FANDOM




Iperborei
Agarthi 2

Creature iperboree al pascolo

Informazioni generali
Nome originale:Crion
Residenza:Agarthi

(catena himalayana)

Creato da:
  • Casty (sceneggiatura e disegni)
Fumetti
Debutto in:Topolino e l'impero sottozero (2015)


"Iperborei, Annunaki, Thuleani... le vostre leggende ci chiamano in molti modi.
Noi chiamiamo noi stessi
Crion e siamo un a forma di vita basata sul ghiaccio!"
Conte Dragpo

Gli Iperborei (secondo la denominazione accademica[1]) o Crion (come loro solgono definirsi[2]), sono una specie antropomorfa terrestre. Essi sono una forma di vita basata sul ghiaccio; oltre al popolo dei Crion esistono numerose specie animali che condividono questa particolarità fisiologica.
I Crion più famosi sono la regina Tabìa e il suo consorte, il Conte Dragpo

Queste popolo appare per la prima volta nella storia Topolino e l'impero sottozero, realizzata da Casty nel 2015. L'artista italiano ha preso spunto dal mito greco degli Iperborei per la realizzare di quest'avventura[1]. Secondo i filosofi greci gli Iperborei vivevano in una terra lontanissima, che costituiva un vero e proprio paradiso terrestre. Seppur con alcune differenze, il mito dell'esistenza di un popolo beato, trova riscontro in numerose altre civiltà.

CaratteristicheModifica

I Crion sono una forma di vita basata sul ghiaccio e per questo motivo possono sopravvivere solo alle basse temperature. Per questo motivo la loro esistenza è segnata dall'alternanza di periodi di veglia a un letargo prolungato. Infatti tutte le creature di ghiaccio entrano in un letargo millenario nel periodo che intercorre tra una glaciazione e l'altra, per poi ridestarsi nuovamente al sopraggiungere del freddo.

Questo loro ciclo è regolato dalla Guardiana destatrice che è anche la regina dei Crion. Essa con il suo canto richiama tutte le creature di ghiaccio nella città di Agarthi, sepolta sotto la catena dell'Himalaya, e le fa sprofondare in un sonno lunghissimo.
I Crion hanno sviluppato questo sistema di adattamento poiché le alte temperature sono pericolose per sè stessi. Non vengono uccisi, ma perdono la loro consistenza solida. La loro vita è molto più lunga di quella di un qualsiasi essere umano è un loro anno corrisponde a 96.000 anni terrestri[3].

TecnologiaModifica

I Crion hanno sviluppato una tecnologia avanzatissima, completamente basata sui cristalli di acqua. Questa tecnologia ha permesso loro di realizzare macchinari estremamente potenti, come il criocannone realizzato dal Conte Dragpo per cercare di congelare l'intero pianeta Terra.

AlmasModifica

Almas

Un Almas in azione

Gli Almas sono degli automi di ghiaccio, realizzati sempre grazie alla tecnologia iperborea. Essi sono alimentati da un particolare cristallo energetico e vengono utilizzati dai Crion come operai e soldati.
Alcuni Almas che non riuscirono a tornare all'interno della città di Agarthi dopo la campagna militare tentata da Dragpo, rimasero a vagare liberamente per le cime dell'Himalaya, alimentando la leggenda locale sull'esistenza degli Yeti, i cosiddetti abominevoli uomini delle nevi. La parola Almas è infatti usata dagli abitanti della Mongolia come sinonimo di Yeti[4], mentre l'aspetto degli Almas ricorda quello di alcune pitture rupestri ritrovate in Algeria nel 1933[4][5].

Allo stesso modo anche i Puki creature Crion simili a cavalli, ma dotate di un corno frontale e di grandi ali, sono all'origine di alcune leggende irlandesi[4].

NoteModifica

  1. 1,0 1,1 [1] Iperborei - Wikipedia.it
  2. [2] Topolino e l'impero sottozero, 2015
  3. Tabìa dice che 2 mesi Crion corrispondo a 16.000 anni umani
  4. 4,0 4,1 4,2 [3] Topolino 3093 - Approfondimento a Topolino e l'impero sottozero pagg 50-55
  5. [4] Petroglifi di Tassili n'Ajjer - Algeria
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.