FANDOM


(Wikificato e corretti collegamenti esterni)
Riga 1: Riga 1:
 
{{Abbozzo}}
 
{{Abbozzo}}
 
'''Lorenzo Pastrovicchio''' (Trieste, 15 febbraio 1971) è un disegnatore di fumetti italiano.
 
'''Lorenzo Pastrovicchio''' (Trieste, 15 febbraio 1971) è un disegnatore di fumetti italiano.
[[File:Pastrovicchio.jpg|thumb|Lorenzo Pastrovicchio collabora anche con Walt Disney]]
+
[[File:Pastrovicchio.jpg|thumb|Lorenzo Pastrovicchio collabora anche con Walt Disney]]
Nel 1993 segue il corso di fumetti presso l'Accademia Disney di Milano, conseguendo alla fine l'attestato riconosciuto dal disegnatore americano [[Carl Barks]].
 
   
Il 1994 segna ufficialmente l’inizio della collaborazione effettiva con la [[Walt Disney|Walt Disney Co. Italia]], per la quale esegue anche i primi lavori di merchandising e licensing (illustrazioni per puzzle, abbigliamento, pubblicità, etc). Dal 1995 continua la sua collaborazione con diverse testate di fumetti della Walt Disney: [[Topolino (fumetto)|Topolino]] (storie a fumetti), Grandi Classici (copertine), Paperinik (copertine e storie a fumetti), Giovani Marmotte (copertine e fumetti), Minni & Co. (fumetti).
+
Nel 1993 segue il corso di fumetti presso l'Accademia Disney di Milano, conseguendo alla fine l'attestato riconosciuto dal disegnatore americano Carl Barks. Il 1994 segna ufficialmente l’inizio della collaborazione effettiva con la [[Walt Disney]] Italia, per la quale esegue anche i primi lavori di merchandising e licensing (illustrazioni per puzzle, abbigliamento, pubblicità, etc). La sua prima storia è ''Le GM e le mamme al campo'' uscito su ''Minnie & Co.'' nel dicembre 1996. Realizza numerose copertine per ''L’Economia di Zio Paperone'' (1995), “Le Grandi Parodie Disney” (1997-99), “GM-Giovani Marmotte” (1997-2000), ''I Grandi Classici Disney ''(1997-2003), copertine ''Paperinik'' (2000-2005), ''PK Pikappa ''(2003-05), ''I Classici della Letteratura'' (2006) e ''Topolino'' (dal 2010).<br />Disegna storie per [[Topolino (libretto|Topolino]] (dal 1997), ''Topogeo'' (1999), [[PK Paperinik New Adventures]] (1997-2001), ''PK2'' (2001-02),''X-Mickey'' (2002) e PK Pikappa (2003-05). Nel 2002-2003 viene premiato con il “Topolino d’Oro” miglior progetto libri.<br />Disegna la prima puntata della serie ''Wizards of Mickey'' nel 2006 e da un certo punto in poi prenderà in mano la serie come artista in maniera esclusiva accompagnandola fino alle ultime tre puntate finali “Lemuria” nel 2011. Inoltre lo si vedrà impegnato per ''Q-Galaxy'' e ''Topolinia 20802'' (2009-10) e [[Double Duck]] (2010). A Trieste, dove è nato e vive, insegna a disegnare fumetti in una scuola specializzata. Inoltre crea un fumetto pubblicitario per il lancio della Multipla FIAT e realizza splendide soluzioni grafiche per la rivista “Max”. Per Star Comics disegna con suo fratello il n. 50 “Jonathan Steele” (2008). Nel 2010 inoltre effettua diversi studi 3D per le statuette De Agostini.<br />L’ultima mini serie in prossima uscita su Topolino ''Darkenblot'' (n.2940/41/42 marzo 2012) è un progetto di sua ideazione e realizzazione, sui testi di Andrea Castellan ([[Casty]]) e si tratta di una rivisitazione Hi tech di [[Macchianera]].
 
Nel 1997 inizia la collaborazione con la testata [[PKNA]] - Paperinik New Adventures, sempre della Disney, di cui ha realizzato molte tavole. Tra il 1999 e il 2000 è impegnato come insegnante e collaboratore in un corso di fumetti, approvato dalla Comunità Europea, che si tiene a Trieste.
 
 
Lorenzo Pastrovicchio ha avuto numerose ed importanti altre collaborazioni esterne come, ad esempio, la creazione per la Fiat Auto di un fumetto pubblicitario per il lancio della Multipla e le grafiche realizzate per la rivista Max.
 
 
Nel 2003 Pastrovicchio ha ricevuto il prestigioso premio Topolino d’Oro, attribuitogli dalla Walt Disney come miglior copertinista nella stagione 2002/2003.
 
   
 
== Collegamenti esterni ==
 
== Collegamenti esterni ==

Revisione delle 20:04, feb 4, 2012

Abbozzo Questo articolo è un abbozzo!
Aiutalo scrivendo qualche informazione in più!

Lorenzo Pastrovicchio (Trieste, 15 febbraio 1971) è un disegnatore di fumetti italiano.

Pastrovicchio

Lorenzo Pastrovicchio collabora anche con Walt Disney

Nel 1993 segue il corso di fumetti presso l'Accademia Disney di Milano, conseguendo alla fine l'attestato riconosciuto dal disegnatore americano Carl Barks. Il 1994 segna ufficialmente l’inizio della collaborazione effettiva con la Walt Disney Italia, per la quale esegue anche i primi lavori di merchandising e licensing (illustrazioni per puzzle, abbigliamento, pubblicità, etc). La sua prima storia è Le GM e le mamme al campo uscito su Minnie & Co. nel dicembre 1996. Realizza numerose copertine per L’Economia di Zio Paperone (1995), “Le Grandi Parodie Disney” (1997-99), “GM-Giovani Marmotte” (1997-2000), I Grandi Classici Disney (1997-2003), copertine Paperinik (2000-2005), PK Pikappa (2003-05), I Classici della Letteratura (2006) e Topolino (dal 2010).
Disegna storie per Topolino (dal 1997), Topogeo (1999), PK Paperinik New Adventures (1997-2001), PK2 (2001-02),X-Mickey (2002) e PK Pikappa (2003-05). Nel 2002-2003 viene premiato con il “Topolino d’Oro” miglior progetto libri.
Disegna la prima puntata della serie Wizards of Mickey nel 2006 e da un certo punto in poi prenderà in mano la serie come artista in maniera esclusiva accompagnandola fino alle ultime tre puntate finali “Lemuria” nel 2011. Inoltre lo si vedrà impegnato per Q-Galaxy e Topolinia 20802 (2009-10) e Double Duck (2010). A Trieste, dove è nato e vive, insegna a disegnare fumetti in una scuola specializzata. Inoltre crea un fumetto pubblicitario per il lancio della Multipla FIAT e realizza splendide soluzioni grafiche per la rivista “Max”. Per Star Comics disegna con suo fratello il n. 50 “Jonathan Steele” (2008). Nel 2010 inoltre effettua diversi studi 3D per le statuette De Agostini.
L’ultima mini serie in prossima uscita su Topolino Darkenblot (n.2940/41/42 marzo 2012) è un progetto di sua ideazione e realizzazione, sui testi di Andrea Castellan (Casty) e si tratta di una rivisitazione Hi tech di Macchianera.

Collegamenti esterni

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.