FANDOM




La biblioteca dei misteri
La biblioteca dei misteri
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2702-2
Sceneggiatura:Stefano Ambrosio
Disegni:Andrea Freccero
Prima uscita:11 settembre 2007
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:16
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



La biblioteca dei misteri è una storia di Stefano Ambrosio ed Andrea Freccero, pubblicata sul numero 2702 di Topolino. E' il primo capitolo della serie Q-Blog.

Trama

Qui, Quo, Qua raccontano una storia dal loro blog che comincia da quando andarono insieme ad Anacardo Mitraglia a vedere la prima del film "Harry Ducker e la biblioteca dei segreti". Una premessa della storia racconta di come a causa di un incidente causato da zio Paperino che aveva distrutto la casa, i tre si erano trasferiti temporaneamente nel Deposito con Battista e Miss Paperett a prendersi cura di loro.

Qui, Quo e Qua scoprono che i biglietti per i posti migliori sono ormai esauriti. Oliver Gooswon, il figlio del Sindaco, è uno dei fortunati ad avere i biglietti e così uno dei compagni di classe che prima lo prendeva in giro, Bill, comincia a comportarsi gentilmente con lui sotto lo sguardo di riprovazione di Qui, Quo e Qua che devono anche pensare a svolgere in fretta un compito assegnato dal prof sul prepararae un porgetto che descriva la città ideale. Sotto consiglio di Anacardo, i tre decidono di utilizzare Papernet per copiare un progetto già pronto. La loro conversazione viene udita da un altro dei loro compagni, Chuck, che la propone a Oliver in cambio di uno dei biglietti.

A casa di Anacardo la connessione non arriva perchè a acusa dell'incidente causato da Paperino alcuni cavi del telefono sono stati tranciati. Anacardo e Qui hanno un breve litigio su Paperino. Poi però si decide per un altra soluzione ovvero usare il supercomputer di Zio Paperone nel Deposito. Mentre Qua distrae Battista nelle cucine, gli altri si occupano del computer. Ma questo è programmato solo per cercare informazioni finanziarie e tutto si rivela inutile. Inoltre ricevono un messaggio beffardo di Oliver, Bill e Chuck che sono già al cinema. Per finire interviene Battista che in realtà aveva capito il loro piano e si fa raccontare tutto. Battista li porta così nella biblioteca di Paperone dove i ragazzini, che ormai hanno rinunciato al film, trovano molto materile utile e realizzano il progetto che, il giorno dopo, riceve i complimenti del prof che invece punisce Oliver ed i suoi compagni dopo aver scoperto che hanno copiato la ricerca dalla rete. I tre vengono esclusi dalla gita alla mega-fiera del futuro dove Qui, Quo e Qua scoprono che si stanno facendo delle riprese per "Star Duck VII" e vengono persino assunti come comparse.

Così concludono la storia mostrando come Oliver ottiene i biglietti anche per quel film, ma deve sopportare il fatto che loro appaiono all'interno.

Curiosità

Il film "Harry Ducker e la biblioteca dei segreti" è ispirato al secondo film della saga di Harry Potter, "Harry Potter e la camera dei segreti". Similmente "Star Duck VII" è ispirato alla saga di "Star Wars" (all'epoca ancora ferma a Episodio VI).

Errori

In una pagina Qua (contraddistinto dal suo classico colore verde) si offre di ascoltare dei discorsi sul tè da Battista per distrarlo mentre Qui e Quo usano il computer del Deposito. Ma nella pagina successiva Qua e Qui hanno i colori invertiti.

Pubblicazioni italiane

Storia precedente La biblioteca dei misteri Storia successiva
- 11 settembre 2007 Per uno skateboard in più

Per uno skateboard in più

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.