'oro fu recuperato, Paperina liberata e Paperino fu sciolto da ogni condanna.

Alla fine Arpagone concesse a Paperino la mano della nipote, a condizione che recuperasse personalmente uno a uno gli scudi d'oro che lo stesso papero, durante l'ennesima lite con Gastone, aveva fatto cadere in mare.

Aspetto fisico e carattereModifica

Questo Paperino è in tutto simile a Paperino tranne che per il vestiario (indossa una livrea simbolo delle sue mansioni servili); caratterialmente non è molto abbozzato ma anche da questo punto di vista risulta molto simile al Paperino moderno: infatti detesta il lavoro, ha vari tratti di ingenuità nonché la tendenza a mettersi suo malgrado nei pasticci.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.