FANDOM




La settima arte
Settimaarte
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 3280-2
Sceneggiatura:Marco Gervasio
Disegni:Marco Gervasio
Prima uscita:Topolino 3280, 3 ottobre 2018
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:30
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Panini Comics



"Il derubato che sorride ruba qualcosa al ladro."
Fantomius (citazione dall’Otello di Shakespeare)

La settima arte è la ventitreesima storia della saga Le strabilianti imprese di Fantomius, scritta e disegnata da Marco Gervasio e apparsa per la prima volta su Topolino 3280 il 3 ottobre 2018. È una continuazione della storia Silenzio in sala, da cui riprende i personaggi de due attori Douglas Fairbarks e Gloria Squackson, nonché l’ultimo capitolo di una trilogia dove il ladro gentiluomo ha come avversario Cuordipietra Famedoro.

Trama Modifica

1925. Gloria Squackson e Douglas Fairbarks, dopo il successo del film su Fantomius, tornano a Paperopoli per girare una nuova pellicola; per l’occasione, la capricciosa diva sfoggia una preziosa collana di perle, che insiste per indossare anche durante le riprese. Il gioiello è nel mirino, oltre che della coppia Fantomius e Dolly Paprika, di Lady Senape, che è riuscita a farsi assumere da Gloria come addetta alle pubbliche relazioni, e perfino di Fairbarks. L’attore è disperatamente innamorato della sua partner e spera di conquistarla recuperando le perle, dopo aver inscenato un finto furto nei panni di Fantomius.

La sera, il primo a entrare in azione è Douglas, talmente impacciato che il vero Fantomius è costretto a intervenire per evitargli di cadere dal cornicione.  Il ladro gentiluomo si impadronisce delle perle, e mette al loro posto una collana falsa, immediatamente rubata da Lady Senape e portata al misterioso mandante del furto: Cuordipietra Famedoro. Il miliardario sudafricano, appena si rende conto di avere fra le mani un’imitazione, decide di ricorrere ai sistemi drastici, facendo rapire i due divi e chiedendo la collana vera come riscatto. Ignora però che Fantomius e Dolly, appostati alle  finestre della sua villa, hanno ascoltato i suoi piani.

Quella stessa notte, Gloria è rapita da Lady Senape e da due scherani di Cuordipietra. Douglas, dopo un goffo tentativo di intervenire col costume di Fantomius, è lasciato libero per andare a prendere il riscatto. La mattina seguente, si effettua lo scambio: la vera collana in cambio di Gloria e della collana falsa, che l’attrice, con uno dei suoi soliti capricci, insiste per voler usare come accessorio di scena.

Nel finale, però, la vicenda del sequestro si mostra ben diversa da come appariva  al lettore. Ad essere rapita non è stata Gloria, ma Dolly Papirka travestita; a portare la collana ai tre rapitori non è stato Douglas, ma Fantomius, sempre travestito; e la collana falsa che è stata consegnata a Dolly era in realtà quella vera, che Fantomius aveva sostituito nel cestino dove Cuordipietra aveva gettato l’imitazione.

Fantomius ha così guadagnato il gioiello, ma anche il rancore implacabile del beffato Cuordipietra, che continuerà a perseguitarlo anche nel futuro (vedi I due vendicatori). Gloria Quackson, saputo che Douglas ha tentato di salvarla dai rapitori, ricambia finalmente i sentimenti del suo partner.

Nell’epilogo, mentre Fantomius e Dolly si chiedono che fine abbia fatto Copernico, arriva loro una telefonata, subito interrotta.  Una nuova avventura sta per iniziare...

Curiosità Modifica

Douglas Fairbarks e Gloria Squackson sono una parodia di Douglas Fairbanks e Gloria Swanson, che ricordano anche fisicamente. Nella realtà, i due attori non fecero mai coppia sullo schermo o nella vita, e Douglas Fairbanks, lungi dall’essere un imbranato, era famoso per le spericolate acrobazie che eseguiva senza fare ricorso a controfigure.

Altre citazioni cinematografiche sono il nome del regista Graffit (Griffith) e il manifesto de La maschera di Zorro (nella realtà, uno dei grandi successi di Fairbnanks) nel camerino di Fairbarks.


Storia precedente La settima arte Storia successiva
I due vendicatori

I due vendicatori

3 Ottobre 2018 Sulle tracce di Copernico

It tl 3318p013 001

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.