FANDOM




Le Fantaleggende
Paperno tesoro tre chiavi1

Prima pagina

Informazioni
Codice Inducks:Le Fantaleggende
Sceneggiatori:Caterina Mognato
Disegnatori:Giuseppe Dalla Santa
Prima storia:26 settembre 1993

Re Pàperon e il tesoro delle 3 chiavi

Ultima storia:9 gennaio 1996

Ser Paperino e il genio del Cannolo


Le Fantaleggende sono una saga a fumetti Disney di ambientazione fantasy realizzata da Caterina Mognato e dal disegnatore Giuseppe Dalla Santa.

Il primo episodio è stato pubblicato per la prima volta il 26 settembre 1993 su Topolino numero 1974.

La saga si divide in tre storie, articolate rispettivamente in 3, 5 e ancora 3 puntate, per complessive 392 tavole, pubblicate tra il 1993 e il 1996.

Episodi

N. Storia Pagine Codice Inducks Data 1°
pubblicazione
1 Re Pàperon e il tesoro delle 3 chiavi 101 TL 1974-AP 26 settembre 1993

(Topolino 1974-1975)

2 Ser Topolino e la cavalcata dei cavalieri inesistenti 183 TL 1993-AP 6 febbraio 1994

(Topolino 1993-1996)

3 Ser Paperino e il genio del Cannolo 108 TL 2093-1P 9 gennaio 1996

(Topolino 2093-2095)

