FANDOM


  • Il mio quattordicesimo milione
  • Commenti



Il mio quattordicesimo milione
Il mio 14esimo milione

Prima pagina

Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 3123-1
Sceneggiatura:Fausto Vitaliano
Disegni:Andrea Freccero
Prima uscita:30 settembre 2015,

Topolino 3123

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:32
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Il mio quattordicesimo milione è il quattordicesimo episodio della saga di Tutti i milioni di Paperone. La storia è stata scritta da Fausto Vitaliano e disegnata da Andrea Freccero, pubblicata su Topolino n.3123 del 30 settembre 2015.

TramaModifica

Siamo da Nonna Papera e Paperino è esasperato dal fatto che Qui,Quo,Qua non smettano di giocare sul loro tablet. Tuttavia i nipotini rispondono che non stanno giocando, ma stanno leggendo il giornale. La parola "giornale" ricorda istantaneamente a Paperon de' Paperoni il guadagno del suo quattordicesimo milione e mostra ai nipoti la foto che celebra l'evento: lo Zione è vestito da cercatore d'oro, cosa che dovrebbe essere totalmente slegata con la stampa! In realtà la foto è perfettamente legata con la stampa e tutto cominciò nella Sierra Amarilla, una ricchissima regione aurifera confinante col Messico...

Lì Paperon de' Paperoni spera di trovare la Pepitoña, la pepita da un milione di dollari. Tuttavia tutta la Sierra Amarilla è controllata Jack Holdmon, un misterioso individuo che con i suoi scagnozzi obbliga i minatori a cedere la maggior parte dell'ora ritrovato (il 99, 998%)! Paperone se ne va, ma non riesce a capire come Holdmon sia diventato proprietario di tutte le miniere della zona e perché non è mai comparso sui giornali. La risposta alla seconda domanda è semplice: non esiste alcun giornale in tutta la Sierra Amarilla e lo Zione fiuta immediatamente l'affare. Zio Paperone s'associa con Wong, il tipografo della zona, fondando il Periodico de la Sierra.

Il giornale è un immediato successo che entusiasma tutta la Sierra, eccetto un polemizzatore di nome Park Shanning, sostenitore della diffusione gratuita dei giornali! Tra Zio Paperone Shanning si scatena una guerra di colpi bassi, in cui il secondo cerca di diffondere gratuitamente le notizie del primo e il primo che trova alcune astuzie per impedirlo. Tuttavia Shanning cambia immediatamente idea quando vince alla lotteria e si lancia in grandi acquisti, ma scopre che per un piccole errore di stampa del Periodico (poi smentito) egli non è in possesso del biglietto vincitore! Furioso, Shanning cita Paperone in tribunale, ma perde la causa.

Tuttavia Paperone è stanco del giornalismo e vorrebbe tornare a scavare oro se non fosse per Jack Holdmon. Wong propone allo Zione d'andare da Holdmon e parlargli, ma di lui circola solo una foto. Zio Paperone mostra tale foto a Wong, che il tipografo riconosce come un notaio di nome John Maldock. Grazie al biglietto da visita lasciato a Wong, Zio Paperone trova la casa di Maldock e scopre l'enorme truffa architettata dal notaio. Infatti Maldock, visto il suo mestiere di notaio, trucca i passaggi di proprietà delle miniere d'oro dei minatori a suo favore! 

Il mio 14 milione 02

La Pepitona d'oro porta Paperone a quota 14 milioni

Scoppia un enorme scandalo e John Maldock alias Jack Holdmon viene mandato in prigione. I minatori riottengono le loro miniere e Paperone, libero dalla minaccia di Holdmon, decide di ritornare a scavare oro. Wong continua il suo lavoro col Periodico e viene anche aiutato da Shanning a causa di qualche debituccio da saldare. Purtroppo lo Zione, malgrado il giornale, non è riuscito a raggiungere il quattordicesimo milione. Tuttavia la fortuna è dalla parte di Paperone e riesce a trovare la mitica Pepitoña! E furono quattordici milioni.

CuriositàModifica

  • Insieme al fumetto, in occasione della ripresa della saga, è stata allegata la quarta e ultima di quattro monete disegnate da Giorgio Cavazzano. Per questo episodio la moneta allegata è quella di Paperone.

RistampeModifica


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.