FANDOM



Indiana Pipps cerca casa
Indiana Pipps cerca casa
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 2468-1
Sceneggiatura:Bruno Sarda
Disegni:Massimo De Vita
Prima uscita:18 Marzo 2003

Topolino 2468

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:24
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Indiana Pipps cerca casa è una storia scritta da Bruno Sarda e disegnata da Massimo De Vita, pubblicata per la prima volta il 18 Marzo 2003 su Topolino 2468.

TramaModifica

Indiana Pipps è di ritorno a Topolinia dopo una lunga avventura in cerca di una dimora che serva da rifugio tra un'avventura e l'altra. Indiana racconta a Topolino che nella sua casa in Amazzonia era dura passare il tempo e che ogni tanto gli fa piacere avere qualcuno con cui parlare. La notte cala e Indiana decide di accamparsi nel giardino di Topolino come al solito. Il mattino seguente Topolino temendo che i vicini possano cacciarlo di casa per la troppa confusione che Indiana fa col suo cd delle voci della natura inizia di buon'ora la ricerca della dimora di Indiana.

La giornata trascorre visitando numerose agenzie ma Indiana non riesce a trovare la sua casa ideale finché a Topolino non viene l'idea di portare l'amico nella Palude Nera, all'estrema periferia di Topolinia. Li gli fa vedere una casa abbandonata da secoli di cui Indiana si innamora anche a causa della zona che gli ricorda molto la sua Amazzonia. Tre settimane dopo Topolino torna a far visita all'amico che decide di mostragli la casa appena ristrutturata seguendo le sue esigenze e il suo spirito d'avventura.

Tuttavia Indiana ha ancora qualche modifica da fare e chiede all'amico di aiutarlo nei lavori del garage in modo che la Gippippa, la sua auto, possa stare al riparo dai coccodrilli che continuano a mordere e bucare le ruote della vettura. Cosi inizia la demolizione della veranda per far posto al garage dove abbattendo i muri viene ritrovata una mappa della setta dei cercatori con alcune parole incomplete. Ricomposte le parole mancanti Indiana inizia a pensare che quella sia la mappa del tesoro di un pirata, di cui ha letto, che disseminò la costa di tesori nascosti.

La ricerca del tesoro ha inizio nei luoghi in cui Indiana pensa di aver visto la roccia ovale raffigurata nella mappa ma nonostante i numerosi pericoli affrontati per arrivare sul luogo descritto da Indiana sul posto non vi è alcune traccia del tesoro. Studiando meglio la mappa a Topolino arriva un'idea quando Indiana nomina una certa spianata che lo fa andare via di corsa lasciando l'amico da solo. Indiana nota che il fiume della mappa combacia con quello della piantina di Topolinia e decide di raggiungere il luogo iniziando a scavare proprio vicino la roccia ovale. Ore dopo Indiana trova del petrolio ma al mattino la polizia che giunge sul posto svela che l'archeologo ha rotto un tubo dell'oleodotto del giardino botanico. Il poliziotto fa una multa salatissima a Indiana mentre poco dopo torna Topolino con un'amico.

Topolino rivela a Indiana che il nonno di questo suo amico era un'abile cercatore di funghi e che in quella mappa era proprio lui assieme alla sua comitiva. Topolino rivela su richiesta di Indiana che si era ricordato alla parola spianata di un posto dove andava sempre con questo amico rivelando anche il vero significato della mappa con le giuste parole mancanti cioè: mappa della spianata di bosconero. Indiana delusissimo pensa invece al prossimo tesoro da cercare poiché se no non potrà pagare la multa salatissima dei danni causati al giardino botanico.

RistampaModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.