I personaggi

  • Il narratore: un menestrello simile ad Archimede, con in più una folta chioma bionda che lo fa assomigliare a un cantante pop. È loquace e disinvolto, anche se a volte impacciato nel trovare la rima giusta. Racconta le sue storie a un pubblico invisibile, che spesso lo contesta e gli tira addosso dei dolciumi.
  • Re Pàperon: sovrano del regno di Paperandria, controparte di Paperon de' Paperoni. Condivide con la sua controparte, specie con la caratterizzazione tipicamente italiana di essa, l'avarizia, l'avidità e il rifiuto di spendere denaro. Nel secondo episodio della saga, dove i sentimenti non "usati" in Terra finiscono sulla Luna, la sua avidità viene rappresentata come una piccola boccetta vuota. Al contrario la sua generosità è un bottiglione pieno.
  • Ser Paperino, Il Disarcionato: Cavaliere di Paperandria, controparte di Paolino Paperino. Condivide con la sua controparte la sfortuna e l'irascibilità. Altra sua caratteristica peculiare è la sua difficoltà a restare in sella ad ogni tipo di cavalcatura, seggioloni compresi. Da qui il suo soprannome. Da metà della prima saga, fin quasi alla fine della seconda si trova sulla Luna, dov'è finito a causa del suo destriero meccanico. Nella terza saga diventà Sultano del regno Orientale di Burudur.
  • Ser Gastone, Il Fortunato: Cavaliere di Paperandria, controparte di Gastone Paperone. Condivide con la sua contrparte la fortuna sfacciata e l'arroganza. Lui è il cavaliere prediletto da Re Pàperon, e da tutto il regno di Paperandria. Nella prima saga recupera la chiave custodita nell'Isola della Sfortuna. Ha detenuto il titolo di Campione del torneo di Paperandria, ma lo perde nella seconda saga.  Nella terza saga ha il comando dell'azione contro i pirati, ma non li incontrerà mai perchè verrano scacciati da Paperetta.
  • Ser Paperoga, L'Ardito: Cavaliere di Paperandria, controparte di Paperoga. Condivide con la controparte la poca assennatezza (nella seconda saga la bottiglia del suo senno è nera) e la goffaggine (al torneo viene sconfitto in pochi secondi), inoltre è molto scaramantico, infatti ha paura di indossare l'armatura viola che Archimede fabbrica per lui. Si dimostra anche fifone quando deve affrontare le sue imprese. Nella prima saga sarà lui, con l'aiuto di Paperetta, a recuperare la chiave custidita nel Castello Abbandonato.
  • Ser Ciccio Magno: Cavaliere di Paperandria, controparte di Ciccio. Condivide con l'alter-ego la perenne fame e la poca voglia di lavorare. Nella prima saga recupera la chiave custodita nel Deserto del Digiuno.  
  • Ser Topolino: appare per la prima e unica volta nella seconda saga. Originariamente è lo scudiero di Ser Pippus, ma viene nominato Cavaliere come premio avendo vinto il torneo di Paperandria. Il personaggio è la controparte di Topolino, e condivide con lui il coraggio e il senso della giustizia. Proprio il suo altruismo giocherà un ruolo fondamentale nella seconda saga.
  • Ser Pippus De' Pippis di Topumbria: Cavaliere e aristocratico di Topumbria, controparte di Pippo. Appare solo nella seconda saga. Condivide con l'alter-ego l'essere ingenuo e goffo. Per il suo rifiuto di affrontare il Cavaliere Nero, fa, per sbaglio, scagliare Topolino nell'arena. In seguito si unisce alla spedizione per liberare Topumbria. Del suo passato si sa solo che ha ospitato Re Pèperon per tre mesi, durante il torneo di Topumbria, e che aveva vinto un trofeo che in seguito ha perso, per poi ritrovarlo alla fine della seconda saga.
  • Madama Nonna: controparte di Nonna Papera, vecchia nutrice di Paperino, e, almeno all’inizio della storia, l’unica persona che mostri per lui stima ed affetto.
  • Principesa Paperina: controparte di Paperina. È innamorata di Gastone e amata da Paperino. Questo triangolo amoroso è però poco approfondito e ha poca influenza sulle vicende della trilogia.
  • Chiquita, ancella di Paperina.
  • Principessa Paperetta, controparte di Paperetta Ye-yè. Il suo grande sogno è diventare la prima donna cavaliere, e mal sopporta le convenzioni sociali che la relegano ai lavori domestici. Sfoga i propri istinti guerreschi giocando ai soldati con Qui, Quo e Qua, e rimproverando i cavalieri che non agiscono all’altezza della loro condizione, soprattutto Paperoga. In due occasioni (nell’impresa del Castello Abbandonato, e contro i pirati di Plottigatt), ha modo di dimostrare il proprio coraggio, ma le sue imprese resteranno ignote ai più.
  • Qui, Quo e Qua: paggi, amici e compagni di gioco di Paperetta.
  • Archimede, inventore di corte, controparte di Archimede Pitagorico. Gli si devono Quiz, un rudimentale computer, con il difetto di dare a ogni domanda tre risposte, di cui due sbagliate, Ferrociclone, il cavallo meccanico di Paperino, e la macchina per moltiplicare le monete. Le sue invenzioni, per quanto geniali e in anticipo di secoli, mostrano regolarmente difetti di funzionamento e imprevisti effetti collaterali.
  • Picus, controparte di Pico de Paperis: storico e sapiente di corte.
  • Enigm: mago e astrologo del regno di Nuvola, amico d Archimede, che si rivolge a lui per aiuto nei casi in cui la scienza si mostra mpotente.
  • Sacripante, guerriero saraceno,(il nome è tratto dall’Orlando furioso). Recatosi a Paperandra per la grande giostra, si unisce poi ai guerrieri del regno nella spedizione di soccorso alla regina Minni, mostrandosi un guerriero forte e coraggioso.
  • Macchia Nera: mago malvagio, espulso dal consiglio dei Magh e rifugiatosi sulla Luna. Il suo piano per conquistare il mondo alla guida di un esercito di armature vuote è sventato all’ultimo momento da ser Paperino.
  • Gambadibronzo (chiamato generalmente Facciadibronzo, anche se non sopporta quest’appellativo): controparte di Gambadilegno. È un cavaliere malvagio e sleale, usurpatore del regno di Topumbria. Al servizio di Macchia Nera, a volte prova ad ingannarlo e ad agire a sua insaputa; deve però sempre cedere ai superiori poteri magici del suo padrone.
  • I Bassotti: militi al servizio di Gambadibronzo.
  • Minni: regina di Topumbria.
  • Clarabella: dama di compagnia di Minni.
  • Gancetto: giovane corvo di Topumbria, fedele alla regina Minni e amico di Topolino.
  • Contessa Brigitta: controparte di Brigitta McBridge e, come lei, innamorata non ricambiata di re Paperon.
  • Un ciarlatano: controparte di Filo Sganga
  • Un capitano vichingo: controparte di Plottigat.
  • I tre draghi e Quzir: alieni in visita alla terra e scambiati per esseri soprannaturali.
  • Il califfo di Burudur: grazie a una serie di equivoci e coincidenze, ser Paperino ne occupa il posto come califfo, mentre lui è costretto a fare lo sguattero nelle cucine di corte. Riesce però, alla fine, a far riconoscere  i suoi diritti e a sventare gli intrighi del malvagio visir.  

Ambientazioni

La storia si svolge in diversi posti, il più importante è il regno di Paperandria, regno di stampo fantasy classico, nello stile della Camelot di Re Artù.Sono presenti anche luoghi come il villaggio di Langres, sepolto dal ghiaccio, e la "collina" che impedisce la realizzazione dei canali d'irrigazione nella prima saga.

Nella seconda saga diviene rilevante il regno di Topumbria, governato dalla regina Minni. Anch'esso è di stampo medievale, ma più nello stile dei castelli spagnoli durante la dominazione Araba.

Infine nell'ultima saga è importante il Sultanato di Burudur, in un non meglio precisato paese Orientale. Lo stile ricalca molto alcuni luoghi Mediorientali o Indiani.

Curiosità

Galleria

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.