FANDOM



Crystal Clear app kpaint Pagina senza immagine!
Va aggiunta un immagine che rappresenti il personaggio! Clicca qui!


Abbozzo Questo articolo è un abbozzo!
Aiutalo scrivendo qualche informazione in più!
Marco Mazzarello
Mazzarello
Informazioni generali
Nazionalità:Italiana
Data di nascita:19 settembre 1971, Genova
Campi:Disegnatore
Prima storia:Battista e gli elettrodomestici d'annata

5 marzo 1996

Lavori
Vita privata


Marco Mazzarello, (Genova, 1971), è un autore di fumetti italiano.

La preparazione

Studia all'Istituto Statale d'Arte di Chiavari al quale si diploma maestro d'Arte. Lì già dimostra spiccate capacità con la matita in mano. I compagni lo identificano presto come elemento di riferimento: è il classico "primo della classe", e questo ruolo lo svolge con diligente simpatia. Educato ma vulcanico; intelligente ma semplice. Marco lascia già intendere di sapere quello che vuole e di avere le capacità per ottenerlo.

Gli anni alla Disney

Mazzarello giunge alla Disney Italia nel 1994, cominciando a collaborare con la maggior parte delle sue testate: esordisce sul numero 169 del mensile Paperino (datato luglio 1994) con la storia Paperino "Mister Sabbiadoro" scritta da Carlo Panaro; due anni dopo giunge alla redazione di Topolino, realizzando la storia "Battista e gli elettrodomestici d'annata", scritta da Giorgio Pezzin e pubblicata sul numero 2101 del settimanale, datato 5 marzo.

Nel corso degli anni realizza numerose storie dando inizio nel 2004 ad una collaborazione con il vulcanico sceneggiatore Casty, realizzando con quest'ultimo storie memorabili come "Topolino e l'enigmatico enigmistico" (2004), "Topolino e la dilagante scherzelletta" (2004), "Topolino e il mistero dei tergicristalli"(2005) e il ritorno di Topesio cioè "Topolino e l'anatema ridanciano" (2012). Grande illustratore di copertine, nel 2007 realizza, su testi di Fausto Vitaliano, la lunga storia "Tutti i milioni di Paperone".

Marco Mazzarello ha anche disegnato molte storie della saga di DoubleDuck.

Riconoscimenti

Note

  1. [1] TopoOscar 2011
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.