FANDOM



Manutenzione straordinaria
PKNA 16
Copertina
Informazioni generali storia lunga
Codice Inducks:I PKNA 16-1
Sceneggiatura:Alessandro Sisti
Disegni:Lorenzo Pastrovicchio
Inchiostri:Lorenzo Pastrovicchio
Prima uscita:1 aprile 1998
Casa editrice:Walt Disney Italia
Lingua:Italiano
Pagine:62
Personaggi storia lunga
Personaggi principali:
Nuovi personaggi introdotti:
Storia breve
Titolo:Ultimo minuto
Codice Inducks:I PKNA 16-2
Miniserie:Arriva Trip
Sceneggiatura:Francesco Artibani
Disegni:Alessandro Barbucci
Protagonista:
"Care, vecchie pillole Car-Can! Non le usavo da un pezzo, ma cancellano ancora la memoria che è un piacere!"
Paperino

Manutenzione straordinaria è un episodio della serie PKNA, scritto da Alessandro Sisti, disegnato da Lorenzo Pastrovicchio e apparso per la prima volta nell'aprile 1998, sul numero 16 della rivista omonima.

TramaModifica

Angus Fangus, commentando un’impresa di PK (la cattura di un pericoloso dinamitardo) si mostra meno maligno del solito.

In effetti, il giornalista è stanco della sua campagna contro il “picappero”, e ha deciso di indagare sulla misteriosa scomparsa di Everett Ducklair. Procuratosi, per un caso fortunato, il codice d’accesso al ripostiglio segreto che fa da porta d'ingresso alla parte segreta della Ducklair Tower, vi penetra, precipita nella tromba dell’ascensore  e, strappando alcuni cavi durante la caduta, isola i piani inferiori dell’edificio dal controllo di Uno. Arrivato comunque incolume nei sotterranei segreti, vi scopre i macchinari e le armi che Ducklair vi teneva nascosti e arriva finalmente nel salone dei droni da combattimento. Crede allora di aver scoperto il segreto di PK: l’eroe sarebbe in realtà Ducklair, che agisce sotto mentite spoglie, preparandosi alla conquista di Paperopoli.

Il computer chiede a PK di intervenire. Intanto anche Camera 9, trovata la porta del ripostiglio aperta, sente risvegliarsi in lui la sua vecchia curiosità professionale e penetra nella parte segreta della torre. Incontrato  PK, gli rivela di essere Stefan Vladuck, un famoso fotoreporter di guerra scomparso improvvisamente per aver perso la fiducia nell'utilità della sua missione. PK e Stefan si avventurano a loro volta nei sotterranei, dove la presenza di Angus e i suoi tentativi di armeggiare con le macchine hanno scatenato il caos (sovraccarichi di energia, temperature roventi); i due sono costretti ad avventurarsi in luoghi sgradevoli (come i condotti di aria gelida o le fogne) e a combattere contro i sistemi di sicurezza, ormai fuori controllo. Finalmente, PK raggiunge Angus, che, dall'interno di un drone di cui ha preso il controllo, gli annuncia di averlo smascherato. Intanto, però, Stephan è riuscito a riparare il danno ai cavi e Uno ha di nuovo il controllo di tutto il grattacielo. Angus cerca di uscire dai sotterranei per raggiungere la redazione di 00 Channel e rendere pubbliche le sue scoperte; si ritrova però sulla sommità della Ducklair Tower, dove PK lo butta giù dal tetto. (Si tratta in realtà di una simulazione virtuale, creata da Uno).

Angus sviene e al risveglio si trova nel suo ufficio. Nessuno crede alle sue scoperte e, quando vede un muro di mattoni dove avrebbe dovuto esserci la porta segreta, lui stesso si convince di aver sognato. Paperino provvede ad eliminare le ultime tracce dell’ avventura dalla mente  del cronista facendogli prendere le Car-Can (caramelle che cancellano la memoria inventate da Archimede per Paperinik). Vladuck, che ha ripreso la sua identità di Camera 9, affida a Paperino le foto scattate la notte prima, perché le porti al “suo amico Paperinik”.

Storia Breve: Ultimo minutoModifica

Trip è portiere di riserva nella squadra scolastica di telekn (una versione futuristica dell’hockey); chiamato a sostituire il titolare, non riesce a parare un rigore decisivo e fa perdere il campionato alla sua formazione. Allora, Trip torna indietro nel tempo con la cronovela, ferma la palla e diventa un eroe. Questo però non gli basta: torna nuovamente al momento del tiro, per eseguire una spettacolare parata ad occhi chiusi. Stavolta però il Razziatore (che ha seguito tutta la vicenda in incognito, e vuol dare una lezione al figlio) farà in modo che il trucco non riesca e che Trip subisca un’umiliazione peggiore della prima.

AnalisiModifica

L’interesse di questo episodio sta soprattutto nei due personaggi di Angus Fangus e Stephan Vladuck, che quasi diventano l’emblema di due concezioni opposte di giornalismo. Il primo conferma le sue doti di cronista investigativo, ma anche la sua presunzione e irresponsabilità. Del secondo scopriamo per la prima volta il vero nome e il passato di fotoreporter di guerra; conserva tuttavia una certa aura di mistero (non a caso il suo volto, anche quando non indossa la videocamera, è coperto dalla tesa del cappello). Si dimostra, prima di riassumere la maschera di Camera 9, un abile e coraggioso partner per PK; intuisce probabilmente la vera identità dell’eroe, ma, come aveva già fatto con Lyla, rinuncia per amicizia  alla possibilità di uno scoop.

Notevole della storia anche l’ambientazione nei labirintici e inquietanti sotterranei della Ducklair Tower che, sfuggiti al controllo di Uno, sembrano prendere una vita propria.

CuriositàModifica

  • In appendice, nell'albo, sono pubblicate una scheda su Stephan Valduck (al quale ne era già stata dedicata un'altra come Camera 9) e una sulle invenzioni di Everett Ducklair.
  • La scena a pagina 50, in cui Fangus affronta PK a bordo di un drone a forma di cavallo, ricorda alcuni episodi della saga di Spiderman, in cui il giornalista J. J. Jameson, sul quale è modellato il personaggio di Fangus, tenta di combattere l'eroe con dei robot telecomandati.

Pubblicazioni italianeModifica

Storia principaleModifica

  • Paperinik New Adventures 16 - Manutenzione straordinaria (1998)
  • Paperinik New Adventures Reloaded 16 - Manutenzione straordinaria (2006)
  • Paperinik Ultimate Collection 6 - Operazione ficcanaso (2007)
  • PK - Il mito 7 - Distanze siderali (2012)
  • PK Giant 3K Edition 19 - Manutenzione straordinaria (2016)

Storia secondariaModifica


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.